fbpx
Settembre23 , 2021

Les Hijabeuses: calciatrici musulmane affrontano il divieto francese dell’hijab

Related

NFL, Week 3 – La preview di Chargers – Chiefs

L'Arrowhead Stadium si prepara a ospitare la sfida interamente...

NFL, Week 3 – La preview di Colts – Titans

Alle ore 19:00 di domenica 26 settembre va in...

NFL, Week 3 – La preview di Washington – Bills

Viste le prestazioni mostrate nell'ultimo turno di campionato, la...

NFL, Week 3 – La preview di Saints – Patriots

La sfida tra New Orleans Saints and New England...

NFL, Week 3 – La preview di Falcons – Giants

Nel turno delle 19:00 ora italiana di domenica 26...

Share

La Federcalcio francese (FFF) mantiene il divieto di indossare “evidenti simboli religiosi” nonostante la FIFA abbia revocato il proprio divieto di hijab nel 2014. Questo divieto francese dell’hijab rende difficile per le giovani donne che non vogliono rinunciare a una parte della loro identità giocare a calcio e fondano Les Hijabeuses.

Da quando e dove è presente il divieto francese dell’hijab?

I dibattiti su ciò che le donne musulmane possono o non possono indossare sono riemersi di recente in Francia con il controverso disegno di legge “anti-separatismo”, promulgato nella legge francese il 24 agosto. I parlamentari francesi hanno cercato di utilizzare il disegno di legge per vietare formalmente l’uso del velo in tutte le competizioni sportive, anche se questo è stato ritenuto incostituzionale dai legislatori il 9 giugno. Il disegno di legge, proposto lo scorso anno dal governo del presidente Emmanuel Macron, mira a combattere l'”estremismo islamista” e a rafforzare la “laicite” (laicità), ma è stato pesantemente criticato per essersi appoggiato alla politica di estrema destra in vista delle elezioni nazionali del 2022 e stigmatizzato Islam e i circa 6 milioni di musulmani in Francia, il maggior numero in Europa.

Solo le donne musulmane francesi non possono indossare l’hijab

Parigi rileva la staffetta olimpica da Tokyo 2020 per i Giochi olimpici estivi del 2024 e la Francia rimane l’unico paese in Europa che esclude le donne che indossano l’hijab dal giocare nella maggior parte delle competizioni sportive nazionali. La legge, tuttavia, afferma che nelle competizioni internazionali, come le Olimpiadi, i giocatori stranieri con il velo possono giocare in Francia, quindi aumentano le domande sul motivo per cui la Francia prende di mira specificamente i propri atleti musulmani che indossano l’hijab.

Les Hijabeuses e lotta per l’inclusività

C’è una crescente pressione sulla FFF per cambiare le sue regole, tra le richieste di una maggiore rappresentanza in campo. Il movimento è simboleggiato da un collettivo chiamato Les Hijabeuses, guidato da Dembelé e da altre giovani calciatrici che indossano l’hijab in giro per Parigi. Un collettivo fondato l’anno scorso da un gruppo di ricercatori e organizzatori di comunità dell’Alleanza dei cittadini, che si batte contro le ingiustizie sociali in Francia. Più di un anno dopo, Les Hijabeuses ha circa 150 membri e quasi 5.000 follower su Instagram. Hanno organizzato una protesta presso la sede della FFF il 23 luglio e hanno scritto diverse lettere al presidente della FFF Noël Le Graët, chiedendo la fine dell’esclusione delle donne musulmane, ma non hanno ancora ricevuto risposta. “Stiamo tutti lottando per un calcio più inclusivo, che integri tutte le donne”, ha detto Dembelé ad Al Jazeera. “Stiamo cercando di far capire alla gente che siamo atlete. Non è perché indossiamo l’hijab che dovremmo essere esclusi dal campo. Per la FFF, ora, è ora di svegliarsi… Penso che guardino più le nostre facce che il nostro talento“.

