― Advertisement ―

spot_img

Al-Nassr vs Al Fayha – probabili formazioni

L'Al-Nassr cercherà di riprendersi dalla delusione della Supercoppa ospitando venerdi 19 pomeriggio l'Al Fayha nel gameweek 28 della Saudi Pro League. I padroni di casa...
HomeMotoriFormula UnoL'Azerbaigian ospiterà la Formula 1 per altri tre anni

L’Azerbaigian ospiterà la Formula 1 per altri tre anni

Baku ospiterà almeno altri tre Gran Premi, ma la gente del posto continua a chiedersi cosa portino le gare al Paese oltre a disturbare la circolazione nella capitale.

L’Azerbaigian ha concordato con la Formula 1 che Baku continuerà a ospitare i Gran Premi per i prossimi tre anni. Molti nel Paese non vedevano l’ora che il precedente accordo scadesse quest’anno, poiché sostengono che le gare non hanno portato benefici al Paese.

Il 29 aprile, la Formula 1 ha annunciato che continuerà a ospitare il Gran Premio dell’Azerbaigian fino al 2026, come concordato con il Paese ospitante. L’Azerbaigian ha firmato un contratto quinquennale con la Formula 1 quando ha iniziato a ospitare la gara nel 2016, e successivamente lo ha esteso fino al 2023.

“Il circuito cittadino di Baku è diventato un luogo estremamente popolare per la Formula 1. È un circuito incredibile che offre sempre un’ottima prestazione. È un circuito incredibile che offre sempre grandi emozioni e che ha ospitato alcune delle gare più emozionanti della storia recente”, ha dichiarato Stefano Domenicali, Presidente e Amministratore Delegato della Formula 1, citato nel comunicato.

“Siamo lieti di estendere il nostro rapporto con il Paese dell’Azerbaigian e non vediamo l’ora di continuare la nostra crescita insieme”.

Il ministro della Gioventù e dello Sport dell’Azerbaigian, Farid Gayibov, si è detto altrettanto entusiasta: “Siamo entusiasti di confermare la nostra continua collaborazione con la Formula 1. Da quando abbiamo ospitato per la prima volta questo evento in Azerbaigian, la Formula 1 è sempre stata un’occasione di crescita. Da quando abbiamo ospitato per la prima volta questo evento nel 2016, l’impatto economico, sociale e culturale di questo sport sulla nostra città e sul nostro Paese è stato notevole”.

Ma da anni gli economisti e i residenti di Baku si interrogano sull’efficacia di ospitare le gare. Sembra che abbia portato pochi benefici, mentre l’unico effetto tangibile è stato quello di interrompere periodicamente il traffico nella capitale e costringere i pedoni a camminare in strade recintate.

Natig Jafarli, economista e politico del Partito Alternativo Repubblicano, afferma che il governo non è in grado di citare alcun beneficio che giustifichi l’organizzazione dell’evento, come ad esempio le entrate indirette derivanti dal turismo, soprattutto se si considera che le frontiere terrestri del Paese sono state chiuse per tre anni.

“Non abbiamo mai assistito a un aumento significativo delle entrate fiscali nei mesi in cui si sono svolti i Gran Premi”, ha dichiarato all’agenzia di stampa locale Turan. “Non ci si arricchisce con la Formula 1 solo nel periodo in cui si svolge la gara. Nessun Paese al mondo che ospita i Gran Premi diventa ricco in soli tre o cinque giorni. L’idea è quella di rendere il Paese famoso e di attirare investitori, dato che i fan della Formula 1 sono persone ricche. Un Paese che sviluppa il turismo e ne fa una priorità non può tenere chiuse le sue frontiere terrestri”.

Un altro economista, Toghrul Valiyev, ha fatto del sarcasmo sull’utilità di ospitare le gare. “Penso che sia sbagliato guardare a questo problema da una prospettiva economica. Guardiamo a questa gara dal punto di vista del valore. Qual è il valore che unisce l’Azerbaigian?”, ha chiesto in un post su Facebook.

“Purtroppo, il valore che ci unisce è quello delle recinzioni. Le recinzioni giocano un ruolo importante sia nella forma fisica che nelle nostre relazioni. Non importa dove andiamo o cosa facciamo, ovunque sentiamo dire “no”, “non c’è permesso”, “queste informazioni non possono essere divulgate”, “non potete stare qui”, “non immischiatevi in queste questioni, loro ne sanno di più”, ecc. … In questo periodo si osserva il picco di concentrazione delle recinzioni. Anche le aree relativamente aperte alle persone durante le restanti 51 settimane dell’anno sono chiuse: è il ‘picco delle recinzioni'”.