― Advertisement ―

spot_img

Valencia – Girona – probabili formazioni

La battaglia del Girona per arrivare sopra il Barcellona al secondo posto della classifica della Liga continuerà domenica 19 maggio sera, quando si recherà...
HomeOlimpiadi TokyoGolfJon Rahm: il rivale da battere a golf a Tokyo

Jon Rahm: il rivale da battere a golf a Tokyo

I suoi risultati nei major lo rendono il grande favorito per la medaglia d’oro di golf a Tokyo. Fa parte della potente delegazione statunitense, guidata da Morikawa, anche in lizza.

Chi è Jon Rahm della delegazione di golf a Tokyo?

Jon Rahm è il grande rivale da battere ai giochi di Tokyo. Il numero uno nel ranking mondiale e, soprattutto, i suoi risultati nei principali tornei dell’anno, con quattro top 10, tra cui la sua vittoria agli US Open, lo rendono il principale favorito per vincere la medaglia d’oro. Il Biscayan, che è molto eccitato per l’evento olimpico nonostante essere inscatolato nel calendario e le difficoltà che i partecipanti incontreranno a causa delle restrizioni della pandemia, avrà un avversario duro nella potente squadra degli Stati Uniti. La squadra è guidata dal giovane Collin Morikawa, recente vincitore del British Championship con un golf abbagliante, ma comprende anche Justin Thomas, il terzo giocatore del mondo, Xander Schauffele, sempre solido e sicuro, e Bryson Dechambeau, un talento puro e uno dei professionisti più imprevedibili del circuito.

Quando iniziano le gare di golf a Tokyo?

La competizione maschile si terrà tra il 29 luglio e il 1° agosto e si svolgerà al Kasumigaseki Country Club di Saitama, a circa quaranta minuti dal centro della capitale giapponese. Il campo, che ha già ospitato altri grandi eventi, è un vero gioiello paesaggistico ed è circondato dalla spettacolare foresta delle colline di Musashino. Tuttavia, questo ambiente idilliaco “nasconde” fairway tortuosi, pieni di ondulazioni, e anche green molto grandi che metteranno in pericolo i pars di coloro che non lasciano la palla nel posto giusto la prima volta. Il corso premierà quindi la precisione e punirà duramente gli errori.

Rahm e la competizione a Tokyo

La lettera di presentazione di Rahm a Tokyo è imbattibile ed è supportata da un fatto che migliora ulteriormente le sue prestazioni durante questo corso. Nessun golfista europeo fino ad oggi – né Ballesteros, Langer, Faldo o McIlroy, per citarne quattro indiscutibili – era riuscito a mettere insieme quattro top ten nei major nella stessa stagione. Il biscayano ha. E dovrebbe aggiungerne un quinto se a questo risultato si aggiungesse il Masters del novembre 2020. Lo scorso aprile ad Augusta è arrivato quinto con un memorabile ultimo giorno in cui ha firmato la migliore carta con 66 colpi. Poi è arrivato il suo ottavo posto al Kiawah Island PGA, dove ha iniziato a sentire il nuovo putter che lo avrebbe portato al top settimane dopo all’US Open. Il suo recente terzo posto al British Open nel Kent ha confermato che il nativo di Barrika raramente sbaglia e che anche quando lo fa, è molto difficile batterlo. A questi risultati va aggiunta la sua esibizione all’Ohio Memorial, che ha dovuto abbandonare alla fine del terzo giorno a causa del suo test positivo per il coronavirus quando già lo aveva nel sacco.


Teniamo sott’Tokyo il tennis italiano Berrettini k.o.


Coerenza

Rahm ha raggiunto qualcosa di insolito in questo sport, che è la coerenza. Una stabilità che si è basata sulla qualità, ma anche sulla fede e sulla forza mentale, altri ingredienti fondamentali quando le cose si mettono male. Le sue ultime nove buche di domenica al Royal St. George’s sono il miglior esempio di quella forza che lo rende unico. Il biscayano aveva sofferto tutti gli alti e bassi e niente stava andando la sua strada, con il rischio evidente di ritirarsi dal torneo. Tuttavia, è stato in grado di superare tutto questo per trovare la versione migliore di se stesso e segnare quattro birdie di fila che lo hanno portato al terzo posto nella finale. Collin Morikawa, imbattibile nella lotta per il Sandwich Claret Jug, sarà il principale avversario di Rahm nella lotta per l’oro olimpico. A soli 24 anni, questo californiano di origine cinese-giapponese ha già due major al suo attivo, il PGA e il British, ed è difficile trovare debolezze in lui. Ne aveva uno, il putter, ma l’ha seppellito l’ultimo giorno del British Open.