Luca Marini vince a Jerez de la Frontera

Moto2 Jerez – La seconda gara del motomondiale Moto2 si è conclusa con la vittoria di Luca Marini sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontera. Il giovane pesarese vince in solitaria davanti a Tetsuta Nagashima e Jorge Martin. Gara da dimenticare per Marco Bezzecchi, reduce da una brutta caduta a pochi giri dall’inizio quando si trovava in terza posizione.

Torna il motomondiale dopo una lunga pausa causata dall’epidemia di coronavirus. Nel weekend i piloti sono scesi in pista sul circuito andaluso di Jerez de la Frontera per dare nuovamente il via alla stagione 2020 Moto2, dopo quattro lunghi mesi di assenza.

Moto3 e Moto2 sono state le prime classi a darsi bagarre tra i cordoli nella mattinata di oggi. In Moto3 vince Albert Arenas che replica la vittoria ottenuta nel GP del Qatar lo scorso marzo. Tony Arbolino chiude in terza posizione davanti ai piloti del team VR46 Andrea Migno e Celestino Vietti.

Altra storia in Moto2, dove un imperiale Luca Marini suona la carica e porta il tricolore italiano sul gradino più alto del podio per la quarta volta in carriera, concludendo un weekend perfetto davanti a Tetsuta Nagashima e a Jorge Martin.

La VR46 vince a Jerez de la Frontera: quarto trionfo di Luca Marini nel Motomondiale

Torna a suonare l’Inno di Mameli a Jerez de le Frontera in Moto2: Luca Marini, il fratellino minore di Valentino Rossi, trionfa nel GP di Spagna mettendo a segno la quarta vittoria in carriera nel Campionato del Mondo Moto2. Il 22 enne pesarese, partito forte sin dai primi giri, si è portato subito al comando della corsa, mettendo un buon gap tra se e i rivali del team KTM Ajo.

Una gara dominata con la tempra del leader, dove il giovane Campione di Tavullia ha preso in mano la situazione dopo soli 4 giri dall’inizio. Una gara spettacolare dominata dall’inizio alla fine, dove il giovane pilota del Team VR46 ha saputo mostrare la maturità raggiunta all’interno della classe intermedia, che ora lo vede tra i protagonisti per la lotta al titolo mondiale.

Il ritmo costante battuto giro dopo giro non ha lasciato speranza all’attuale leader della classifica, Tatsuto Nagashima, attualmente al comando della classifica iridata. Sul traguardo il pilota dello Sky Racing team ha esultato con un vantaggio di +1.271 sul rivale giapponese.

Abbiamo fatto un grande lavoro in prova – le parole di Marini a parco chiuso –  la gara l’abbiamo vinta dal venerdì con il long run di 20 giri fatto in Fp1, ci ha agevolato sicuramente il ritmo di gara che è stato più lento di quello che ci si attendeva, ma c’è da aggiungere che non mi aspettavo neanche un Nagashima così veloce”.

Chiude in terza posizione Jorge Martin (+4.838) che ha provato fino all’ultimo ad insidiare il secondo posto di Nagashima, peccato poi frustrato da un calo nel finale. Gara da dimenticare invece per Marco Bezzecchi, caduto nelle prime battute alla curva 9, quando si trovava in terza posizione mentre stava lottando con i primi per aggiudicarsi la vittoria finale.

Quarta vittoria per il ‘Maro’ che ora guarda al titolo iridato

Una vittoria solare che corona un week end perfetto, iniziato con un ottimo lavoro sin dalle prime prove del venerdì. Un week end che ha ricordato molto la prima gara del mondiale Moto 2 a Doha, dove il ‘Maro’ era stato tradito dalla gomma anteriore costringendolo a una brutta caduta e al conseguente ritiro.

“Sono davvero felice per questo risultato, la Moto2 è competitiva ed è importante vincere le gare: è fantastico! Se in Qatar non avessi avuto dei problemi con le gomme avrei potuto vincere anche li”

Al termine della gara Luca ha dedicato la vittoria a tutte le persone coinvolte in questi mesi dall’epidemia di covid-19

“Dedico la vittoria all’Italia e a tutte le persone coinvolte in questa pandemia, dobbiamo stare ancora attenti”

Le prime dieci posizioni al termine della gara di Moto 2 – https://www.motogp.com/it/notizie/2020/07/19/marini-fa-suonare-l-inno-di-mameli-a-jerez/334055

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20