fbpx
Ottobre19 , 2021

La NASCAR prova le gomme rain a Martinsville

Related

Venezia-Fiorentina- 1-0: i lagunari battono i viola

Oggi 18 Ottobre 2021 nello Stadio Pierluigi Penzo alle...

Lecce vs Perugia: in tv e formazioni

Lecce vs Perugia è una delle partite della nona...

Lazio – Olympique Marsiglia: in tv e formazioni

Lazio - Olympique Marsiglia è una delle partite in...

Pisa vs Pordenone (probabili formazioni e Tv)

Gara valida per la nona giornata della Serie B...

Honda e KTM su Quartararo: una bomba che infiamma la MotoGP

Non si ferma mai il mercato piloti. Ad accendere...

Share

Una giornata storica per la NASCAR in quel di Martinsville. Il primo aprile, la federazione americana delle stock car ha organizzato un test sul mezzo miglio della Virginia per provare le gomme rain in condizioni di bagnato. Nonostante un clima non proprio primaverile, Chis Buescher e Kyle Larson hanno girato su un asfalto inumidito artificialmente, dichiarandosi soddisfatti per l’esito. Soddisfazione anche da John Probst, vice presidente delle innovazioni sportive, il quale ha definito il test produttivo. Siamo vicini ad una gara su ovale sotto la pioggia? E’ ancora presto per dirlo. Urge in questo senso qualche riflessione su un campionato che vuole rinnovarsi, senza però perdere il suo contatto con la tradizione.

Cosa vuol dire il test della NASCAR a Martinsville?

Uno dei motivi di maggiore frustrazione per i tifosi sono le interruzioni per la pioggia, che spesso sono interminabili. Lo abbiamo visto l’anno scorso in Texas, dove la corsa fu rinviata per tre giorni di fila! Se su tracciati brevi e piatti fosse possibile correre anche in condizioni di asfalto umido, non sarebbe meglio? La NASCAR ha deciso di provare, o meglio, di riprovare. Già nel 1995 Terry Labonte girò sulla stessa pista con pneumatici rain, ma non andò molto bene. Oggi le cose sembrano promettere bene, grazie anche al fatto che le coperture da pioggia sono di uso comune sui circuiti stradali.

le sfide da affrontare sono molte. In primis, bisogna valutare se questo tipo di gara è fattibile. Le piste ovali non gradiscono l’acqua, perché il banking accentua la perdita di grip. Sugli short track, che sono “piatti”, il problema non dovrebbe ripresentarsi, e infatti le impressioni dei piloti tester sono state buone. Ma c’è un altro nodo da sciogliere, quello delle procedure. Nella NASCAR non funziona come in F1, dove basta un pit stop per prepararsi. Occorre attrezzare le vetture con parabrezza di vetro, tergicristalli, ecc. Ma soprattutto, si deve decidere se il cambio di coperture va obbligato dalla direzione gara, con tanto di competition caution, o di lasciare libero arbitrio ai team. Senza contare che la Goodyear deve produrre un numero di treni elevato, sufficienti per soddisfare le richieste di tutti i partecipanti.

Insomma, prima di vedere le stock car sguazzare sull’acqua su di un ovale bisognerà aspettare ancora. Intanto, però, hanno fatto un passo in avanti.


Il post gara della Bristol Dirt Race e altre notizie della settimana


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20