Milan-Bologna 2-1: rinascita rossonera a San Siro!

Milan-Bologna, 35a giornata di Serie A.
Milan-Bologna, 35a giornata di Serie A

Nella gara disputata questa sera a San Siro, Milan-Bologna, dopo mille emozioni e tante occasioni da ambo le parti, i rossoneri tornano a vincere, tornando così in corsa per l’Europa che conta.

La squadra di Gattuso, dopo il ritiro punitivo della scorsa settimana, riesce a ritrovare la vittoria e lo fa in una gara fondamentale, contro un avversario come il Bologna che era in grandissima forma e davanti al proprio pubblico, che non ha mai smesso di incitare la propria squadra. Come ha detto Gattuso il Milan è ancora vivo e in questa partita, nonostante le tante difficoltà, lo ha dimostrato!

FORMAZIONI:

MILAN (4-3-3): Donnarumma G.; Abate, Musacchio, Zapata, Rodriguez; Kessie, Biglia (27° José Mauri), Paquetà; Suso (79° Castillejo), Piatek, Calhanoglu (61° Borini). A disposizione: Reina, A. Donnarumma, Conti, Laxalt, Bakayoko, Bertolacci, Cutrone. Allenatore: Gennaro Gattuso.

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Calabresi, Danilo, Lyanco, Dijks; Pulgar, Poli (86° Santander); Orsolini (80° Edera), Svanberg (63° Destro), Sansone; Palacio. A disposizione: Da Costa, Santurro, Corbo, Helander, Paz, Donsah, Krejci, Dzemaili, Falcinelli. Allenatore: Sinisa Mihajlovic.

LA PARTITA:
PRIMO TEMPO:

La partita è di fondamentale importanza per entrambe le squadre, che non vogliono sbagliare nulla, soprattutto in avvio.

Al 10° ci prova Calhanoglu, ma la sua conclusione è deviata in angolo da un attento Skorupski. Al 14° risponde il Bologna: Sansone va in verticale per Orsolini che brucia sullo scatto Ricardo Rodriguez e si presenta in area; sul diagonale dell’esterno del Bologna il portiere del Milan Donnarumma è però bravissimo in uscita ed interviene col corpo deviando il pallone in corner.

Il Bologna sembra più convinto ed arriva nei minuti successivi varie volte al tiro, non riuscendo però a sorprendere lo stesso Donnarumma.

Al 24° si fa male Biglia nelle file del Milan. Gattuso chiama in causa Bakayoko che però dice al tecnico dei Rossoneri di non essere pronto ad entrare in campo. L’allenatore dei padroni di casa dopo un diverbio col centrocampista la rimanda a sedersi in panchina e fa entrare José Mauri. Dopo il caso, dichiarato finito, la scorsa settimana del ritardo del Francese ad un allenamento, si accende dunque una nuova polemica attorno al centrocampista del Milan, sempre più in litigio con Rino Gattuso.

Il Bologna al 27° approfitta della confusione in casa Milan e va a segno con Palacio, imbeccato da un altro grande filtrante di un ispiratissimo Sansone. Nemmeno il tempo di esultare però per il Bologna, perché la rete viene immediatamente annullata per un fuorigioco millimetrico dell’attaccante Argentino.

Nel momento più buio per il Milan ci pensa Suso a riaccendere la luce a San Siro. Lo spagnolo riceve al limite da José Mauri, controlla la palla in mezzo a due e rimane in piedi nonostante la spinta di un avversario, poi si sposta la palla sul mancino e lascia partire un fendente imprendibile per Skorupski facendo esplodere la gioia dei tifosi di casa! Milan-Bologna 1-0! I Rossoneri sono avanti al 37°!

Suso col suo mancino sblocca la partita a San Siro al 37° minuto di gioco ed esulta per il goal liberatorio.
Suso col suo mancino sblocca la partita a San Siro al 37° minuto di gioco

La prima frazione di gara termina dunque col Milan avanti per 1-0, nonostante un’ottimo primo tempo del Bologna che non è certo andato a Milano a difendersi, ma che anzi in più occasioni si è presentato pericolosamente dalle parti di Donnarumma nel corso dei primi 45 minuti di gioco.

