Valentina Cernoia e Cristiana Girelli dopo uno dei gol segnati alla Giamaica a Reims (Tullio M. Puglia/Getty Images)

Si chiude con una sconfitta il percorso dell’Italia nel girone C del Mondiale di Francia. Risultato che non incide sulla classifica finale, con le ragazze di Milena Bartolini che vincono il proprio raggruppamento davanti all’Australia e al Brasile e aspetta giovedì per conoscere chi tra Nigeria e Cina dovrà affrontare negli ottavi di finale.

Il copione del match rispecchia le ambizioni e gli obiettivi delle due compagini, con le azzurre che si limitano a gestire e le brasiliane che partono a spron battuto per cercare di evitare il pericoloso terzo posto finale. La prima vera occasione però è per l’Italia, con Bonansea che dopo 5 minuti scalda i guantoni di Barbara e spaventa i verdeoro. Da quel momento però è un assolo del Brasile, che prende possesso della metà campo imprimendo un ritmo forsennato alla sfida, Al minuto 17 è Debinha a costringere Giuliani al miracolo: la numero 1 azzurra devia di puro istinto un colpo di tacco indirizzato sotto la traversa e sul calcio d’angolo seguente devia sulla traversa un insidioso tentativo di Marta. L’Italia, costretta dall’inerzia del match a giocare di rimessa, risponde al minuto 37 con una girata volante della sempre presente Bonansea su perfetto cross di Guagni: brava Barbara a disinnescare. L’intensità molto alta premia la tecnica delle fuoriclasse e se nel Brasile abbondano i talenti, nelle fila nostrane è da sottolineare l’eleganza e la classe di Girelli, alla quale il VAR annulla il goal dell’1-0 per un netto fuorigioco.  

Il bellissimo primo tempo lascia spazio ad un secondo in cui le azzurre si mostrano subito in debito d’ossigeno e incapaci di ribattere prontamente colpo su colpo. Al 52’ Andressinha stampa sulla traversa una velenosa punizione dal limite, poi pochi minuti dopo serve un cioccolatino a Katheleen che spreca malamente di testa. Il forcing avversario induce Milena Bartolini alla prudenza: dentro Bergamaschi per Giacinti e baricentro più basso per arginare le scorribande brasiliane. Sembra filare tutto liscio quando ad un quarto d’ora dalla fine Debinha penetra in area e viene arginata da Linari. Per l’arbitro l’intervento è troppo irruento e per questo decreta un rigore molto dubbio che dopo conferma VAR Marta trasforma nella rete dell’1-0 scrivendo la storia dei mondiali di calcio: diciassettesimo goal nella rassegna iridata e record di Miroslav Klose raggiunto. Gli ultimi 10 minuti sono di autentica tensione in quanto un’altra rete brasiliana condannerebbe l’Italia al terzo posto. La strenua resistenza delle nostre ragazze viene premiata e al fischio finale può scoppiare l’irrefrenabile gioia: il sogno Mondiale è più vivo che mai.

ITALIA – BRASILE 0-1

ITALIA (4-3-3): Giuliani; Guagni, Gama, Lunari, Bartoli (26′ st Boattin); Galli, Giugliano, Cernoia; Giacinti (17′ st Bergamaschi), Girelli (33′ st Mauro), Bonansea

C.T.: Bertolini

BRASILE (4-5-1): Barbara; Santos (31′ st Poliana), Kathellen, Monica, Tamires; Ludmila, Andressinha, Thaisa, Marta (39′ st Luana), Debinha; Cristiane (20′ st Beatriz)

C.T.: Vadano 

Marcatori: 74′ Marta (R)

Arbitro: Venegas (MEX)

Ammoniti: Bartoli, Santos

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.