fbpx
Ottobre19 , 2021

Laura Kenny: la campionessa di ciclismo su pista parla del figlio

Related

Porto-Milan 1-0: rossoneri (quasi) fuori dalla competizione

Porto-Milan 1-0, questo il risultato dopo i novanta minuti...

L’Inter conquista la sua prima vittoria in Champions, battuto lo Sheriff 3-1

L'Inter conquista la sua prima vittoria in Champions League...

FC Cincinnati-Chicago Fire: pronostico e possibili formazioni

Due squadre ufficialmente eliminate dai playoff della MLS Eastern...

Atlanta United-New York City FC: pronostico e possibili formazioni

Alla ricerca della quinta vittoria casalinga consecutiva, l'Atlanta United...

Ligue 1 10 giornata: tutto quello che è successo

Nel fine settimana appena trascorso del 17 Ottobre 2021...

Share

La quattro volte medaglia d’oro Olimpica nel ciclismo Laura Kenny su pista potrebbe diventare l’olimpionica Britannica di maggior successo di tutti i tempi se vincesse tutti i suoi eventi a Tokyo 2020. Tuttavia la sua motivazione principale viene dal figlio Albie che ha con il marito e collega Campione Olimpico Jason Kenny. Lo sport è nelle vene di questa bella famiglia che sacrifica molto tempo libero per conseguire i propri traguardi personali.


Pentathlon: gli orari e i giorni delle gare


Laura Kenny: il figlio è la sua forza

La Campionessa Laura Kenny è già l’olimpionica più decorata con quattro medaglie d’oro, e quest’estate vuole ancora incrementare il bottino. Ma quando si tratta di ciclismo a Tokyo 2020 le sue motivazioni riguardano meno le medaglie e più il successo del tempo lontano da suo figlio. “Ora è sicuramente Albie che mi motiva. Voglio tornare dopo aver sacrificato del tempo lontano da lui e avere successo” ha detto a Olympics.com. “Non voglio essere andata senza motivo, non voglio andare a un’Olimpiade solo per partecipare. Voglio andare a provare a vincere delle medaglie”.

Kenny: che cosa ha detto l’atleta?

La 29enne Kenny non è l’unica atleta Olimpica a sacrificare il tempo lontano dai propri figli. Oltre al Team GB che per la prima volta ha un contingente femminile più numeroso di quello maschile, sono anche in doppia cifra le mamme partecipanti. “Penso solo che far parte di quel movimento ed essere all’interno di quella squadra che ha finalmente più femmine che maschi sia incredibile”, ha detto Kenny. “Penso che dimostri solo che le donne nello sport si stanno facendo avanti, abbiamo più modelli di ruolo, e penso si stia mostrando ora perché ci sono più persone nello sport, motivo per il quale ci sono più posti alle Olimpiadi per le donne”.

Laura Kenny: una ciclista convinta della sua qualità

Competere nell’omnium, l’inseguimento a squadre e la prima Madison femminile daranno a Kenny l’opportunità di portare il suo bottino d’oro fino a sette. E mentre il record di Bradley Wiggins di essere l’olimpionico britannico più decorato con otto medaglie rimarrà fuori portata, può diventare l’olimpionica britannica di maggior successo di tutti i tempi se conquista il primo posto in tutti i suoi eventi prendendo il posto dell’oro di Wiggins tally (cinque), così come Chris Hoy e suo marito Jason Kenny che sono alla pari con sei ori ciascuno.

Kenny: che cosa ha detto degli inizi della sua carriera?

Laura Kenny nella sua intervista dichiara: “Quando ero a Londra 2012, non mi aspettavo niente. Come pensava il mondo esterno ero solo una ragazzina che stava per correre ai suoi primi Giochi Olimpici e tutto è successo così velocemente. Ad esempio anche a Londra mi sentivo come se fossi in questa strana lavatrice dove dicevo “bam bam” e tutto è successo. A Rio invece ho avuto un po’ più di pressione. E quando ho avuto Albie credo che la gente pensasse che stavo per mollare. Ho solo pensato no come se stessi andando avanti. Potrei dimostrare al mondo che le mamme possono essere alle Olimpiadi. Jessica Ennis-Hill è stata una parte importante del mio ritorno e del mio arrivo ad altri Giochi Olimpici. Quindi ho pensato lei è un modello e posso anche provare che si può fare”.