SECONDO TEMPO:

La ripresa parte subito con ritmi molti alti. Al 52° Calhanoglu riceve al limite e scarica una delle sue sassate verso la porta avversaria; il pallone sibila di poco alto sopra la traversa facendo correre un brivido alla difesa Bolognese. Due minuti dopo immediata risposta degli Emiliani, anche in questo caso con una conclusione da fuori. Questa volta è Pulgar a provare il tiro; pallone leggermente deviato che finisce di poco a lato.

Al 60° si fa male proprio Calhanoglu, che viene sostituito da Fabio Borini. Il cambio obbligato si rivela in realtà decisivo; infatti lo stesso esterno del Milan al 67° trova il raddoppio per i suoi! Paquetà calcia col destro dal limite; conclusione insidiosa che con la deviazione di Lyanco fa sì che Skorupski riesca solamente a respingere la sfera. Il pallone arriva così tra i piedi di Borini che col sinistro infila il portiere avversario portando il punteggio sul 2-0 per il Milan!

Borini entrato da poco sul terreno di gioco realizza la rete del raddoppio per il Milan e viene festeggiato dai compagni di squadra. Milan-Bologna 2-0.
Borini entrato da poco sul terreno di gioco realizza la rete del 2-0 per il Milan

Il Bologna però è squadra vera e non si arrende! Destro, entrato in campo pochi minuti prima del raddoppio dei Rossoneri, alla sua prima occasione realizza la rete che dimezza lo svantaggio per gli ospiti e che riapre a sorpresa il match. Angolo battuto al limite da Pulgar verso Sansone che finge la conclusione e con una straordinaria visione di gioco pesca tutto solo in mezzo all’area Mattia Destro; l’attaccante del Bologna si mette la palla sul sinistro dopo aver controllato ottimamente di petto e da due passi trafigge Donnarumma con una conclusione fulminea. Milan-Bologna 2-1 e Felsinei di nuovo in partita!

Destro, ex Rossonero, era partito dalla panchina in questa partita, ma alla prima occasione va a segno: Milan-Bologna 2-1.
Destro, ex Rossonero, era partito dalla panchina in questa partita

Il Milan si innervosisce e due minuti dopo Paqueta si fa cacciare! Fallo a metà campo di Pulgar, ammonito per l’intervento sul brasiliano; il numero 39 Rossonero si rialza spintonando l’avversario e venendo per questo a sua volta ammonito dal direttore di gara. Il calciatore però eccede nelle proteste toccando anche l’arbitro che non esita ad espellerlo, costringendo i padroni di casa in 10 uomini per l’ultimo quarto d’ora di gara.

Di Bello al 75° espelle Paquetà.
Di Bello al 75° espelle Paquetà

Il Bologna ora ci crede e negli ultimi 10 minuti di gara Mihajlovic inserisce Edera e Santander per gli ultimi assalti dei suoi. Proprio Edera col mancino impegna severamente il portiere avversario al 92°, ma la sua conclusione è deviata in corner dall’estremo difensore dei padroni di casa.

Al 96° si fa cacciare anche Sansone che riceve il secondo giallo e ristabilisce così la parità numerica in campo. Il Bologna ci ha creduto e provato fino alla fine ma non è riuscito a trovare la rete del 2-2. Eccesso di nervosismo dei Felsinei nel finale con Dijks che dopo la fine della partita viene espulso a sua volta dall’arbitro per eccessive proteste.

Nonostante cuore e determinazione il Bologna esce dunque sconfitto da San Siro da un buon Milan che nel finale ha però rischiato di rovinare tutto, dopo che era andato avanti di due goal. Successo comunque pesantissimo per gli uomini di Rino Gattuso che si riportano al 5° posto in classifica con 59 punti, a meno 3 punti dall’Atalanta 4a, momentaneamente qualificata alla prossima Champions League. Sconfitta invece per il Bologna dopo 4 risultati utili consecutivi e salvezza che rimane vicina, con i 5 punti di vantaggio sull’Empoli a 3 gare dal termine, ma non ancora aritmetica.

TABELLINO:

RISULTATO: Milan-Bologna 2-1.

MARCATORI: Suso 37′ (M), Borini 67′ (M), Destro 72′ (B).

AMMONITI: Poli 44′ (B), Sansone 57′ (B), Calabresi 65′ (B), Paquetá 74′ (M), Pulgar 75′ (B), Kessié 90’+6′ (M).

ESPULSI: Paquetá 75′ (M), Sansone 90’+6′ (B), Dijks dopo il triplice fischio.

Per analizzare il pre-partita di Milan-Bologna leggere il seguente articolo:

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.