honda-2021

La nuova stagione di Formula1 sta per iniziare il 28 Marzo 2021 e tutti i team si stanno lavorando per riuscire ad essere competitivi e per avere una stagione di successi. Infatti la squadra Honda-2021 punta alla vittoria finale, di certo è un obiettivo difficile da realizzare ma è l’unico risultato da percorrere. I piloti sono tutti in trepida attesa e vogliono dimostrare il loro valore, per questo sarà una stagione da seguire perché le soprese potranno essere molte.

Honda-2021: un motore da sistemare?

Questa stagione sarà l’ultima della Honda in F1, almeno per ora. Mentre la sua tecnologia dovrebbe continuare con il team la Red Bull cerca di formalizzare l’acquisizione del programma Honda. Il coinvolgimento ufficiale del produttore giapponese terminerà quest’anno. Il motore ha dimostrato le sue qualità nelle gare con la Red Bull, ma finora non è stato all’altezza della sua ambizione finale. Quest’anno si sta facendo tutto il possibile per cambiarlo: incluso l’uso di quello che potrebbe essere definito un motore 2022.

Fino a circa un anno fa, Honda aveva comunque in programma una serie di aggiornamenti per il suo propulsore per il 2021. Ma questo è stato quando la F1 si stava preparando per le nuove regole tecniche nel 2021. Quando la pandemia di coronavirus ha colpito, le nuove regole per le auto della F1 sono state rinviate al 2022 e sono state implementate limitazioni più rigorose del banco prova per il 2020. Honda ha deciso di posticipare di un anno anche il suo motore pesantemente aggiornato. Tuttavia, all’inizio della stagione 2020 lo scorso luglio è stato colto dall’entità dei progressi che la Mercedes era stata in grado di fare. La Red Bull sarebbe rimasta il secondo migliore team per quasi tutta la stagione. La società ha annunciato poi alla fine dell’estate di aver deciso di lasciare la F1: ma aveva già deciso di andare a tutto campo nel 2021.

Honda-2021: cosa ha detto Masashi Yamamoto?

L’amministratore delegato della F1 Masashi Yamamoto ha rilasciato delle dichiarazioni a The Race riguardo al portare avanti il motore 2022. Yamamoto ha detto: “Non è realmente connesso alla decisione di smettere. È piuttosto connesso alle prestazioni degli altri. Le prestazioni della Mercedes sono state davvero buone e anche stabili, e considerando che anche noi abbiamo pensato di dover apportare modifiche per il propulsore”.


Mercedes: Verstappen è una tentazione


Honda-2021: cosa ha detto Toyoharu Tanabe?

Il direttore tecnico della Honda F1 Toyoharu Tanabe invece ha detto: “Siamo ancora dietro alla Mercedes. Si sta avvicinando rispetto al precedente, ma il divario è ancora netto. “È ancora una situazione difficile dal punto di vista della power unit. Cerchiamo di ridurre il divario, quindi recuperare e poi sorpassare. Non è un lavoro facile per noi. Ogni singola unità deve migliorare. Nel complesso, abbiamo un grande divario con la Mercedes da recuperare”.

Ma con una sola modifica delle specifiche consentita dalla fine del 2020 al 2021, Honda ha dovuto considerare i rischi di gettare tutto in un nuovo motore per l’inizio dell’anno. Questa è stata “una delle sfide più grandi”, afferma Tanabe, perché se lo sviluppo del motore è insufficiente, non sarà consentito apportare ulteriori modifiche alla ricerca delle prestazioni durante la stagione. Alla fine, però, la Honda ha accettato di tornare al piano originale. “Abbiamo considerato molte cose”, dice Tanabe. “È facile spostare un programma in un secondo momento. È stato difficile spostarlo in avanti.

Tanabe: che cosa ha detto sul deficit con la Mercedes?

Tanabe sul divario che si dovrà superare con la Mercedes aggiunge: “Ma dal punto di vista delle prestazioni, il deficit della Mercedes è ancora lì. Allora come possiamo migliorare l’unità di potenza, come possiamo recuperare il ritardo? Le prestazioni dell’auto sono un pacchetto: telaio e propulsore. Il team sviluppa l’aerodinamica o l’impugnatura meccanica. Cosa possiamo fare, lato propulsore, per migliorare le prestazioni della vettura con la potenza del propulsore? “Stiamo cercando di raggiungere il top runner. Abbiamo deciso di introdurre quell’unità di potenza. Quindi, torniamo al piano originale (del 2021)”.

