fbpx

Moto2, GP San Marino: Lopez trionfa, italiani decimati

Date:

Il giorno di Alonso Lopez e della Boscoscuro è oggi. Lo spagnolo del team SpeedUp è il trionfatore del GP di San Marino della classe Moto2: è il primo trionfo in carriera per Alonso, il primo stagionale per il team di Luca Boscoscuro. Sorridono Aron Canet, secondo, e Augusto Fernandez, terzo e di nuovo leader del mondiale. Celestino Vietti cade e precipita nel mondiale. Non è il solo italiano a mancare l’appuntamento al traguardo, anzi: la pattuglia tricolore è letteralmente decimata! Il resto della top ten, dal quarto al decimo: Albert Arenas, Ai Ogura, Pedro Acosta, Tony Arbolino, Somkiat Chantra, Joe Roberts e Jeremy Alcoba.


GP San Marino Moto2: il venerdì intermedio a Misano


Moto2, GP di San Marino: cosa succede in gara?

Vietti non sfrutta alla grande la pole, incastrato nel “panino” spagnolo di Arenas e Lopez. Quest’ultimo si ritrova in testa dopo tre curve, e opta per l’unica opzione possibile: restare davanti. Inizia a spingere con un ritmo impressionante, accumulando un piccolo vantaggio che nessuno riesce a colmare. Vietti, invece, lotta con un anteriore che non da alcun feeling, superato più e più volte da Canet. La curva cinque, la seconda del Rio, è fatale per Celestino, finito un pelino troppo largo. Il piemontese prova a ripartire, ma la zona punti è troppo lontana. Il ritiro è inevitabile. Il suo svantaggio nel mondiale sale a 39 punti dal ritrovato leader, Augusto Fernandez. Il titolo è andato? Fernandez, dal canto suo, risale la china a suo modo, nella seconda parte di gara. Passa Ai Ogura (penalizzato dalla gomma più morbida al posteriore) per la quarta posizione, poi lotta con Arenas per il podio. Dopo vari tentativi, Il “Conejo” buca il campione Moto3 2020 nel cambio di direzione, dopo la seconda curva del Carro.

Italiani (quasi) decimati

Il GP di Misano è un’ecatombe per i piloti italiani. Alla caduta di Vietti segue quella di Mattia Pasini, alla seconda wild card della stagione. Peccato, era in top five. Finiscono a terra anche Lorenzo Dalla Porta, alla sua migliore gara dell’anno e Niccolò Antonelli. Simone Corsi si ferma per un inconveniente tecnico. Rimangono in gara solo Arbolino e Alessandro Zaccone. “Arbo” è in lotta per la top five, ma è penalizzato, come Ogura, dalla gomma morbida al posteriore. L’usura distrugge ogni speranza di gara, e perde anche il sesto posto all’ultimo giro contro Pedro Acosta. Più fortunato, nella sua economia di gara, “Zac”, che grazie alle cadute sale al 15esimo posto. Il pilota di Saludecio si porta a casa un punticino, che fa morale anche in ottica 2023.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
Riccardo Trullo
Aspirante giornalista sportivo e membro orgoglioso della famiglia Periodicodaily. La mia specialità è il motorsport, in particolare la MotoGP ed il panorama americano di NASCAR, IndyCar, IMSA. Non disdegno la F1, campionato che seguo da una vita. E già che ci sono, butto un occhio nel settore delle auto di serie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

Nainggolan tentato dal ritorno in Serie A, il Monza lo cerca

Il calcio italiano potrebbe presto riabbracciare una sua vecchia...

Odermatt vince il primo super-G maschile della stagione a Lake Louise

Lo sciatore svizzero Odermatt ha conquistato il primo super-G...

Ottava giornata Basket Serie A 2022/2023: il punto

La Virtus Bologna sembra non conoscere avversari e coglie...

14esima giornata Serie B 2022/2023: il punto

Dopo gli anticipi del sabato, che hanno visto...