fbpx

L’incidente di Guanyu Zhou: la FIA indaga sul roll bar

Date:

Guanyu Zhou è rimasto incolume dal bruttissimo incidente a Silverstone. Il cinese di casa Alfa Romeo Sauber potrebbe tornare in pista già questo weekend in Austria, ma in Inghilterra se l’è vista brutta. Il suo roll bar si è disintegrato nel capottamento della vettura, e l’halo è stata la sola protezione che il pilota ha avuto. L’attenzione di tutti è proprio per il roll bar, il quale si è distrutto. A tal proposito, la FIA ha aperto un’inchiesta interna, per accertarsi di ciò che è accaduto a questo importante sistema salvavita.

Incidente di Zhou: quali anomalie sul roll bar?

Dopo il contatto con la Mercedes di George Russell, l’Alfa Romeo Sauber si è ribaltata. Il roll bar ha impedito che il casco di Zhou impattasse contro l’asfalto, ma subito dopo si è disintegrato. Perché ha ceduto? La FIA vuole vederci chiaro, e ha deciso di analizzare i dati della HighSpeed camera della Marelli (montata sull’halo) e dei sensori di crash. L’obiettivo è di sapere a quali carichi è stato esposto il pezzo, per verificare se il problema è di natura tecnica oppure regolamentare. I roll bar sono sottoposti ad un crash test severissimo, che comprende tre prove statiche di carico: 60 kN laterali, 70 kN longitudinali e 105 kN verticali, per un massimo di dieci secondi. Il roll bar dell’Alfa Romeo ha superato i test, ottenendo così l’omologazione.

Un problema tecnico o uno regolamentare

Ma quando parliamo di problema tecnico o di regolamento, cosa intendiamo dire? Semplice. Se dalle analisi della FIA dovesse risultare che il carico sul componente era superiore alle prove statiche, allora la norma andrà rivista. I roll bar attualmente omologati nono sono abbastanza resistenti, e quindi bisognerà irrobustirli in qualche modo. Se invece siamo nei limiti delle prove, allora la causa è nel design del pezzo della C42, che è particolare. Sulla monoposto Sauber ha riproposto il profilo “a lama” già adottato dalla stessa nel 2019, e che è ispirato al modello che Mercedes adottò nel 2010. Tale soluzione da vantaggi aerodinamici, ma la FIA non era troppo convinta che fosse adeguata per un dispositivo di sicurezza. Il pezzo dell’Alfa non era abbastanza resistente? E se è così, come ha fatto a superare i crash test? Sono tutte domande a cui la FIA dovrà rispondere nell’inchiesta, e che porterà probabilmente ad una revisione delle regole. Intanto, l’halo ha dato ancora grande prova della sua efficacia, causando la progressiva “estinzione” dei suoi detrattori.


Invasione di pista scongiurata a Silverstone: arrestati i manifestanti


Immagine in evidenza di ORLEN Alfa Romeo Racing, per gentile concessione

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
Riccardo Trullo
Aspirante giornalista sportivo e membro orgoglioso della famiglia Periodicodaily. La mia specialità è il motorsport, in particolare la MotoGP ed il panorama americano di NASCAR, IndyCar, IMSA. Non disdegno la F1, campionato che seguo da una vita. E già che ci sono, butto un occhio nel settore delle auto di serie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

Odermatt vince il primo super-G maschile della stagione a Lake Louise

Lo sciatore svizzero Odermatt ha conquistato il primo super-G...

Ottava giornata Basket Serie A 2022/2023: il punto

La Virtus Bologna sembra non conoscere avversari e coglie...

14esima giornata Serie B 2022/2023: il punto

Dopo gli anticipi del sabato, che hanno visto...

Arabia Saudita-Messico: probabili formazioni e dove vederla

Mercoledì 30 novembre 2022, alle ore 20, presso l'Iconic...