Liverpool-Chelsea: Pronostico e formazioni

Al Besiktas Park di Instanbul andrà in scena, il prossimo 14 Agosto, la finale della Supercoppa Europea che vedrà opporsi Liverpool-Chelsea, vincitrici rispettivamente della Champions League e dell’Europa League. E’ la prima volta che si sfidano due squadre Inglesi nella Supercoppa Europea e sarà la prima volta anche per Stephanie Frappartil primo arbitro donna a dirigere una finale di una competizione europea. Fino a questo momento, le edizioni della Supercoppa UEFA disputate da due connazionali erano state sette: due fra squadre italiane e cinque fra spagnole. La più recente è stata quella dell’anno scorso vinta dall’Atlético contro il Real Madrid.

Qui Reds

Il Liverpool si è qualificato a questo appuntamento vincendo la sua sesta Champions League a discapito del Tottenham, battuto per 0-2 grazie alle marcature di Salah e Origi. I Reds partecipano alla Supercoppa Europea per la sesta volta e cercheranno di vincere a tutti i costi per arrivare alla quarta. Dopo aver concluso la scorsa stagione al secondo posto con un totale di 97 punti, la squadra di Klopp ha iniziato al meglio la stagione di Premier League vincendo all’esordio contro il Norwich con un netto 4-1. Il Manchester City ha risposto presente, annichilendo il West Ham all’Olympic Stadium con un secco 0-5. Recentemente, in un’intervista, Jose Mourinho ha detto la sua sulle squadre che potrebbero vincere l’edizione 2019-20 della Premier League: “Manchester City, Tottenham, Liverpool e… la squadra B del Manchester City”, escludendo categoricamente dalla corsa United e Chelsea. Come dargli torto?

Qui Chelsea

Il Chelsea è alla quarta partecipazione nella Supercoppa UEFA, soltanto una di queste, nel 1998, ha visto la vittoria dei Blues per 1-0 contro il Real Madrid. I Blues hanno vinto la scorsa Europa League restando imbattuti con Sarri (12-3-0), vincendo in una finale tutta inglese contro l’Arsenal per 4-1. Il campionato si è concluso con un terzo posto a 72 punti (21-9-8). Questo non è bastato a salvare la panchina a Sarri, molto criticato in Inghilterra, malgrado abbia portato a Londra la seconda Europa League – dopo quella vinta nel 2012-2013 – e la qualificazione in Champions League. Al suo posto è arrivato Frank Lampard, leggenda del calcio Inglese e dei Blues. Il suo Chelsea, nonostante una buona prestazione, ha malamente perso all’esordio per 4-0 contro un Manchester United che è apparso in gran forma. I Blues non hanno potuto operare molto sul mercato, a causa del blocco impostogli dalla Fifa. Hazard, dopo 7 anni trascorsi al Chelsea, è stato venduto al Real Madrid e rimpiazzato, grazie all’acquisto in gennaio, da Pulisic, talentuosa ala classe ’98.

Comunque vada a Istanbul, l’Inghilterra vincerà la sua ottava Supercoppa UEFA e rimarrà terza dietro Spagna (15) e Italia (9). L’ultima squadra inglese a vincere è stata il Liverpool nel 2005: da allora, i club di Premier League hanno subito quattro sconfitte, tra cui quelle del Chelsea nel 2012 e nel 2013.

Ultime sulle formazioni

Klopp dovrà sicuramente fare a meno di Allison, a causa dell’infortunio al polpaccio rimediato dal portiere brasiliano contro il Norwich, che lo costringerà a saltare la prima di Champions League e a stare fuori per almeno 8 settimane. Al suo posto giocherà Adrian, neo-acquisto dei Reds. Per il resto sarà la solita formazione, schierata in un 4-3-3 che vedrà la linea difensiva composta dai due centrali Gomez, Van Dijk, mentre sui corridoi esterni agiranno Alexander Arnold e Robertson. A centrocampo giocheranno Fabinho, Henderson e Milner e agiranno a supporto del dirompente trio d’attacco composto da SalahFirminoMane, con Origi e Shaqiri pronti a subentrare dalla panchina.

