Sadiq nasce il 2 febbraio 1997 in Nigeria, approda in Italia con lo Spezia, che lo acquista dall’Abuja Football College nel 2013 e lo rivende, due anni dopo, alla Roma per 2,5 milioni di euro. Da meteora in Italia, a trascinatore dell’Almeria, si è reso protagonista di questa stagione, trascinando a suon di gol l’Almeria nella lotta per la promozione in Liga. In Andalusia i “rumors” di mercato per lui si sono già scatenati: Monchi lo segue, abbagliato anche Julen Lopetegui il Siviglia FC apre le porte. Il DS non ha dimenticato questa vecchia conoscenza, Umar Sadiq è stato attentamente monitorato negli uffici di Sánchez-Pizjuán e viene considerato un attaccante sul quale scommettere.

Umar Sadiq: gol e personalità , Siviglia spera

Umar Sadiq esordisce in Serie A, a 18 anni, contro il Bologna ed un mese dopo segna il suo primo gol in campionato. A fine stagione viene ceduto in prestito in Emilia, dove però trova pochissimo spazio. Nei quattro anni successivi girovaga fra Italia ed Europa segnando 7 gol in totale, con le maglie di NAC Breda, Torino, Rangers e Perugia. Il periodo a Glasgow, sotto la guida di Gerrard, è probabilmente il peggiore della sua carriera. La svolta a Belgrado, quando nel 2020 il Partizan Belgrado decide di puntare su di lui prelevandolo in prestito dalla Roma. 6 mesi dopo, i 2 milioni del riscatto: 23 gol e 19 assist in 53 partite. L’ Almeria investe pesantemente su di lui versando 5 milioni al Partizan, di cui il 10% alla Roma. Dopo una serie di brutte esperienze, a ventiquattro anni Sadiq trova finalmente l’ambiente giusto per esplodere. Trascinati dall’ex bomber della primavera della Roma, che ha partecipato al 44% delle reti segnate, i “rojiblancos” sono stati in corsa per la promozione in Liga, giocandosi lo spareggio fino alla fine. Difficilmente l’attaccante rimarrà tra le fila della serie cadetta.

La difficile situazione di mercato

D’altronde, con 20 gol e 5 assist ha già superato di gran lunga l’apporto del suo predecessore, Darwin Nuñez, a 24 anni il suo margine di crescita esponenziale, delinea un profilo ideale per il sistema di gioco di Julen Lopetegui. La sua clausola rescissoria è difficilmente trascurabile: 60 milioni di euro. Ma secondo quanto riporta il quotidiano locale “La Voz de Almeria”, però, potrebbero bastarne solo 30. Inoltre, la possibile partenza di Luuk de Jong aprirebbe le porte all’attaccante nigeriano, creando le giuste condizioni di plusvalenza necessarie al DS Monchi. La dirigenza dell’Almeria ha dimostrato di saper coprire abbastanza bene i vuoti lasciati dalle cessioni dei loro pezzi pregiati negli ultimi anni. Prima con Nuñez ed ora con Sadiq. Non a caso, l’usanza che ha reso celebre il verbo “tapar”, in italiano “coprire”, in tutto il mondo l’hanno inventata proprio nelle taverne della loro stessa città. Monchi come sempre, dovrà muoversi tenendo conto dei diversi scenari anteposti, ma soprattutto della disponibilità economica, monitorando attentamente ogni singola operazione.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20