la vuelta di spagna

Martedì 27 Ottobre sta per ricominciare la Vuelta di Spagna 2020, un edizione ciclistica che dovrà essere il trampolino di lancio per le nuove vittorie di Chris Froome e per la sua squadra la Ineos Grenadiers. Ma se Ineos Grenadiers non riesce a vincere nemmeno un Grand Tour nel 2020, si intuisce che la squadra deve trovare nuove sicurezze e obiettivi.

Leggi anche: Giro-D’Italia 103: Jan Tratnik vince la 16 tappa

La Vuelta di Spagna: Chris Froome pronto a vincere nuove sfide

Per la Ineos Granadiers è stato un anno da incubo, iniziato con Chris Froome che non ha rinnovato il contratto con la squadra che lo ha accompagnato per tutta la sua vita agonistica, e il finale è ancora incerto e controverso qualunque sia l’esito della Vuelta di Spagna, che inizia martedì prossimo.

La vittoria sfugge a uno dei ciclisti più decorati per più di due anni e mezzo. È in gran parte dovuto a un terribile incidente che lo ha escluso dal Tour de France 2019 e dalla Vuelta dello scorso anno, ma è ancora il periodo più lungo senza vittorie da quando è entrato nel team nel 2009, quando erano sponsorizzati da Sky.

Chris Froome non è stato scelto per il Grand Tour quest’anno ed è stato ritenuto un esubero rispetto ai requisiti di Ineos alla fine del 2020, dopo un periodo di negoziazione snervante e inconcludente.

Froome ha 35 anni e si sta invece dirigendo verso una nuova squadra la Israel Start-Up Nation, in gran parte finanziata dall’imprenditore miliardario Sylvan Adams per cercare di vincere il suo quinto Tour de France l’anno prossimo.

Ma prima, un’ultima competizione come pilota Ineos che gli sta a cuore quasi quanto il Tour de France. Uno stesso Froome “tranquillamente ottimista” ammette di non avere “grandi aspettative”.

Ma vincere o perdere, potrebbe avere un significato a doppia interpretazione. Se riesce a trovare la vittoria sarà un riscatto e messaggio al team che ha scelto di dire addio al loro prodotto di maggior successo.

Se invece perde un nuovo inizio lo attende in Israele, mentre Ineos guarda in faccia un disastro di terzo livello di una stagione fallimento in tutti e tre i Grand Tour del ciclismo su strada, almeno quando si tratta di vittoria assoluta.

Ineos Grenadiers: una stagione disastrosa

Nonostante la vittoria di Geoghegan Hart nella 15esima tappa di domenica al Giro, Ineos riconosce che la stagione non è andata secondo i piani, per usare un eufemismo. Ma l’atmosfera nella squadra è comunque vivace.

Trascinata dalle cinque vittorie di tappa durante il Giro d’Italia in corso fino ad ora, e solo dopo che una bottiglia vagante ha rovinato la classifica generale di Geraint Thomas si poteva dire che la forma era più o meno tornata.

Tuttavia, Ineos è fin troppo consapevole che questa è una siccità allarmante di vittorie nella classifica generale che non si vedeva dal 2010-11.

La maggior parte degli appasionati di ciclismo ricorderà l’esplosione di Froome sulla scena durante il Tour de France 2012, quando l’impaziente Domestique, come lo era allora Froome, portò il compagno di squadra Bradley Wiggins alla vittoria.

Ma è stata la Vuelta del 2011 in cui Froome si è annunciato al ciclismo. Gli è stato permesso di avere la meglio su Wiggins e alla fine lo ha battuto fino al secondo posto.

Fu allora che emerse la pura forza di volontà di Froome. Nel 2019, Froome ha ottenuto la vittoria in quella Vuelta dopo che Juan Jose Cobo, che ha finito davanti a lui, ha restituito risultati anormali sul passaporto biologico.

Alcuni corridori sembrano avere un’affinità con certe gare, forse con l’abitudine e il condizionamento per le gare in determinati periodi dell’anno.

Froome sembrava sempre prosperare nel caldo e dorato bagliore autunnale in Spagna, per lo più saltando le gare di un giorno primaverili sotto la pioggerella della Francia settentrionale e del Belgio per concentrarsi sui test di tre settimane.

