fbpx
Ottobre21 , 2021

Il budget per i costi per l’America’s Cup sono stati superati

Related

Zenit-Juventus 0-1: Kulusevski avvicina i bianconeri agli ottavi

La truppa di Massimiliano Allegri mette a segno il...

La Lazio ha il re del centrocampo: Milinkovic

Milinkovic-Savic negli ultimi anni è diventato uno dei giocatori...

Sergio Garcia non ci sarà a Misano

Il Gran Premio di MotoGP di Misano è ormai...

Mainz 05 vs Augsburg: pronostico e possibili formazioni

Due squadre della Bundesliga posizionate nella metà inferiore della...

Share

Problemi significativi sono emersi nel rapporto post-evento sui costi per l’America’s Cup. Sono stati evidenziati dai media irlandesi che riportano un “costo” stellare per l’organizzazione della prossima edizione del trofeo più prestigioso della vela.

Quali sono i costi per l’America’s Cup?

Nel corso delle ultime settimane, il costo esorbitante dell’organizzazione della 37a America’s Cup è stato riportato tra i 200 e i 600 milioni di euro. I media tradizionali, sia in Nuova Zelanda che a livello internazionale, hanno ripreso le conclusioni del rapporto commissionato dal governo neozelandese, che afferma che la 36a America’s Cup ha fruttato solo 0,72 o 0,85 dollari per ogni dollaro investito. Un cambiamento nel metodo di analisi rispetto alle Coppe precedenti, includendo i costi stimati per le “voci non finanziarie” ha fatto lievitare i costi di hosting di diverse centinaia di percento, rispetto ai metodi standard che ritraggono una visione più ragionevole.

L’analisi dei costi e dei benefici

Dopo l’evento di Auckland è stata usata un’analisi costi-benefici, che ha assegnato un valore monetario alle voci non finanziarie, alle quali è stato dato lo stesso status delle voci in denaro nel processo di valutazione. Le precedenti edizioni dell’America’s Cup sono state riportate sulla base di convenzioni contabili accettate piuttosto che sulla base del “funny money”. Le note allegate al rapporto commissionato dal Ministero degli Affari, dell’Innovazione e dell’Occupazione afferma chiaramente che una nuova metodologia è stata utilizzata per la AC36 “perché qualsiasi tipo di costo o beneficio può essere incluso se gli si può dare un valore monetario. Questo ha permesso di inserire gli impatti sociali, culturali e ambientali accanto a quelli economici”.

I costi non finanziari

Il rapporto include costi non finanziari che vanno ben oltre le sette cifre, compresi i “costi del carbonio” di 1,5 milioni di dollari. I “costi dei partecipanti all’evento” di 104,7 milioni di dollari che includono il “Valore del tempo e del denaro dedicato dai partecipanti all’AC36″. Il rapporto spiega che via come “Chiunque nei seguenti gruppi che hanno partecipato all’AC36 di persona: ACE, ETNZ, COR, Challengers, volontari, staff di trasmissione e dei media, proprietari di superyacht ed equipaggio, partecipanti pubblici“. In realtà solo alcune di queste persone sono pagate dall’evento, ma sono tutte incluse come costo di oltre 100 milioni di dollari per l’evento. Si tratta di un approccio molto esoterico, che va bene per gli economisti, ma non è molto utile per le potenziali sedi che cercano di capire quanto costerà ospitare la prossima America’s Cup. In apparenza, usando il mix di MBIE di costi e benefici teorici e reali, la 36a America’s Cup ha avuto un deficit di oltre 156 milioni di dollari. Le valutazioni teoriche dei costi e dei benefici rendono il rapporto MBIE impossibile da confrontare accuratamente con i precedenti rapporti sull’America’s Cup, che sono disponibili a partire dall’America’s Cup del 2000 ad Auckland.

300 milioni di euro di discrepanza nella rendicontazione

Per la versione semplice del costo per ospitare l’ultima regata dell’America’s Cup, si può consultare il rapporto operativo dell’America’s Cup Event Ltd . A pagina 68, il costo effettivo di 45,14 milioni di dollari neozelandesi (27 milioni di euro) per la gestione delle regate degli AC36 è dettagliato. La maggior parte di questi costi sono stati coperti dai 40 milioni di dollari neozelandesi pagati dal governo neozelandese. Il Consiglio di Auckland dice in un rapporto operativo che il costo effettivo dell’infrastruttura è stato di 106,3 milioni di dollari neozelandesi, che diventa un bene in eredità per i contribuenti della città di Auckland.

Il rapporto del Consiglio di Auckland sui costi per l’America’s Cup

Più accurato è il costo incluso in un rapporto operativo separato del Consiglio di Auckland che afferma: “In totale, la Corona ha speso circa 133 milioni di NZD, o 80 milioni di euro, per le infrastrutture, la tassa di investimento dell’evento o tassa di hosting (a 40 milioni di dollari) e altre spese operative”. In totale il costo dei lavori di costruzione delle infrastrutture, condivisi tra Consiglio e Governo, necessari per lo svolgimento dell’America’s Cup è stato di 238,4 milioni di NZD o 143 milioni di euro. Ma ricordate che si tratta di un costo di un progetto legacy, e non di una spesa una tantum per la 36a America’s Cup Hosting. E’ anche molto al di sotto dei 744,2 milioni di dollari neozelandesi dichiarati come costo dell’America’s Cup nel rapporto commissionato dal governo neozelandese – in effetti, c’è una discrepanza di oltre 500 milioni di dollari neozelandesi (300 milioni di euro). Ma poi i rapporti di ACE e WEA sono compilati sulla base di transazioni contabili, mentre i totali del rapporto del governo neozelandese sono gonfiati da “costi non finanziari”.

Impatto COVID minimizzato

Due blocchi COVID-19 sono stati chiamati durante la regata. C’è stato un blocco quasi totale dell’ingresso in Nuova Zelanda di fan, media, superyacht, sponsor, VIP e il solito entourage dell’America’s Cup. Il rapporto ignora il punto con il lamento “le restrizioni alle frontiere causate da COVID-19 hanno impedito alla maggior parte di queste persone di visitare la Nuova Zelanda”. “Gli arrivi di superyacht ad Auckland sono stati notevolmente ridotti. Le restrizioni sono state poste sul numero di media in grado di visitare, il che ha anche avuto un impatto sul livello di copertura dell’evento”, ha continuato. Nessuna menzione specifica è fatta delle entrate perse o del costo opportunità – per l’industria nautica neozelandese e l’economia più ampia come risultato del blocco effettivo della flotta di superyacht.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20