gp portogallo gara moto2 dichiarazioni

Finisce così l’ultima domenica della stagione del motomondiale, molto combattuta e incerta. Al termine di un GP del Portogallo che non ha difettato di spettacolo, vi lasciamo con le dichiarazioni del dopo gara, come da nostra tradizione. Il mondiale riprenderà nel 2021 ma continuate a seguirci: nei prossimi giorni pubblicheremo tante notizie su un campionato che, anche a motori spenti, non dorme mai.

Intanto, gustatevi la cronaca di quest’ultimo GP.


GP Portogallo gara MotoGP: Oliveira profeta in patria

Che dichiarazioni hanno rilasciato i campioni del mondo dopo la gara del GP del Portogallo?

Nel weekend che si è appena concluso, la Moto2 e la Moto3 ha incoronato i rispettivi re. Andiamo a leggere le loro parole a caldo, dopo una gara ad altissima tensione.

Albert Arenas, campione del mondo Moto3: ““Si tratta di un weekend incredibile per me, per un finale di stagione veramente teso, al limite. Oggi sono partito per guidare bene e divertirmi, nei primi giri di gara era così. Poi, sono emersi i problemi. Infatti, ho avuto problemi alla gomma posteriore, che scivolava parecchio. Nel frattempo, sono arrivati anche gli altri piloti… Io ho spinto al massimo, credo che abbiamo dato tutti spettacolo“.

Ho affrontato un ultimo giro durissimo ma, mentre gli altri non avevano niente da perdere, io dovevo invece rimanere concentrato. Gli avversari mettevano le ruote dappertutto, sono contento di essere rimasto sempre al vertice“. (intervista MotoSprint)


GP Portogallo gara Moto3: Arenas campione

Enea Bastianini, campione del mondo Moto2: “Ancora devo abituarmi e devo realizzare il tutto, è difficile oggi trovare le parole. E’ un sogno che si avvera“.

E’ stata davvero una gara difficile. Gestire tutto quando ti giochi il titolo non è facile. Alla fine, però, quando ho capito che le gomme erano ancora ok ho cercato di restare attaccato a Marco. Quando ho visto che Sam era in terza posizione mi sono accontentato del quinto posto“.

Ho gestito bene, ho cercato di spingere un po’ all’inizio. Poi quando ho visto che sia Luca che Sam stavano andando via ho pensato di mollare un po’ e stare col gruppo alle loro spalle per evitare pericoli. Poi quando nel finale stavano tornando Fernandez e Martin ho ripreso a spingere“.

Voglio ringraziare tutti a cominciare dalla Dorna che ha svolto un lavoro enorme per riuscire a farci correre“. (intervista Motorsport.com)


GP Portogallo gara Moto2: Bastianini è campione

Il podio della MotoGP

Ed ora, ecco le dichiarazioni dei primi tre classificati della MotoGP.

Miguel Oliveira (vincitore): “Mi ero messo in testa di vincere. Dopo che abbiamo analizzato i dati delle FP4 e delle qualifiche abbiamo capito che avevo qualcosa in più e da lì ho deciso di vincere la gara. Il mio obiettivo era solamente partire e non pensare a chi mi inseguiva. Ho cercato di gestire sia il vantaggio che le gomme. E’ stato difficile, ma sono davvero contento per questa vittoria“. (intervista Sky Sport)

Jack Miller (secondo): “È stata una grande gara, lunga, ma mi sono divertito tanto. Alla fine sono riuscito ad avere la meglio su Franky questa settimana, ci volevo provare già prima, ma lui riusciva a sfruttare al massimo la frenata e le curve sono molto ravvicinate. All’ultimo giro però ci sono riuscito, ma solo per il secondo posto. Miguel era su un altro pianeta questo weekend, ha fatto davvero una gara grandiosa. Il suo passo, soprattutto all’inizio è stato impressionante. Morbidelli ed io avevamo un ottimo passo, ma lui è riuscito a scappare da subito“.

Abbiamo cercato di dare il massimo e sono contento. Voglio ringraziare tutti i membri del team Pramac per questi anni, ho ottenuto podi e sono stati loro a portarmi a questo livello per questi tre anni. Sono stati anni emozionanti. Soprattutto ora lascio Paolo, Francesco Guidotti e tutti i ragazzi, sono un po’ triste. Ma non vedo l’ora di indossare nuovi colori rossi l’anno prossimo“. (intervista Motorsport.com)

Franco Morbidelli (terzo): “Non mi ha condizionato pensare al campionato nell’ultimo giro. Ho dato tutto per provare a scappare da Jack, ma non ce l’ho fatta. In parco chiuso ho visto che la mia gomma posteriore era distrutta, mentre la sua era in condizioni migliori. Aveva più velocità alla fine ed è stato in grado di chiudere in ogni varco. E’ stato bravo ad attaccare alla fine senza che me ne potessi accorgere“.

E’ stata una stagione fantastica per me. Non nascondo che ad inizio anno mi sentivo la quarta forza in Yamaha. Non dico messo da parte, ma il fatto di avere una moto diversa dagli altri mi ha fatto sentire un po’ menomato. Ho concentrato questa rabbia nel lavoro. Questo ha pagato e ci ha fatto fare la differenza. Con Ramon (Forcada, il suo capotecnico, ndr) c’è stato un rapporto particolare quest’anno. Ho avuto la fortuna durante la mia carriera di lavorare con dei capotecnici eccezionali, ma quest’anno è sempre andato tutto bene con lui e questo ha aiutato. Ci siamo presi una bella rivincita e tolti delle soddisfazioni“. (intervista Motorsport.com)

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20