L’ Uci, l’ Unione Ciclistica Internazionale, ha inflitto nove mesi di squalifica a Dylan Groenewegen, il corridore olandese del team Jumbo- Visma-, che, in occasione della prima tappa del Giro di Polonia, spinse contro le barriere a pochi metri dall’arrivo il connazionale Fabio Jakobsen, che riportò danni serissimi al volto per il quale saranno necessari numerosi interventi di ricostruzione facciale.

Quando tornerà Groenewegen?

La sua sospensione terminerà il 7 maggio 2021, per cui dovrebbe tornare a ridosso dell’estate saltando tutte le classiche di primavera. Nel frattempo, il ciclista ha accettato di prendere parte ad una serie di iniziative a favore della comunità ciclistica.

“Una pagina brutta della mia carriera”.

Il corridore olandese ha commentato cosi la punizione che gli è stata inflitta: “Quella caduta resterà per sempre una pagina buia della mia carriera. Durante la volata ho deviato dalla mia linea. Mi dispiace, perché voglio essere un velocista leale. Le conseguenze sono state molto sfortunate e gravi. Sono consapevole di questo e spero che questo possa essere una lezione per ogni velocista. Seguo molto da vicino le notizie riguardo il recupero di Fabio. Posso solo sperare che un giorno possa tornare completamente. La chiusura del caso porta chiarezza e mi dà la responsabilità di guardare avanti. Sono felice di questo, anche se il 7 maggio è ancora lontano. Sono felice del supporto che ho dalla squadra, dalla famiglia e dagli amici. Assieme lavoreremo fisicamente e mentalmente, verso quel giorno”.

Giro di Polonia: Jakobsen vola sull’asfalto, non è in pericolo di vita

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20