Come da pronostico la Juventus si sbarazza assai agevolmente della Spal con una prestazione convincente dimostrando di essere in costante crescita.

Primo tempo complicato per i bianconeri che, specie nella prima mezz’ora, faticano a trovare spazi malgrado comunque Berisha ne eviti il vantaggio in almeno tre occasioni. Ci vuole il solito Pjanic a sbloccarla con una spettacolare girata al volo a un minuto dall’intervallo.

Nella ripresa i bianconeri azzannano letteralmente l’avversario tenuto in partita ancora da Berisha, che però deve arrendersi a un colpo di testa ravvicinato di Ronaldo.

I bianconeri tornano così per qualche ora, in attesa del risultato dell’Inter, in vetta alla classifica, mentre la Spal rimane fanalino di coda.

La Partita:

Sarri si affida ancora al 4-3-1-2 con Buffon in porta, Cuadrado a destra, Matuidi a sinistra, Bonucci e De Light al centro. A centrocampo, Khedira, Pjanic e Rabiot. In attacco, Ramsey agisce alle spalle di Dybala e Ronaldo.

Semplici risponde con il 3-5-2: Berisha tra i pali, Igor, Tomovic e Vicari in difesa. A centrocampo, Murgia, Missiroli, Valdifiori, Sala e Reca. In attacco, Moncini e Petagna.

Primo tempo:

Al 2′, su corner di Valdifiori, interviene Reca di sinistro ma non trova la porta.Al 7′ ,Cuadrado serve Ronaldo che calcia da posizione defilata, Berisha c’è. Al 9′, sempre l’esterno bianconero appoggia per Ramsey, destro del gallese fuori di un soffio. Al 19′, Ronaldo al volo viene murato da Tomovic. La gara, però, non decolla anche per l’atteggiamento troppo difensivo della Spal che si chiude a riccio. Al 34′ ci prova Ronaldo su azione personale ma la difesa ospite tiene. Al 43′, il portoghese fornisce a Ramsey un pallone d’oro, ma il suo colpo di testa trova i piedi di Berisha che salva sulla linea. Nulla può il portiere, un minuto dopo, sulla splendida girata al volo di Pjanic che s’infi la sotto la traversa. Con la rete del bosniaco si chiude il primo tempo.

Secondo tempo:

Avvio aggressivo dei padroni di casa. Al 5′, diagonale di Dybala che sfiora il palo. Al 9′, percussione di Ronaldo che crossa per Khedira il cui colpo di testa trova l’ennesima opposizione di Khedira. Al 12′ , primo cambio nella Spal: fuori Murgia, dentro Strafezza. Poco dopo, Igor stende Khedira e viene ammonito. Il centrocampista tedesco viene sostituito da Emre Can, mentre Ramsey lascia spazio a Bernardeschi. Al 19′, doppio intervento di Berisha su Dybala e Ronaldo.Al 22′, nella Spal entra Jankovic per Sala m. Al 27′, la Juve raddoppia con un colpo di testa ravvicinato di Ronaldo sul quale Berisha non può nulla. La partita in pratica finisce qui. Da segnalare nel finale, un’altra occasione per Dybala e una mezza rovesciata di Ronaldo che sfiora il tris.

Il Tabellino:

JUVENTUS-SPAL (4-3-1-2): Buffon, Cuadrado, Bonucci, De Light, Matuidi, Khedira (61’st Remre Can), Pjanic, Rabiot, Ramsey (65’st Bernardeschi), Ronaldo, Dybala. A disposizione: Sczneny, Rugani, Demiral, Emre Can, Bernardeschi, Higuain. All. Maurizio Sarri

SPAL (3-5-2): Berisha, Tomovic, Vicari, Igor, Sala(72’st Jankovic), Murgia(58’st Jankovic), Valdifiori, Reca, Missiroli, Moncini(82’st Paloschi), Petagna. A disposizione: Thiam, Letica, Felipe, Zanchetta, Strafezza, Floccari, Paloschi. All. Leonardo Semplici

Arbitro: Mauro Piccinini

Marcatori: 44’pt, Pjanic(J), 78’st Ronaldo(J)

Angoli: 11-2

Recupero: 0’pt, 5’st

Ammoniti: Igor, Khedira, Petagna

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.