L’isola dove attualmente si trova Cristiano Ronaldo era stata fin qui marginalmente toccata dal contagio.

Il Virus sta creando preoccupazione in tutto il mondo, ed orà è il turno del Portogallo.

Madeira la piccola Isola dove è nato il Campione da poche ore sta affrontando la crescita dei contagi.

Ma nelle ultime ore si sono registrati oltre 10 nuovi casi, in una piccola cittadina a ovest di Funchal.

Proprio a Funchal l’attaccante della Juve si trova con la sua famiglia: le autorità hanno disposto l’isolamento di 18mila persone.

Madeira, primo focolaio e crescita dei contagi

10 nuovi casi tra venerdì e sabato:

il governo regionale di Madeira ha decretato così la creazione di un cordone sanitario nel comune di Camara de Lobos.

L’isola dove è nato Cristiano Ronaldo è quattro volte più piccola della Valle d’Aosta.

A oltre 500 km dalle coste africane, e finora era stata solo sfiorata dalla pandemia.

“Ma adesso Camara de Lobos è in una potenziale situazione epidemiologica, con un alto rischio di insorgenza di catene di trasmissione sia a livello locale che regionale”.

Il presidente di Madeira Miguel Albuquerque ha giustificato le contromisure adottate.

Come riporta la testata portoghese Publico, all’interno della zona rossa ci sarebbero circa 18mila persone della piccola cittadina, a 20 km dalla villa di CR7.

Il rientro in Italia di Cristiano Ronaldo

Ronaldo dovrebbe tornare a Torino nei prossimi giorni, una volta che verrà stabilita con esattezza la data di ripresa degli allenamenti.

Il fuoriclasse della Juventus, d’accordo col club, si era trasferito nella sua Funchal per stare vicino alla mamma colpita lo scorso 3 marzo da un ictus.

Successivamente alla notizia delle positività di Rugani, Matuidi e Dybala, aveva deciso di svolgere il periodo di auto isolamento.

Al momento non ci sarebbero particolari preoccupazioni sulla situazione del giocatore.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20