Tiger Woods intervista prima incidente

Martedì verrà svelata una targa adiacente al 18° green del South Course a Torrey Pines per commemorare uno dei momenti più leggendari di Tiger Woods. Tiger Woods a Torrey Pines nel 2008, ha messo in buca da 3 metri e mezzo alla 72a buca per forzare uno spareggio contro il connazionale Rocco Mediate.

Tiger Woods a Torrey Pines: ci sarà?

Sulla targa ci sono le parole del commentatore della NBC quando è caduto il putt: “Ti aspettavi qualcosa di diverso?” Purtroppo Woods non sarà alla cerimonia. Il 45enne rimarrà nella sua casa in Florida, dove si sta ancora riprendendo dalle catastrofiche lesioni alle gambe che ha subito in un incidente d’auto a febbraio. Woods ha rifiutato un invito della NBC a partecipare alla trasmissione televisiva. Come sempre, permetterà al suo golf di parlare. E a Dan Hicks. Veterano di sei Olimpiadi, Hicks è un nome familiare negli Stati Uniti, noto per le sue “chiamate” su ciascuno degli otto ori record di Michael Phelps a Pechino nel 2008 e per tanti altri sport, tra cui il football americano e il basket. Eppure, dalla sua casa in Connecticut la scorsa settimana, ha ammesso che uno dei suoi commenti si è distinto su tutti gli altri. “Non c’è dubbio“, ha detto Hicks, 59 anni. “C’è gente che viene sempre a dirmi dove si trovava quando Tiger ha bucato quel putt. È allora che puoi dire quanto è stato grande un momento. E se sono sul campo da golf e perdo un putt, allora uno dei miei amici, o anche qualche altro giocatore di golf nelle vicinanze, grida sempre: “Ti aspettavi qualcosa di diverso?” Sono onorato di essere collegato a uno dei momenti fondamentali della carriera di Tiger. L’intera settimana è stata costruita per quei pochi secondi sul green finale e per lo spareggio a 18 buche del giorno successivo. Era come una telenovela. Semplicemente non riuscivi a staccare gli occhi da Tiger”.

Quel giorno a Torrey Pines nei commenti

Ci sono state citazioni di altri commentatori sportivi su Woods che sono passate alla storia nel golf. Il “migliore della maggior parte” di Gary Koch quando Woods ha messo in buca da 18 metri il 17 a Sawgrass ha guadagnato lo status di icona. E anche “Wow! Nella tua vita” quando Woods ha partecipato al 16 al Masters del 2005. Tuttavia, le tre parole di Hicks devono prendere il posto d’onore perché hanno incapsulato l’intera esperienza di guardare Woods, e non solo per quella settimana straordinaria.

Quel giorno di Tiger Woods a Torrey Pines

Sapevamo che non avremmo mai dovuto cancellarlo, ma era sempre impossibile non credere che la realtà e le regole di un gioco crudele un giorno lo avrebbero raggiunto. E questo era. Questo era l’istante in cui Woods si sarebbe finalmente confermato come essere umano. Erano le 17:52, ora della costa occidentale, e l’aura di Woods stava per tramontare con quel sole della California. Nessuno era consapevole dell’intensità del dolore di Woods. La sua smorfia era, infatti, diventata l’immagine duratura del 108th US Open mentre si afferrava la gamba e si piegava quando così tanti dei suoi drive volavano ovunque tranne che sul fairway. Woods era stato operato in artroscopia al ginocchio nove settimane prima e da allora non aveva più gareggiato. Eppure era irremovibile dichiarando che stava bene. “Ricordo di aver intervistato Tiger all’inizio della settimana e gli ho chiesto: ‘Come ti senti? Come ti senti davvero?‘”, ha detto Hicks. “Senza esitazione, con quel sorriso che abbiamo visto un milione di volte da Tiger, ha risposto: ‘Oh, sto bene, sto bene, fratello’. Dal modo in cui l’ha detto, potevo dire che stava nascondendo qualcosa. Ricordo di essere tornato al nostro trailer della NBC e di aver detto: “Sapete ragazzi, penso che ci sia un po’ di più da fare qui”. E quando ha iniziato a usare questo club come una stampella, questo è diventato chiaro. Ma ancora una volta, non avevamo idea della portata fino a dopo il fatto, ed è per questo che è stata la migliore occasione sportiva a cui abbia mai partecipato. La storia è migliorata sempre di più, anche dopo che presumibilmente era finita”.

I danni da stress e la tenacia

Solo due settimane prima un consulente aveva studiato i raggi X delle due fratture da stress che Woods aveva subito allo stinco mentre si allenava troppo strenuamente, troppo presto e lo pregò di passare quattro settimane con le stampelle. “Sto giocando”, aveva detto il paziente, ma mentre si fermava su quei 3 metri e mezzo accettò di essere finito. Eppure quello che non poteva accettare era l’idea che il suo ultimo colpo fosse stato un colpo perdente. Quando il putt di Woods partì, iniziò a ondeggiare e rimbalzare sui dossi, lasciando il terreno almeno cinque volte. Sembrava virare a destra e 30 centimentri fuori. Era certo di rimanere fuori. Ma poi Woods ha fatto qualche passo alla sua sinistra, la palla a quanto pare ha seguito l’esempio e si è abbassata sul lato alto.

Il colpo da maestro

Mentre Tiger gettava la testa all’indietro e azionava il suo doppio pugno, Mediate, guardando nella capanna dei marcatori, scuoteva la testa e sorrideva. “Incredibile“, ha detto. “Sapevo che ce l’avrebbe fatta.” Hicks ha ricordato: “Quei playoff di lunedì a 18 buche potrebbero essere anticlimatici, ma ne sono usciti 25.000 e come ha detto Tiger, ‘Rocco ha combattuto un inferno’, prima di soccombere alla prima buca in più. Era un’atmosfera fenomenale. Tutti erano ancora su di giri da domenica sera. Dopo non abbiamo visto Woods per un po’“.


Tiger Woods lascia l’ospedale: “Sono tornato”


Lo stop, il ritorno e l’incidente

In effetti, sono passati otto mesi prima che riapparisse, e l’attesa era enorme su quanto ci avrebbe messo a raggiungere e superare il record di 18 major di Jack Nicklaus. Poi l’alone indistruttibile è scivolato quando YE Yang ha portato il suo vantaggio di 54 buche al Campionato US PGA 2009 e poi, pochi mesi dopo, l’alone è stato ridotto in mille pezzi quando è emerso lo scandalo sessuale. La grande siccità di Woods è durata 11 anni fino alla sua resurrezione ai Masters 2019. “Sono sicuro che mostreremo quel putt ancora e ancora ora che torneremo al South Course – non invecchierà mai”, ha detto Hicks. “Ci mancherà Tiger, di sicuro, ma Phil Mickelson potrebbe completare la carriera del Grande Slam, quindi ci sono molte opportunità per un’altra grande storia. È giusto dire, tuttavia, che Tiger ha messo l’asticella di Torrey piuttosto in alto”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20