fbpx

Il presidente della FIA “sorpreso” dalla “reazione negativa” all’offerta di Andretti GM F1

Date:

Il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem ha espresso la sua “sorpresa” per la “reazione negativa” all’ultima spinta di Andretti per un ingresso in Formula 1 con General Motors.

Andreatti in formula 1

La saga dei tentativi di Andretti Global di entrare nel campionato mondiale ha preso un’altra piega nei giorni scorsi, quando ha annunciato l’intenzione di collaborare con GM, in particolare attraverso il marchio Cadillac. Questa notizia è arrivata pochi giorni dopo che Ben Sulayem aveva twittato che la FIA avrebbe lavorato a un processo formale di manifestazione di interesse per i potenziali team di F1. È da notare inoltre che il presidente della FIA ha precedentemente espresso il suo personale sostegno alle iniziative di Michael Andretti, mentre la mossa della GM è stata accolta con una risposta che potremmo definire tiepida dalla stessa F1. Ben Sulayem ha twittato nuovamente sulla questione, in un post in cui sono stati taggati Cadillac, Andretti Autosport, GM, FIA e F1. “È sorprendente che ci siano state reazioni negative alle notizie su Cadillac e Andretti”, ha scritto. “La FIA ha accettato l’ingresso di organizzazioni più piccole e di successo negli ultimi anni. Dovremmo incoraggiare l’ingresso in F1 di produttori globali come GM e di corridori di razza come Andretti e altri.” L’interesse dei team dei mercati in crescita aggiunge diversità e amplia l’attrattiva della F1″.

Cosa sta succedendo

Non è stato specificato di chi sia la reazione “avversa”, anche se la F1 ha minimizzato lo sviluppo Andretti-GM in una dichiarazione rilasciata in risposta, in cui si sottolinea che anch’essa deve approvare qualsiasi nuovo ingresso. “In questo momento c’è un grande interesse per il progetto F1, con una serie di conversazioni che proseguono e che non sono visibili come altre”, si legge nel comunicato. Vogliamo tutti garantire che il campionato rimanga credibile e stabile e qualsiasi richiesta di ingresso di nuovi concorrenti sarà valutata da tutte le parti interessate in base a criteri che soddisfino questi obiettivi”. “Qualsiasi richiesta di ingresso di nuovi concorrenti richiede l’accordo sia della F1 che della FIA”. Le squadre godono di una maggiore stabilità finanziaria rispetto a qualsiasi altro momento a memoria d’uomo, grazie in parte alla crescita commerciale della F1, ma anche all’implementazione di un tetto massimo di budget associato al modello di franchising. Inoltre, il montepremi è ora suddiviso tra 10 squadre, il che significa un effetto diluitivo se Andretti dovesse unirsi alla mischia come ulteriore squadra. Un nuovo team è obbligato a pagare una tassa anti-diluizione di 200 milioni di dollari, ma si tratta di un pagamento una tantum. La possibilità di creare più valore per gli operatori storici è quindi un fattore significativo, come sottolineato da Toto Wolff, team principal della Mercedes.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

I migliori giochi di volley: molti di più di quanti ne conoscevi

Il mondo dei giochi on line è estremamente vario....

SMI evento solidale per uno sport inclusivo

Arriva SMI, progetto solidale per uno sport inclusivo con...

Milan vs Inter 0-3 i rossoneri ne escono demoliti

Termina il match delle ore 20.45 tra Milan vs...

I migliori tennisti degli Australian Open all time e favoriti del 2023

Sono pronte le quote Australian Open 2023 per il...