Con le reti di D’Urso e Diaw, il Cittadella coglie il risultato pieno al Curi di Perugia. I veneti hanno meritato la vittoria, giocando gli interi novanta minuti senza paura e sciorinando del buon gioco. La squadra di Venturato si dimostra compagine di categoria. Ora il Cittadella è al terzo posto della classifica, anche se deve aspettare molti risultati.

La partita

Dopo sei minuti, D’Urso vince una serie di rimpalli al limite dall’area perugina. Il numero dieci del Cittadella si porge la palla sul piede destro e poi fa partire un tiro che finisce nel sette del porta difesa da Vicario. Il vantaggio galvanizza la squadra di Venturato, che prende fiducia. Al 19′ sono ancora gli ospiti ad andare vicino al gol. Benedetti, su punizione, coglie Diaw tutto solo in area, l’attaccante calcia a botta sicura, ma Vicario, aiutato dalla traversa, riesce a deviare in angolo. Il Perugia sembra essere frastornato dal gioco aggressivo dei padovani e non trova spazio per sviluppare trame di gioco. Se in campo c’è una squadra che mostra di sapere attaccare questa è il Cittadella. Al 45′, il conteggio dei tiri verso lo specchio è di 6 a 1 per gli ospiti. Nel recupero, Rosafio si lancia in contropiede, pesca l’isoltato Diaw, che stavolta in spaccata buca la porta del Perugia (47′). Dopo il riposo la musica non cambia. La squadra di Oddo continua a mostrare disordine nella propria organizzazione di gioco. Al 67′, D’Urso ha sui piedi la palla per il tris, ma la sua conclusione va a sbattere clamorosamente contro la traversa. Nel finale, il Cittadella, concede qualche metro di campo alla compagine di Oddo, ma il Grifo non riesce mai ad arrivare a una seria conclusione verso la porta di Paleari.

Il Cittadella dimostra di valere sempre la categoria

Per questa trasferta di Perugia erano in pochi a credere in un successo della squadra di Venturato. Gli umbri, dopo la vittoria in Calabria sul Crotone, parevano lanciati verso la zona alta della classifica. Il forfait di Iori, negli istanti di inizio partita, aveva anche privato il Cittadella di una importante pedina per il centrocampo, costringendo così il mister Venturato a sostituire il capitano con Pavan. Ma sin da inizio gara il Cittadella ha mostrato di sapere stare meglio in campo dei padroni di casa. I veneti, nel primo tempo, hanno fatto registrare il recupero di 17 palle e la territorialità del campo è stata di sua assoluta padronanza.

Il Perugia non riesce più a vincere al Curi

Per il Grifo questa doveva essere la partita del decollo. Era dal 5 ottobre che il Perugia non riusciva a vincere una gara in casa (1-0 al Pisa). I tifosi umbri, dopo le ultime buone prove della squadra di Oddo, si aspettavano la vittoria. C’era molta fiducia, soprattutto nella coppia d’attacco Falcinelli-Iemmello. Il calabrese è tutt’ora il capo cannoniere della serie cadetta, con nove reti e il Cittadella era stata sempre una delle sue vittime preferite, avendogli segnato in carriera ben cinque gol. In più c’era anche questa enorme aspettativa per il centrocampo, che vedeva in mezzo al campo due uomini di regia come Carraro e Balic. Ma oggi per il Perugia tutto è andato storto. Questa, con il Cittadella, è forse stata la peggior prestazione degli umbri da inizio campionato. Con questa sconfitta, il Grifo perde pure la propria imbattibilità casalinga.

ll tabellino di Perugia-Cittadella 0-2

Reti: 7’ p.t. D’Urso (C), 45’+2’ p.t. Diaw (C).

Perugia (3-5-2): Vicario 5.5; Rosi 6, Gyomber 5.5, Falasco 5.5; Falzerano 5 (17’ s.t. Fernandes 6), Carraro 5 (13’ s.t. Buonaiuto 5.5) Balic 5, Nicolussi Caviglia 6, Di Chiara 5.5; Iemmello 5 (27’ s.t. Capone 5), Falcinelli 5. A disposizione: Fulignari, Albertoni, Nzita, Rodin, Sgarbi, Mazzocchi, Dragomir, Konate, Melchiorri. Allenatore: Massimo Oddo 5.

Cittadella (4-3-1-2): Paleari 6; Ghiringhelli 6.5, Adorni 6.5, Perticone 6.5 (1’ s.t. Frare 6) Benedetti 6.5; Vita 6.5, Pavan 7, Branca 6.5; D’Urso 8 (23’ s.t. Luppi 6) Diaw 7.5, Rosafio 7 (17’ s.t. De Marchi 6). A disposizione: Maniero, Mora, Iori, Camigliano, Bussaglia, Proia, Panico, Celar. Allenatore: Roberto Venturato 7.5.

Arbitro: Maggioni di Lecco 6.

Note: ammoniti: Falasco (P), Diaw (C), Paleari (C), De Marchi (C), Vicario (P).

Recupero: 2’ (p.t.). 5’ (s.t.).

Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.