La Francia e l’islamofobia

Un fondatore del collettivo, Haïfa Tlili, ha detto ad Al Jazeera che “la posizione della FFF segue la tendenza diffusa in Francia, che, dagli anni ’90, ha visto un aumento del discorso islamofobo. Il problema è che vengono oggettivate”, ha detto Tlili, riferendosi a come crede che la regola FFF abbia un impatto sulle calciatrici musulmane. “Le donne non vogliono più essere viste solo come veli, ma come calciatrici”. Le regole sono state criticate da alcuni come intenzionalmente vaghe, un modo per perpetuare l’esclusione degli atleti musulmani. Per Dembelé è “triste perché siamo costrette a scegliere ogni volta, tra il nostro hijab e ciò che amiamo, tra la nostra dignità e il semplice desiderio di praticare uno sport”.

L’ambiguità voluta della legge francese

Il regolamento FFF stabilisce che “l’indossare qualsiasi segno o abbigliamento che esprima in modo evidente un’appartenenza politica, filosofica, religiosa o sindacale” è vietato nei giochi ufficiali. Ma in un’altra pagina, si afferma che “è possibile indossare accessori (come bandane, cappelli, ecc.) che non comportano proselitismo e che rispettano le norme in materia di salute e sicurezza”. Questa regola secondaria ha significato che i calciatori che indossavano l’hijab hanno dovuto trovare modi sottili per praticare il loro sport preferito. Bouchra Chaïb, un’ostetrica di 27 anni e copresidente di Les Hijabeuses, afferma di essere riuscita a ottenere un certificato medico in cui affermava di aver bisogno di indossare un casco da rugby per motivi di salute durante le partite di calcio. Chaïb ha affermato che la nozione di segni religiosi “evidenti” era “davvero vaga”, sia per i giocatori che per i funzionari, e potrebbe essere facilmente utilizzata contro gli atleti musulmani. Secondo Rim-Sarah Alouane, un accademico che ricerca la libertà religiosa e le libertà civili in Francia, il regolamento FFF è “volutamente ambiguo“.


Rawdah Mohamed si ribella al divieto di hijab francese

L’islamofobia come questione di genere, razza e classe

Anche il disegno di legge “anti-separatismo” è pieno di “termini sfocati per giustificare la restrizione di una libertà“, ha affermato un ricercatore del collettivo. Le autorità “vedono sempre i musulmani e l’Islam attraverso il prisma della sicurezza” e l’hijab è un’arma, un nemico simbolico. “In Francia, consideriamo ancora la diversità una minaccia, anche se il calcio mostra proprio che la diversità ci rende più forti“. Uno studio del 2019 del Collettivo contro l’islamofobia in Francia ha evidenziato come l’islamofobia sia una forma di razzismo di genere, riportando che il 70% delle vittime di crimini d’odio anti-islamici erano donne. Nello stesso anno, un altro rapporto ha rilevato che il 44,6 per cento della popolazione francese considerava i musulmani una minaccia all’identità nazionale.

La ricerca del rispetto del diritto di scelta

Secondo l’attivista sportiva e giornalista Shireen Ahmed: “Ci sono generazioni di donne che non si sono preoccupate di giocare a calcio perché semplicemente non potevano avanzare”.Non sto sostenendo l’hijab, sto sostenendo la scelta“, ha detto Ahmed in un’intervista ad Al Jazeera. “Siamo qui fuori a chiedere alle donne di essere il loro meglio atletico, e non permettiamo loro di decidere le loro uniformi“. Ha attribuito la colpa non solo alla FFF ma anche alla FIFA per aver esentato la Francia dai suoi statuti. “La pratica del calcio stessa e la carta, scritta dalla FIFA, vengono effettivamente violate dalla Francia”, ha detto Ahmed. “Anche la FIFA è complice del fatto che hanno sopportato questo”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20