Laura Kenny: le problematiche per Albie

Laura e Jason Kenny sono stati spesso definiti la coppia d’oro della Gran Bretagna. Non c’è da stupirsi se i ciclisti su pista hanno dieci titoli olimpici tra di loro. E Jason non è mai stato così sicuro che il figlio Albie sarebbe venuto con loro solo che era difficile. C’era la disponibilità di aiutarli e portarlo in hotel perché il Marriott è proprio accanto alla pista. “Non sarebbe mai potuto rimanere nel villaggio ma poteva stare vicino a noi con i nostri genitori. Ma sarebbe stato un po’ complicato dove sarebbe rimasto, e con chi sarebbe stato. E così una volta che il Giappone ha detto che le persone che non sono in competizione non possono venire la coppia ha semplicemente preso una decisione.

Lodge: le case mobili per gli atleti di Tokio 2020

“British Cycling alla fine ha lasciato venire qui Albie quindi in realtà è qui a tifare in campo con noi. Siamo tutti in piccole logge separate. Ogni squadra è in un lodge e noi siamo alla fine del lodge con la nostra famiglia, quindi è piuttosto carino. Saranno solo le due settimane in cui saremo via quelle delle gare. E come ho detto in un certo senso è più facile perché la decisione è stata presa in anticipo” ha dichiarato Laura.

Laura Kelly: che cosa ha detto sul team Britannico?

“Il ciclismo Britannico lavora su un piano quadriennale come abbiamo sempre fatto e abbiamo sempre avuto questi cali. Quando hanno vinto a Pechino, è stato enorme. È stata la prima volta che abbiamo svolto un qualsiasi tipo di lavoro aerodinamico, siamo stati il ​​primo trimestre in cui abbiamo investito denaro nel kit e nello sviluppo piuttosto che utilizzare semplicemente le cose che sono disponibili sullo scaffale. Quando il 2008 è finito tutti hanno pensato che era arrivate troppo presto le vittorie perché tutti i finanziamenti erano basati su Londra 2012.

Kelly: cosa è successo a Londra 2012?

“Poi arriva Londra 2012 la pressione è alta ma andiamo bene. Dopo il 2012 vediamo l’enorme calo e abbiamo l’intero ciclismo britannico sui giornali dove le storie negative impazzano intorno e penso che la gente si sia chiesta: come diavolo possono affrontare tutto questo ? E come possono andare alle Olimpiadi? Ed era un dato di fatto perché non lo mettevamo nemmeno in discussione. Io non avrei mai nemmeno pensato che non lo avremmo fatto. Ho detto che tutto era a posto. Possiamo partire anche dalle sconfitte e naturalmente ci siamo allenati molto duramente” ha aggiunto Laura.

Laura: il 2016 anno buio per il ciclismo Britannico

“Il 2016 è stato lo spartiacque tra la fatica e la rinascita. Il nostro inseguimento di squadra non è stato molto buono. Siamo arrivati ​​terzi e in allenamento siamo andati molto meglio ma non è andata bene quel giorno. Sapevamo come stavamo andando e le riflessioni che in tanti ci hanno rivolto sono risultate vere. Questa volta penso che sarà più dura e sarà molto diverso. L’omnium ovviamente è un evento molto cambiato. E inoltre l’innovazione nell’attrezzatura e ciò che le persone indossano e ciò che le persone usano è molto diverso” ha replicato Kelly.

Nuove attrezzature per gli atleti a Tokio 2020

“Abbiamo regole diverse per cui le persone possono vedere la nostra attrezzatura, mentre prima era tenuta segreta. Non avevo mai nemmeno guidato la mia bici di scorta prima di Rio. Quindi è solo diverso. È un altro sport attualmente. Penso che sarà molto più diffuso e le medaglie saranno molto più sudate tra le nazioni questa volta” sono state le ultime parole di Kelly.

Pagina Twitter Tokio 2020: https://twitter.com/tokyo2020es

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20