Mini_Formula E_safety

Dall’E-Prix di Roma (ITA) lo scorso fine settimana, davanti al parco delle monoposto in gara, si è presentata una nuova safety car FIA Formula E : la MINI Electric Pacesetter ispirata a JCW. Il gruppo BMW Group è strettamente collegato al campionato mondiale ABB FIA Formula E sin dalla prima gara circa sette anni fa.

L’auto completamente elettrica è stata progettata da BMW Motorsport in modo tale che la tecnologia da corsa la renda perfettamente adatta ai requisiti speciali di una safety car FIA Formula E. Il presidente della FIA Jean Todt e il pilota ufficiale della safety car FIA Formula E Bruno Correia (POR) sono stati tra coloro che hanno visto un fine settimana di gara con molte azioni di safety car e hanno favorevolmente commentato.

L’ABB FIA Formula E World Championship è la migliore serie di corse elettriche. Ma anche un modo efficiente per promuovere la mobilità urbana sostenibile“, ha affermato Todt. “La nuova Safety Car ufficiale – la MINI Electric Pacesetter – è un esempio calzante. La sicurezza è una delle massime priorità della FIA. Abbiamo collaborato con il gruppo BMW e la Formula E per sviluppare un modello di auto per svolgere questo ruolo chiave. Ho avuto il piacere di provarlo a Roma lo scorso fine settimana e la sua prima uscita ha soddisfatto le aspettative. Mi ha ricordato bei ricordi quando ho iniziato a gareggiare nei Rally con una Mini Cooper“.

Alla luce delle condizioni meteorologiche avverse e delle gare turbolente con diversi incidenti, la nuova safety car FIA Formula E è stata chiamata in azione quattro volte al suo debutto a Roma. Entrambe le gare sono iniziate dietro la MINI Electric Pacesetter ispirata a JCW, e la gara di sabato si è addirittura conclusa dietro la safety car dopo gli incidenti poco prima del traguardo.

Gli incidenti hanno dato a Correia molte possibilità per conoscere l’auto: “È fantastico avere un’auto completamente elettrica in testa al campo della Formula E“, ha detto Correia. “La MINI Electric Pacesetter è perfetta per i circuiti stradali stretti dell’ABB FIA Formula E World Championship. La maneggevolezza dell’auto è fantastica. E grazie alle modifiche per l’uso in pista, ad esempio alle sospensioni e ai freni, la MINI è estremamente veloce e agile“.

Il verdetto positivo dell’ex pilota Correia è un’ottima descrizione del carattere unico della MINI Electric Pacesetter ispirata a JCW. In questo caso, BMW Motorsport non ha convertito un veicolo stradale esistente nella FIA Formula E Safety Car. Invece, gli ingegneri hanno utilizzato la nuova MINI Cooper SE (consumo di carburante combinato: 0,0 l / 100 km; consumo di energia combinato: 17,6 – 15,2 kWh / 100 km secondo WLTP, 16,1 – 14,9 kWh / 100 km secondo NEFZ. Emissioni di CO2 combinate : 0 g / km) come base per progettare una safety car totalmente nuova.

Ci siamo avvicinati al progetto sia in termini di sicurezza che di manovrabilità. Esattamente come se stessimo costruendo un’auto da corsa, e abbiamo iniziato con la carrozzeria in bianco della MINI Cooper SE“, ha descritto Rudolf Dittrich, responsabile dello sviluppo del veicolo presso BMW Motorsport. “Il risultato è un’auto che definisce gli standard in termini di potenza frenante, prestazioni in curva e agilità. Ed è proprio queste aree che sono cruciali sugli stretti circuiti stradali della Formula E“.

Le specifiche tecniche

Oltre alla carrozzeria in bianco, il propulsore è un altro componente ripreso dal veicolo di serie. Solo i dettagli sono stati modificati per soddisfare i requisiti specifici di una safety car che produce 135 kW di potenza e 280 Nm di coppia. Questo vede la MINI Electric Pacesetter ispirata allo sprint JCW da 0-100 km / h in 6,7 secondi (produzione: 7,3 sec.), Da 0-60 km / h in 3,6 sec. (produzione: 3,9 sec.) e da 80-120 km / h in 4,3 sec. (produzione: 4,6 sec.). I freni sono in gran parte identici nella costruzione, a quelli della MINI John Cooper Works GP (consumo di carburante combinato: 7,3 l / 100 km, emissioni di CO2 combinate: 167 g / km). Per il telaio, la produzione ha adottato il concetto base; tuttavia, numerosi componenti (ad esempio, il sistema di ammortizzatori a molla) sono stati sostituiti con elementi da sport motoristici.

Le novità della MINI Electric Pacesetter

Una caratteristica totalmente nuova è la protezione antincastro in Kevlar familiare dai rally. Protegge principalmente la batteria della MINI Electric Pacesetter ispirata a JCW quando si guida approssimativamente sui cordoli. Anche le dimensioni, il profilo e la mescola di gomma degli pneumatici sono stati modificati per essere utilizzati come safety car. Attraverso l’uso coerente di carbonio e CFRP nella costruzione delle modifiche specifiche della carrozzeria, alcune delle quali sono state persino prodotte utilizzando la stampa 3D, gli ingegneri BMW Motorsport sono stati in grado di ottenere una riduzione di peso di circa 130 kg rispetto al modello di produzione, e quindi un peso a vuoto di circa 1.230 kg.

La sicurezza

La safety car contiene tutti i moduli richiesti dalla FIA per la sicurezza passiva. All’interno, il guidatore ha tutti i sistemi necessari come radio, GPS, transponder e pannelli di controllo per il sistema di illuminazione. Accanto alla MINI Electric Pacesetter ispirata a JCW, la BMW i8 Roadster Safety Car (consumo di carburante (ciclo combinato): 2,0 l / 100 km; consumo di energia (ciclo combinato): 14,5 kWh / 100 km; emissioni di CO2 combinate: 46 g / km) * , che è stato modificato appositamente per l’uso da corsa, continuerà ad apparire come safety car di Formula E.

La flotta

La flotta comprende anche le BMW i3 (Consumo energetico in kWh / 100: 14,6-14,0 (NEDC); 16,6-16,3 (WLTP), autonomia elettrica in km: 278-283 (WLTP)) * come ‘Race Director Car’ e la BMW iX3 (Consumo energetico in kWh / 100: 17,8-17,5 (NEDC); 19,0-18,6 (WLTP), autonomia elettrica in km: 450-458 (WLTP)) * nelle sue funzioni di “Auto medica” e “Auto di soccorso”.

Un percorso di qualificazione in F1 Esports solo per le donne

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20