19/12/2020 - Auckland, NZ
America's Cup World Series Third Day of Racing

Un giornalista del Telegraph ha raccolto le impressioni e le riflessioni di Ineos Team UK dopo la fine del sogno della Prada Cup.

Cosa succederà a Ineos Team Uk adesso che il sogno della Prada Cup è finito?

Ineos potrebbe aver perso contro Luna Rossa nella finale della Prada Cup, ma dopo una campagna lunga e combattuta domenica sera si sono comunque goduti qualche drink. Il team ha avuto un giorno di riposo lunedì per riprendersi da quello che è stato un periodo frenetico dentro e fuori dall’acqua. Oggi il pensiero è rivolto al futuro con una riunione del team in cui il personale verrà informato sui piani futuri. L’Italia si è guadagnata il diritto di sfidare la Nuova Zelanda nella 36esima partita di Coppa, che inizierà il 6 marzo. E il panorama potrebbe sembrare molto diverso per Ineos a seconda di chi vincerà.

Cosa farà ora Ainslie?

Ainslie, che ha sua moglie Georgie e sua figlia Bellatrix con lui ad Auckland, rimarrà in Nuova Zelanda fino alla fine della Coppa. Il team principal di Ineos sarà effettivamente in Nuova Zelanda fino a metà aprile, quando, Covid-19 permettendo, si sposterà alle Bermuda per la prima gara della seconda stagione di SailGP. Lì, Ainslie si incontrerà di nuovo con l’uomo che ha avuto la meglio su di lui nella finale della Prada Cup, il co-timone di Luna Rossa Jimmy Spithill. Spithill quest’anno è a capo di una nuova entrata negli Stati Uniti in SailGP. Affronterà anche l’uomo che sperava di affrontare nella partita di Coppa America del mese prossimo, Peter Burling del Team New Zealand.

Perché restare?

Il motivo per cui Ainslie resta in Nuova Zelanda è duplice. In primo luogo, non ha molto senso tornare subito nella Gran Bretagna chiusa per la pandemia. In secondo luogo questo è un momento cruciale per il prossimo ciclo di Coppa. Le attività di lobbying e politiche nelle prossime settimane saranno estremamente importanti. Si dice che Ineos sia in pole position per essere nominato Challenger of Record per AC37 se la Nuova Zelanda difendesse con successo la propria corona il mese prossimo. Sarebbe una spinta enorme in quanto consentirebbe loro di contribuire a plasmare i protocolli del prossimo set, dando alla squadra britannica un vantaggio sugli altri sfidanti. Se gli italiani trionfano il mese prossimo, la situazione è molto meno certa. Ci sono stati molti problemi tra Ineos e Luna Rossa negli ultimi mesi.


Luna Rossa vince la finale Prada Cup e diventa Challenger per la terza volta


Sir Jim Ratcliffe continuerà a finanziare la squadra per il sogno della Prada Cup?

Questa è la domanda da 100 milioni di dollari (anzi 110 milioni di sterline in questo caso). Si ritiene che anche Ratcliffe e altri dirigenti senior di Ineos, compreso il collega proprietario di Ineos Andy Currie, rimarranno in Nuova Zelanda per un po’. Così come Chris Cecil-Wright, presidente del gruppo di lavoro istituito per gestire la comunicazione e l’interazione tra il team velico, The Royal Yacht Squadron e Ineos. Ratcliffe, che ha investito 110 milioni di sterline in questa campagna, ha già ammesso di essere interessato a restare per un’altra campagna. Ma ha anche detto che vuole vedere alcuni cambiamenti. Tra le richieste di Ratcliffe: più stabilità, più squadre, costi di ingresso inferiori, meno beghe legali, più azione tra le coppe simili ai tour delle World Series svoltisi nell’ultimo ciclo. Insomma, uno sport più professionale e una struttura commerciale più sostenibile. Ratcliffe ha persino suggerito un organo di governo. “L’America’s Cup dovrebbe essere l’apice della vela e penso che questa nuova classe di barche sia il modello perfetto per il futuro“, ha detto di recente. “Questa formula è davvero entusiasmante, quindi penso che se l’America’s Cup si attaccherà a questo, avrà un futuro molto eccitante. A mio avviso, deve essere una parità di condizioni. Non è al momento. C’è troppo vantaggio per il difensore e lo sfidante del record“. Le prossime settimane dovrebbero essere politicamente affascinanti.

E la Mercedes F1?

Ciò dipenderà probabilmente dalla permanenza di Ratcliffe e Ineos, la società petrolchimica ora è azionista del 33% nel team di F1. Ma la Mercedes F1 sembra entusiasta. Il caposquadra Toto Wolff era irremovibile prima dell’inizio della Coppa Prada che, qualunque fosse il risultato, ci fosse continuità. “Ci è voluto un po’ [Mercedes F1] per diventare la squadra che siamo oggi“, ha detto Wolff a Telegraph Sport. “Eravamo quattro anni in questo sport prima di iniziare a vedere alcuni dei grandi trofei nelle nostre mani. E penso che questo progetto abbia bisogno di tempo. Nello sport, le risorse possono fare molto: risorse finanziarie ma soprattutto le persone giuste. Ma quello che non puoi comprare o accelerare nello sport è il tempo. Questo è il motivo per cui in Formula 1 vedi organizzazioni più grandi – Toyota, BMW, Honda – che abbandonano perché non hanno la consapevolezza che semplicemente non puoi accelerare la curva di apprendimento. Se ti viene dato il tempo per imparare e il tempo per migliorare, alla fine le brave persone con buone risorse rimarranno al top per molto tempo “.

Foto: sito ufficiale Ineos Team UK

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20