Honda-2021: come sarà la nuova monoposto?

un cambiamento importante nel design dell’auto, la “scatola” in cui si inserisce l’unità di potenza non cambia molto. E come dice Tanabe, il requisito per il motore è sempre che sia “piccolo, compatto e abbia un’installazione pulita”. Non ci sono state grandi “sorprese” nel modo in cui impacchettare il motore per le nuove regole, il che significa che potrebbe adattarsi sia all’auto del 2021 che a quella del 2022. Quello che si sa è che da quando Honda ha cambiato il layout del suo motore per il 2017, dividendo la turbina e il compressore come Mercedes, i suoi sviluppi sono stati significativi in ​​altri modi rispetto all’architettura fondamentale. 

Da allora ha mantenuto lo stesso design in ogni stagione, sviluppando i concetti al massimo, che sembra essere stato raggiunto nel 2020. Ma ciò non significa che stia arrivando un rimodellamento in stile 2017. Il layout del motore Honda non cambierà. La parte posteriore dell’auto rimane per lo più la stessa data la quantità di riporto del telaio per colmare il divario causato dal ritardare le nuove regole tecniche al 2022. Un cambiamento importante del layout è “impossibile dal punto di vista del telaio”, afferma Tanabe. Ma sembra che all’interno della “scatola” del propulsore, la Honda stia cercando di guadagnare il più possibile. Tanabe afferma che sia il motore a combustione interna che il sistema di recupero energetico saranno rielaborati per il 2021. Si tratta di un cambiamento significativo.

Honda-2021: quali miglioramenti verranno apportati?

Tanabe dice ancora : “Abbiamo provato diverse opzioni negli anni precedenti e alcune di esse hanno ottenuto un buon risultato. Allora lo applichiamo per il prossimo anno. Ci è voluto tempo per sviluppare un design diverso o un concetto diverso. Ora potremmo dire “OK, vai avanti. E un’ulteriore prova dell’entità dell’aggiornamento del motore Honda risiede nel rischio ad esso associato. Honda diffida dei problemi di affidabilità che si verificano quest’anno”.

Honda ha fatto passi da gigante dai tempi della fragilità che distrugge i rapporti con la McLaren e continuerà a intraprendere rigorosi test di durata con il suo propulsore 2021, ma perseguendo un nuovo motore si sta aprendo a problemi. Dovrà anche adattare le sue operazioni a bordo pista per il nuovo design. “Non possiamo dire che sia sicuro al 100 percento” ammette Tanabe. “Ovviamente, il motore da corsa sul banco prova a volte può terminare il test di durata senza problemi, ma quando porti quel propulsore in pista e hai altre situazioni crea problemi al propulsore”.

Honda-2021: riuscirà Honda a raggiungere i suoi obiettivi?

“Nuovi mezzi dal punto di vista della pista, dobbiamo aggiustare tutto per le gare. Non solo hardware, ma anche calibrazione. Preferirei fare due test di tre giorni, così possiamo fare gli aggiustamenti tra il primo e il secondo. Tre giorni sono troppo brevi secondo me”. Tanabe dice che la situazione porta un misto di eccitazione e trepidazione. Ogni produttore di motori bilancia rischio e ricompensa nello sviluppo della sua tecnologia ma, soprattutto sotto la guida di Tanabe, Honda è sempre stata attenta a non assumersi troppe grane. “È come una famiglia”, dice Yamamoto dell’alleanza Red Bull-Honda. “Quindi per noi, per i membri delle corse, è davvero dura. E naturalmente abbiamo cercato di continuare a correre con loro. Tuttavia è una decisione aziendale. È solo molto triste per noi. “Vogliamo soddisfare le aspettative dei team, e anche dei piloti, anche se abbiamo solo pochi mesi per concludere tutto. Ma faremo del nostro meglio per soddisfare le aspettative e la fiducia”.

Honda: le molte risorse spese

Ha impegnato le risorse finanziarie, umane e tecniche per lanciare tutto sul propulsore del 2021, e il personale Honda sa anche che questa tecnologia è destinata a correre nel 2022 e oltre, con la Red Bull che la prenderà. La Honda si è posta l’obiettivo di vincere gare e di arrivare nei primi posti nel campionato Mondiale di Formula1. “Non abbiamo ancora raggiunto questo obiettivo”, afferma Tanabe. Ma potrebbe essere in grado di farlo nel 2021 e questo fornisce uno scopo straordinario. “Le persone in Honda amano le corse”, aggiunge. “Se non hanno quella motivazione in se stessi, una volta che la Honda ha detto ‘OK, alla fine del 2021, lasceremo la Formula 1”. Secondo voi Honda lascerà la Formula1 per sempre? ditecelo nei commenti.

Pagina Twitter Honda: https://twitter.com/hondaracingf1 

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20