Mondiali Rugby 2019: partite e convocati Italia.

Scatteranno tra poco meno di un mese i Mondiali Rugby 2019 che, in questa nona edizione, si disputeranno in Giappone. Il 20 settembre, infatti, a Tokyo si terrà la gara inaugurale che vedrà i padroni di casa opposti alla Russia. La nazionale italiana, invece, esordirà due giorni dopo in un match abbordabile contro la Namibia, mentre le sfide più attese e proibitive sono indubbiamente quelle contro il Sudafrica e la Nuova Zelanda.

La fase a gironi della competizione iridata andrà avanti fino al 13 ottobre, mentre a partire dal fine settimana successivo verrà dato il via ai quarti di finale. Esattamente sette giorni dopo si giocheranno le semifinali, e poi il 2 novembre sarà la volta della finalissima che sancirà la nazionale campione del mondo 2019.

World Rugby: via la denominazione di genere dai tornei

Per seguire in televisione le gare dell’Italia bisognerà collegarsi ai canali della Rai che, al contempo, trasmetterà le partite degli azzurri anche in streaming tramite la piattaforma RaiPlay. Ovviamente, qualora Sergio Parisse e compagni dovessero andare avanti nel torneo, l’azienda televisiva di Stato manderebbe in onda anche le competizioni ad eliminazione diretta.

Guardando al calendario dell’Italia ai Mondiali Rugby 2019, ricordiamo innanzitutto che la nostra nazionale è stata inserita nel Girone B insieme a Nuova Zelanda, Sudafrica, Namibia e Canada. Il primo match si disputerà il 22 settembre a Osaka alle 14:15 (7:15 in Italia) contro la Namibia. Seguirà il confronto del 26 settembre con il Canada (ore 9:45 italiane) a Fukuoka.

Mondiali Rugby 2019: tutti i gironi.

Il terzo impegno degli azzurri sarà sicuramente suggestivo, giacché il 4 ottobre alle 11:45 ora italiana i ragazzi di O’Shea incontreranno il Sudafrica a Shizuoka. Quindi chiusura nel segno della leggenda contro i mitici All Blacks della Nuova Zelanda il 12 ottobre a Toyota City, alle 6:45 in Italia.

Mondiali Rugby 2019: i 31 convocati di O’Shea

Il tecnico Conor O’Shea ha già provveduto a diramare la lista dei 31 giocatori convocati in vista dei Mondiali Rugby 2019 in Giappone. Guardando l’elenco ufficiale, si nota fin da subito che vi saranno 18 avanti e 13 trequarti. Tra questi sarà presente certamente Sergio Parisse, che avrà l’onore e l’onere di essere il capitano degli azzurri per la terza volta consecutiva in carriera, in quello che sarà il suo quinto e ultimo torneo iridato.

Buone notizie vengono da Leonardo Ghiraldini che, dopo essere incappato a marzo in un brutto infortunio al legamento crociato del ginocchio destro, è riuscito a riprendersi a tempo di record e, di conseguenza, a meritarsi la convocazione per la competizione in terra nipponica. Con lui ci sarà anche Alessandro Zanni che prenderà parte al quarto campionato del mondo personale.

L’età media dell’Italia sarà di 30,8 anni e soprattutto non vi saranno debuttanti. Infatti prima dei test-match gli unici esordienti erano Callum Braley e Marco Riccioni, i quali hanno avuto modo di disputare le prime partite in azzurro contro Irlanda e Russia. Sono ben nove, invece, gli atleti che erano già presenti alla Rugby World Cup in Inghilterra, ovvero: Parisse, Ghiraldini, Zanni, Allan, Canna, Campagnaro, Benvenuti e Palazzani.

Mondiali Rugby 2019: la lista dei convocati dell’Italia.

Guardando ai club di provenienza, la compagine che vanta il maggior numero di nazionali italiani in vista del torneo giapponese è la Benetton Rugby con ben 15 rappresentanti, mentre alle sue spalle troviamo le Zebre con 10 e ben più distaccata Gloucester con 2 convocati. La Benetton mancherà nei tallonatori, mentre tra le fila dei biancoverdi militano ben cinque piloni su sei. A questo punto, non ci resta che vedere la lista completa dei 31 convocati di O’Shea per i Mondiali Rugby 2019.

Piloni: Simone Ferrari (Benetton Rugby, 24 presenze); Andrea Lovotti (Zebre Rugby Club, 36 presenze); Tiziano Pasquali (Benetton Rugby, 19 presenze); Nicola Quaglio (Benetton Rugby, 10 presenze); Marco Riccioni (Benetton Rugby, 2 presenze); Federico Zani (Benetton Rugby, 9 presenze).

Tallonatori: Leonardo Ghiraldini (Svincolato, 104 presenze); Luca Bigi (Zebre Rugby Club, 20 presenze); Oliviero Fabiani (Zebre Rugby Club, 8 presenze).

Seconde Linee: Dean Budd (Benetton Rugby, 21 presenze); Federico Ruzza (Benetton Rugby, 13 presenze); David Sisi (Zebre Rugby Club, 6 presenze); Alessandro Zanni (Benetton Rugby, 113 presenze).

Terze Linee: Maxime Mbandà (Zebre Rugby Club, 17 presenze); Sebastian Negri (Benetton Rugby, 18 presenze); Sergio Parisse (Tolone, 139 presenze); Jake Polledri (Gloucester, 9 presenze); Abraham Steyn (Benetton Rugby, 31 presenze).

Mediani di mischia: Callum Braley (Gloucester, 2 presenze); Guglielmo Palazzani (Zebre Rugby Club, 32 presenze); Tito Tebaldi (Benetton Rugby, 33 presenze).

Mediani di apertura: Tommaso Allan (Benetton Rugby, 49 presenze); Carlo Canna (Zebre Rugby Club, 33 presenze).

Centri: Tommaso Benvenuti (Benetton Rugby, 57 presenze); Michele Campagnaro (Harlequins, 43 presenze); Luca Morisi (Benetton Rugby, 26 presenze).

Ali-Estremi: Mattia Bellini (Zebre Rugby Club, 18 presenze); Giulio Bisegni (Zebre Rugby Club, 12 presenze); Jayden Hayward (Benetton Rugby, 18 presenze); Matteo Minozzi (Wasps, 12 presenze); Edoardo Padovani (Zebre Rugby Club, 21 presenze).

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.