Sicuramente esiste comunione d’intenti tra Binaghi, numero uno della FIT, e il ministro Spadafora. L’obiettivo è quello di far svolgere gli Internazionali d’Italia a settembre. 

«L’ATP ci ha chiesto di allungare gli Internazionali BNL d’Italia, con 96 iscritti e tre giorni in più di partite. Pagherebbe anche la differenza di montepremi», ha detto Binaghi un po’ a sorpresa. Solo pochi giorni fa Andrea Gaudenzi si era espresso sullo swing europeo senza accennare minimamente a questa ipotesi.

Sicuramente il fatto che Madrid non si giochi più ha dato ancora maggior visibilità al torneo italiano. Non va dimenticato, poi, che in questo modo i giocatori avranno più tempo per riprendersi dagli US Open di New York, al via il 31 agosto.

«Dopo il prossimo DPCM vedremo se ci verrà data la possibilità di aprire il torneo al pubblico. Sicuramente è una possibilità che vogliamo percorrere. Altrimenti, con soli costi in più non potremmo permettercelo. Può succedere che il torneo non finisca di domenica», ha concluso il presidente della FIT.

Intanto Nadal fa tremare i suoi fan. Lo spagnolo non si è iscritto allo Slam americano e ora la cancellazione di Madrid ha gettato delle ombre anche sulla sua stagione nella terra rossa. «Non so ancora se giocherò a Roma, aspetto il nuovo calendario dopo la cancellazione di Madrid. Mi preparerò per la terra europea, ma bisognerà valutare la situazione fra un mese, al momento non saprei dire quale sia il mio programma», ha spiegato lo spagnolo.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20