Mick Schumacher

Mick Schumacher ha vinto il campionato mondiale di Formula 2. Il pilota figlio di Michael, classe 1999, ha vinto il suo primo titolo come pilota professionista. Dopo sedici anni, l’albo d’oro del motorsport, riaccoglie il cognome Schumacher nella lista dei vincitori.

Mick Schumacher: una vittoria meritata

Vittoria ufficializzata dopo la sprint race del Gp di Sakhir. Nonostante il tedesco sia arrivato diciottesimo, è riuscito a conquistare il titolo di Formula 2 con la scuderia della Prema Racing.

Un mondiale che ha visto prevalere il figlio d’arte sul Ilot e sul suo futuro compagno di scuderia Mazepin. Una vittoria meritata del tedesco, in una stagione interrotta a causa dell’epidemia che però non ha fermato la voglia di vittoria del campione.

Per Schumacher, è il secondo titolo mondiale, dopo aver trionfato nel 2018 nel campionato di Formula 3. Tutto sotto gli occhi della Ferrari Driver Academy che ha un motivo in più per continuare a visionare il figlio di Michael.

Una stagione fatta di alti e bassi ma arricchita dalla vittoria a Monza che permise al pilota di conquistare la leadership della classifica.

Schumacher: un futuro da vincitore?

Il titolo conquistato oggi, mette fine all’esperienza di Mick nel campionato di Formula 2. Nella prossima stagione, il tedesco approderà in F1, per indossare la divisa del team Haas.

Dopo nove anni, in Formula Uno tornerà il cognome Schumacher in griglia. Un cognome pesante che però Mick ha dimostrato di saper sopportare ed onorare al meglio. Il suo debutto in Formula Uno, sarebbe già dovuto avvenire in occasione delle prove libere del Gp dell’Eiffel. La sessione però venne cancellata a causa delle pessime condizioni meteo.

Il debutto del tedesco potrebbe però avvenire prima di quanto si pensi. Grosjean infatti non prenderà parte all’ultimo gran premio della stagione. La Haas ed in particolare il suo team principal Steiner, sta pensando di cogliere l’occasione per far debuttare il tedesco già nel prossimo weekend.

La Ferrari continuerà a visionarlo, nella speranza che un giorno possa ripetere quanto di leggendario fatto da sua padre Michael indossando la tuta rossa.

Leggi anche: Hamilton: Wolff fa chiarezza sulle condizioni del pilota

Sito ufficiale F2.com

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20