Nelle cinque Vuelta che ha completato, Froome è stato due volte vincitore, due volte secondo e un quarto posto.

La Vuelta di Spagna: Chris Froome vuole tornare a vincere

La sua ultima vittoria alla Vuelta, nel 2017, è stata preceduta dal suo quarto trionfo al Tour e seguita dalla vittoria del Giro 2018, essendo diventato solo il terzo uomo, dopo la leggendaria coppia Eddy Merckx e Bernard Hinault, a tenere contemporaneamente le tre gare a tappe più prestigiose tempo.

Quindi, se c’è un posto per una rinascita di Froome è al Grand Tour con la data di inizio di poco interrotta, sei settimane dopo il suo solito grazie alla pandemia di coronavirus.

Se la forma di un ciclista è stata maggiormente influenzata dal Covid-19, è quella di Froome. Ha lottato per recuperare la forma fisica dall’incidente quasi alla fine della carriera al Criterium du Dauphine del 2019, in cui ha subito gravi fratture multiple.

Lo stop forzato della pandemia nelle corse è arrivata proprio quando Froome aveva bisogno di tempo sulla bici. 

E lo ha dimostrato nelle gare di riscaldamento del Tour de France nell’agosto di quest’anno, quando era ben al di sotto delle prestazioni dei piloti di testa rivali Geraint Thomas e in particolare Egan Bernal.

La perdita di Bernal di oltre sette minuti nella tappa 15 è stata in gran parte dimenticata, tuttavia, grazie alla prestazione ancora più spettacolare e deludente di Primoz Roglic di Jumbo-Visma con circa 10 km dei quasi 3.000 km rimasti del Tour dove ha perso la gara contro Tadej Pogacar in un finale a cronometro sbalorditivo.

E qui sta la prossima sfida di Froome: se vuole battere i propri problemi di forma, deve affrontare un uomo sicuramente altrettanto furioso con se stesso e con il destino sportivo, un Roglic che sarà determinato a fare ammenda vincendo la Vuelta dopo esserne stato vittorioso l’anno scorso.

La Vuelta di Spagna: una competizione che inizia sotto l’ombra del rischio sanitario

L’effetto che il ritardo deciso dal Covid in questa stagione potrebbe aver avuto sulla forma dei corridori è difficile da misurare, così come lo è il rischio di tenere la gara. Gli organizzatori sono dolorosamente consapevoli che la cancellazione è una vera minaccia.

La Vuelta che quest’anno ha sede quasi totalmente nel nord della Spagna e nella regione basca, è effettivamente gestita dagli organizzatori del Tour de France ASO, che ha consegnato quella gara senza che nessun corridore contrasse il coronavirus a settembre.

Tuttavia, con un protocollo di test quasi identico, il Giro d’Italia in corso ha perso tre corridori e due intere squadre, che hanno deciso di rinunciare al Giro per salvaguardare la salute dei corridori. Ancora una volta, la Vuelta inizia con lo stesso modello: test pre-gara, controlli giornalieri della temperatura e questionari. 

La Vuelta di Spagna: il protocollo sanitario da rispettare

Due giorni di riposo in cui vengono effettuati ulteriori test per tutti i piloti e lo staff del team. L’unica differenza questa volta è che le intere squadre verranno rimandate a casa solo se più di due corridori risulteranno positivi, invece di personale aggiuntivo.

Qualunque sia l’assetto, sembra che ben poco possa fermare un caso asintomatico di coronavirus che si fa strada nelle bolle della squadra e, successivamente, in tutta la squadra.

La capitale della Spagna, Madrid, è persino sotto stato di emergenza imposto dopo che un governo locale ribelle ha resistito a un blocco.

Le misure di emergenza dovrebbero essere terminate prima che la gara raggiunga il suo finale a Madrid l’8 novembre. E se Froome sarà presente lì, sarà andato più in là di quanto qualsiasi team leader di Ineos abbia fatto finora in un Grand Tour in questa stagione.

Sicuramente nemmeno Froome sa veramente quale contributo può dare a questa gara fino a quando non sarà pronto a guidare. Ma pochi sono tornati con tanta ferocia come Froome, chi può dimenticare il suo epico attacco da 80km sulla tappa 19 del Giro 2018 e in un anno di strani eventi, le prossime tre settimane potranno dare spettacolo al ciclismo.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20