Il calcio è uno degli sport più apprezzati al mondo per via della sua dinamicità e dei benefici che apporta alla salute. Se in Italia l’ISTAT ne ha certificato la pratica da oltre 4 milioni di persone, secondo una ricerca americana pubblicata su Forbes è l’attività preferita dal 45% della fascia di popolazione under 35.

I mesi di stop forzato dovuto al lockdown hanno però avuto impatti negativi sulle condizioni psicofisiche dei giocatori, costretti a rimandare gli allenamenti sul campo. Secondo un’indagine della WPA – World Players’ Association pubblicata su Reuters, infatti, il rischio di infortuni è passato dallo 0,27% allo 0,88% nelle prime giornate di Bundesliga. Stando a una ricerca pubblicata sulla BBC, giocare numerose partire nell’arco di un mese aumenta del 25% il pericolo d’infortuni.

Problematiche fisiche che hanno recentemente accomunato numerosi giocatori: Ibrahimovic (lesione del muscolo soleo del polpaccio destro), Radja Nainggolan (distrazione di primo grado del muscolo soleo del polpaccio destro) e Simone Verdi (lesione di primo grado al retto femorale sinistro).

Ecco i consigli degli esperti

Seguire un protocollo di recupero per riossigenare e rivascolarizzare la muscolatura, prediligere un tipo di allenamento “eccentrico” e ricorrere al cryostretching e, in caso di stop, affidarsi alla laserterapia Theal Therapy per ridurre i tempi di recupero.

Infortuni

“La ripresa dell’attività calcistica dopo mesi di prolungato stop dovuto all’emergenza sanitaria è strettamente correlata all’aumento del rischio di infortuni – ha spiegato il  dott. Paolo Tenconi, medico/preparatore atletico professionista e allenatore  Uefa B.

A causa del Covid gli  allenamenti sono stati ridotti all’osso e si è andati incontro a una  riduzione della potenza aerobica, della  forza muscolare e una modifica della  composizione corporea. Per questo motivo, con la ripresa del campionato, è necessario che i giocatori seguano un protocollo di recupero per riossigenare e rivascolarizzare la muscolatura, lavorando con esercizi mirati su adduttori, polpacci, quadricipiti femorali e flessori”

Gli infortuni più comuni nel calcio

Le parti più vulnerabili sono gli arti inferiori, soggetti a lesioni traumatiche, come un calcio alla gamba o una torsione del ginocchio, e a uno sforzo muscolare eccessivo. I calciatori sono sensibili a queste problematiche fisiche a causa dei rapidi cambi di direzione, dei movimenti laterali, delle rapide accelerazioni e decelerazioni.

Secondo uno studio della National Athletic Trainers’ Association gli infortuni più comuni sono gli stiramenti muscolari (25,8%), seguiti da distorsioni dei legamenti (25,3%), contusioni (20,3%) e commozioni cerebrali (5,5%).

Le lacerazioni della cartilagine e le distorsioni del legamento crociato anteriore sono alcune delle lesioni più comuni a richiedere intervento chirurgico. Nel calcio giovanile il 30% degli infortuni è causato dalle cattive condizioni del campo di gioco e il 45% dall’utilizzo di calzature sportive non idonee alla propria conformazione.

Ecco infine il decalogo degli esperti per prevenire e curare i più frequenti infortuni legati alla ripresa dell’attività calcistica:

1. SOTTOPORSI A UN’ATTENTA VALUTAZIONE FISICA

Ascoltare i consigli di un preparatore atletico professionista è fondamentale per valutare eventuali squilibri posturali e prevenire lesioni e infiammazioni.

2. SEGUIRE UN PROTOCOLLO DI RECUPERO CON UNO STAFF MEDICO

Per riossigenare e rivascolarizzare la muscolatura è necessario lavorare con esercizi mirati all’allungamento degli arti inferiori.

3. INDOSSARE CALZATURE SPORTIVE IDONEE

Le distorsioni, le tendiniti e le lussazioni possono essere causate all’uso di calzature inadeguate. Le scarpe con i tacchetti assicurano un miglior controllo, soprattutto su terreni bagnati o con erba alta. 

4. STRETCHING PRIMA E DOPO GLI ALLENAMENTI

5. IDRATARSI PRIMA, DURANTE E DOPO LE PARTITE

Mantenersi correttamente idratati è il monito principale per garantire una performance atletica ottimale, riducendo fatica e stress. Anche livelli moderati di disidratazione possono danneggiare i risultati in campo. 

6. PREDILIGERE UN TIPO DI ALLENAMENTO ECCENTRICO

Le sedute di allenamento dovrebbero concentrarsi su esercizi finalizzati a migliorare il controllo motorio e la capacità muscolare di adduttori, polpacci e quadricipiti femorali.

7. SOTTOPORSI A MASSAGGI DECONTRATTURANTI

Giocare a calcio sottopone a sforzo continuo l’apparato muscolare: per scongiurare contratture, stiramenti e strappi è utile sottoporsi periodicamente a massaggi che permettono il rilassamento dei muscoli. 

8. EVITARE DANNI DA SOVRACCARICO FUNZIONALE

Il giocatore deve imparare ad ascoltare il proprio corpo e dosare i carichi di lavoro durante l’allenamento per evitare stress da sovraccarico. 

9. CONTROLLARE LE CONDIZIONI DEL CAMPO DA GIOCO

10. IN CASO D’INFORTUNIO UTILIZZARE LA LASERTERAPIA

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20