Russia: il Lada Togliatti acquista il centrocampista Marx Lenin.

Marx e Lenin tornano ad essere protagonisti in Russia nel nome dell’italiano Togliatti. La politica e l’Unione Sovietica però in questo caso non c’entrano nulla, poiché si tratta di una nostalgica coincidenza che si è verificata nel mondo del calcio. In questi giorni, infatti, la squadra russa Lada Togliatti ha messo sotto contratto il centrocampista brasiliano classe 2000 il cui nome completo è Marx Lenin dos Santos Gonçalves. È stato battezzato così dai genitori come tributo alla loro passione politica.

Ovviamente il ragazzo ha ben altri interessi. Su Instagram, infatti, mostra le sue passioni che svariano dai balli reggaeton (in cui si esibisce sul campo quando segna un goal) alle belle ragazze, passando per Neymar, il suo idolo e fonte d’ispirazione. Qualche anno fa è riuscito a scattarsi una foto con il suo mito e non ha nascosto sui social la felicità per quel momento per lui memorabile. Sognando, chissà, di ripeterne le gesta e diventare anche lui uno dei fuoriclasse del calcio mondiale.

Calcio russo: Marx Lenin, il giocatore dal nome che ricorda l’Unione Sovietica.

Il giovane trequartista ha già militato tra le fila della nazionale brasiliana Under 15 quando il commissario tecnico era Claudio Caçapa. Inoltre si è messo in mostra con la Primavera del Flamengo quando ha segnato una rete di mirabile fattura, superando il portiere del Palmeiras con uno spettacolare pallonetto. Un colpo di classe che ha convinto molti tifosi a mettersi alla ricerca della maglia col suo nome, ed anche i nostalgici dell’Unione Sovietica hanno provato a reperire una casacca recante il nome Marx Lenin. Un’impresa però rivelatasi impossibile, poiché il Flamengo prevede che i giovani del club giochino con le maglie bianche, recanti soltanto il numero e non il cognome dei calciatori.

Marx Lenin giocherà nel Lada Togliatti

Il ventenne Marx Lenin si appresta dunque a vestire la sua prima maglia da professionista, e sarà quella di una società russa, terra dell’ex Unione Sovietica, ricreando una suggestiva commistione di nomi e ricordi del passato. Il ragazzo era svincolato e ha deciso di trasferirsi al Chokkejnyj Klub Lada Togliatti, formazione che milita nell’omonima città che sorge sul Volga. La denominazione del team è stata cambiata il 28 agosto 1964, una settimana dopo la morte della storica guida del Partito Comunista Italiano, nominato cittadino sovietico nel 1930.

Joan Roman: il centrocampista che si è trasformato in Goku

A questo punto ci si chiede se i tifosi russi di oggi si lasceranno suggestionare dal curioso mix tra il cognome del calciatore sudamericano e quello della squadra dell’Oblast di Samara. Ad ogni modo, è bene ricordare che tra i supporter locali attualmente prevale il nazionalismo (come del resto in gran parte della Russia) quindi c’è poco spazio per la nostalgia del socialismo. Tuttavia, non si può escludere a priori che vedere sul campo Marx Lenin con i colori sociali bianco-rosso-blu possa suscitare qualche risveglio filo-sovietico nel cuore di alcuni cittadini di Tolyatti.

La città di Tolyatti si trova nei pressi del fiume Volga.

D’altronde anche il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin – la cui formazione giovanile è stata comunista – in diverse occasioni è solito sottolineare: «Chi vorrebbe tornare all’Unione Sovietica non ha cervello, ma chi non la rimpiange non ha cuore».

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20