Dopo che Mercedes, FIA e Red Bull hanno preso una posizione pubblica contro le parole razziste rivolte a Lewis Hamilton durante il Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1 anche le altre squadre hanno aggiunto le loro voci. Che la manovra di Lewis sia stata pericolosa è vero ma questo non dovrebbe mai spingere all’insulto e alle minacce. Il rispetto è la prima forma di maturità, si può dissentire e discutere ma mai si deve insultare l’interlocutore. Hamilton da sempre è stato vittima di insulti razzisti.


Gp Silverstone: Mazepin soddisfatto della sua gara


Hamilton razzismo: cosa è successo?

Il vincitore della gara Hamilton è stato oggetto di una raffica di insulti online dopo il controverso scontro di domenica con Verstappen che ha richiesto una dichiarazione congiunta tra la sua squadra e la FIA. Red Bull ha presto aggiunto la sua voce con altri team che hanno deciso di seguire il suo esempio. “Ho visto alcune delle osservazioni rivolte a Lewis dopo ieri” ha scritto Daniel Ricciardo. “Non importa cosa succede in pista, non c’è assolutamente posto per il razzismo e l’odio. Per favore dobbiamo essere migliori di così”. Anche il team di Ricciardo, la McLaren, ha aggiunto il suo sostegno alla causa. “La McLaren è con la Formula 1, la FIA e i nostri colleghi team e piloti nel condannare il deplorevole abuso razzista nei confronti di Lewis Hamilton” ha annunciato il team. “Il razzismo deve essere cacciato dal nostro sport ed è nostra responsabilità condivisa unirlo ed eliminarlo”.

Cosa ha detto Christian Horner?

Il capo del team Red Bull Christian Horner ha aggiunto la sua dichiarazione in aggiunta a quella fatta dalla squadra vincitrice del campionato del mondo. “Mentre la rivalità è intensa in pista per il campionato, le emozioni altamente cariche non dovrebbero mai superare il limite dell’abuso razzista”, ha dichiarato. “Abbiamo un approccio di tolleranza zero al comportamento razzista all’interno del nostro team e personalmente ritengo fortemente che i responsabili di questo tipo di abuso dovrebbero essere ritenuti responsabili. Continueremo a sostenere la FIA e la F1 per sradicare questo dal nostro sport”.

Pagina Twitter F1: https://twitter.com/f1

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20