LI JINGLIANG

Lo scorso sabato sera, Li Jingliang ha messo al tappeto l’argentino Santiago Ponzinibbio durante un incontro dei pesi welter nell’evento dell’Ultimate Fighting Championship (UFC). I due hanno passato la maggior parte del primo round a sondare le intenzioni dell’altro. Ma all’ultimo minuto, esattamente al 4:25, a seguito di un mancato jab destro alla testa dell’argentino, Li lancia un grande colpo sinistro al mento, mandando Ponzinibbio in knock out, facendogli perdere conoscenza poco dopo il pugno fatale.

Chi è Li Jingliang?

Prima di questo incontro, secondo un sondaggio, la stragrande maggioranza dei seguaci del MMA pensava che Li fosse lo sfavorito. Ma il 32enne della regione autonoma di Xinjiang Uygur si è dimostrato all’altezza della sua potenza di un pugno nel primo evento UFC del 2021. Era la 14esima partita e la decima vittoria per Li nell’ottagono. Il knockout di un round ha dato a Li anche la “Performance della Notte”. Li aveva già subito un annullamento della partita la settimana prima del 13 dicembre, quando il suo rivale Dwight Grant era risultato positivo al COVID-19. Il sostituto di Grant, Ponzinibbio, 34 anni, era considerato un avversario molto più potente. Dopo aver battuto il pugile argentino “No.1“, Li potrebbe entrare nella top 15 della divisione pesi welter maschile UFC.

Cosa ha detto Li?

“Mi aspettavo davvero di metterlo al tappeto al primo round o magari lui a me, perché è un pugile così potente. In realtà avrei preferito andare a tutti e tre i round per mostrare di più le mie capacità, ma è una bella sensazione. Mi sento benissimo. E’ fantastico avere di nuovo i fan a guardare l’incontro. Devo ringraziare l’UFC per l’opportunità di dimostrare quanto valgo. Sono solo molto eccitato. Sono le 4 del mattino in Cina e apprezzo tutti i fan che mi stanno guardando. Pensavo che fosse stato un jab sinistro a colpirlo, quindi guardare il replay è stato diverso“, affermava Li durante l’intervista.

Li Jingliang vince grazie alla sua esperienza

Durante il match Li colpiva con calci bassi ai polpacci, e c’era un movimento costante del pugile cinese. Prima del momento in cui Ponzinibbio si è fatto avanti, un sinistro di Li l’ha mancato, facendo tornare indietro l’argentino che ha perso leggermente l’equilibrio. Li ha approffitato di questa situazione tirando di nuovo un alto e forte sinistro. Li Jingliang in questo incontro è stato una vera sorpresa. Li era sembrato così cauto prima, mostrando una pazienza e un’astuzia già viste prima anche con il brasiliano Elizeu Zaleski (22-7) dove al terzo round vince mandandolo in TKO a Shenzhen nell’agosto 2019. Questo è il Li che è tornato in azione domenica. Con il controllo, la strategia e l’attenzione di un uomo che porta con sé 15 anni di esperienza di lotta. In seguito alla vittoria Li Jingliang è premiato dalla UFC con un bonus di 50.000 dollari.


Ankalaev vs Krylov: l’evento UFC di febbraio molto atteso


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20