Lampard, invece, ha voluto far riposare alcuni dei suoi big in vista di questa sfida, dando spazio ai giovani nella prima partita di Premier League. Il tecnico inglese sceglierà sicuramente il consueto 4-3-3. La linea difensiva sarà la medesima vista contro il Manchester: Kepa, Azpilicueta, Christensen, Zouma ed Emerson. A centrocampo torna Kantè che giocherà affianco di Barkley e Jorginho. Davanti Pedro e il neo-acquisto Pulisic giocheranno a supporto di Giroud.

Formazioni

Liverpool (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Gomez, Van Dijk, Robertson; Fabinho, Henderson, Milner; Mane, Salah, Firmino. All Klopp

Chelsea (4-3-3): Kepa; Azpilicueta, Christensen, Zouma, Emerson, Kante, Jorginho, Barkley, Pedro, Pulisic, Giroud. All Lampard

Precedenti

Sono 10 i precedenti (dal 2005) nelle competizioni Uefa tra queste due squadre: il bilancio è di 2 vittorie Liverpool contro le 3 del Chelsea e cinque pareggi. Nelle 181 sfide complessive il Liverpool è avanti con 77 vittorie, a fronte delle 63 dei Blues e dei 41 pareggi. Lo scorso anno il Chelsea ha eliminato il Liverpool di Klopp in Coppa di Lega (1-2), non andando oltre all’1-1 a Stamford Bridge tre giorni dopo in Premier League contro i Reds. Infine, nel girone di ritorno, la squadra di Sarri è uscita sconfitta ad Anfield contro il Liverpool per 2-0.

Diretta Tv

La finale di Supercoppa Europea tra LiverpoolChelsea, che si disputerà mercoledì 14 Agosto ore 21.00 allo stadio Besiktas Park, sarà trasmessa da Sky in pay per view, mentre in chiaro sarà visibile sulle reti Mediaset (Canale 5).

Besiktas Park

Pronostico

Le finali sono imprevedibili… eppure sembra difficile che il Chelsea di Lampard riesca, in qualche modo, ad impensierire la squadra di Klopp, apparsa famelica e in condizione eccellente. Ci aspettiamo una partita poco attendista e molto inglese, con ribaltamenti di fronte improvvisi e ritmi serrati. Il Liverpool, però, è sicuramente favorito per la vittoria finale. Dunque, se dovessimo scegliere un pronostico cauto opteremmo per l’esito Liverpool vince coppa. In alternativa, volendo rischiare di più sceglieremmo l’esito 1+over 1.5.

Please follow and like us:

Luca Ridolfi Mantero

Nato a Roma nel 1995. Sono uno studente Universitario, laureando in Comunicazione alla Sapienza di Roma. Il mio dovere e intento è quello di riportare le notizie in modo imparziale, oggettivo e concreto. Eterno amante del Calcio, quello di cui noi ci siamo innamorati da bambini, diverso dal calcio moderno inteso oggi come Business. Ricordo uno spot di sky che recitava: "Se non ci fosse il calcio, non ci sarebbero le partite, i tifosi, le porte. Non ci sarebbero i sogni di tutta una vita, niente lacrime, frustazione, stringere i denti, nessun miracolo, telefonate agli amici, nessun salvatore della patria. Niente paura, gioia, speranza, niente colpo di genio, nessuna esultanza, niente 4-4-2, 4-3-3, niente palla lunga e pedalare, niente "noi vogliamo 11 leoni". Se non ci fosse il calcio, non ci sarebbe niente da fare la domenica sera, niente di cui parlare tutte le altre sere, niente partite improvvisate, niente posti fissi sul divano, niente goal mangiati, niente fuorigioco da spiegare a tua moglie, niente giovani promesse, vecchie glorie, partite da ricordare...Lunga vita al calcio!" *Instagram: lucatwood ; *Twitter: Luca Ridolfi Mantero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.