Zvonimir Boban ritorna nel mondo del calcio. Dopo la breve parentesi al Milan, l’ex centrocampista croato lavorerà al fianco del Presidente della Uefa, Alexander Ceferin, in qualità del Capo del Calcio.

Quale sarà il ruolo di Zvonimir Boban all’Uefa?

Visto il suo passato manageriale, il numero uno del massimo organismo continentale ha scelto il croato per un maggior contributo alla crescita del calcio.

Nello specifico, Boban si occuperà dei rapporti con le leghe e i club, della revisione dei calendari, dell’armonizzazione tra coppe e calendari, e della gestione del Var all’interno dei tornei Uefa.

Il tutto sarà ufficializzato martedì 20 aprile all’indomani della riunione del Comitato Esecutivo Uefa che dovrà discutere dei due temi di stretta attualità: le 12 città che ospiteranno la fase finale dell’Europeo e il nuovo format della Champions dalla che partirà dal 2024 con 36 squadre di club impegnate nella nuova competizione.

Non sarà comunque la prima esperienza di Zvone nel calcio. Nel 2016 ha lavorato per la Fifa in qualità di vicesegretario generale per lo sviluppo del calcio e l’organizzazione delle competizioni, favorendo, tra l’altro, l’ingresso della tecnologia a supporto degli arbitri.

Nel 2019 lasciò questo incarico perché chiamato dal Milan ad affiancare Paolo Maldini e Frederic Massara nel progetto di ricostruzione della squadra rossonera. Ma, a seguito di una intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, nella quale attaccò pubblicamente l’amministratore delegato, Ivan Gazidis, per aver trattato Ralf Ragnick a sua insaputa, fu licenziato per giusta causa. La questione si risolse poi in Tribunale con il Milan che ha dovuto risarcire il croato per circa 5 milioni di euro.

Boban addio Milan, ora c’è Gazidis

Boban e il Milan: “Rifarei tutto. Maldini deve restare”

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20