Jorge Lorenzo sulla Yamaha 2020
Jorge Lorenzo sulla Yamaha 2020

MotoGP, Jorge Lorenzo compie 33 anni: tanti auguri Jorge!

Classe 1987, Jorge Lorenzo è nato il 4 maggio di 33 anni fa a Palma di Maiorca. Trenta tre anni, trenta dei quali passati tra i motori. Sì, perché il giovane talento spagnolo ha iniziato la sua carriera all’età di soli 4 anni, quando nel 1991 prese parte al suo primo campionato di minicross. Una carriera trascorsa nelle massime competizioni, lottando con i più forti per aggiudicarsi un posto al fianco dei mostri sacri Motomondiale. Alla fine Jorge ce l’ha fatta: durante gli anni trascorsi nel motomondiale Lorenzo ha conquistato ben 5 titoli iridati, tre dei quali nella Classe Regina.

Jorge oggi è considerato uno dei piloti più forti in circolazione, nonostante il prematuro addio al mondo delle corse, avvenuto lo scorso 14 novembre. Al termine della stagione 2019, infatti, Lorenzo ha deciso di ritirarsi definitivamente dalle corse di moto. Dopo tre anni difficili, passati in Ducati nelle stagioni 2017 e 2018, per poi approdare alla Honda al fianco del connazionale, Marc Marquez, la ricerca di nuovi stimoli e nuove sfide non ha dato i frutti sperati. In particolare il 2019, la stagione delle conferme con la RC213V, è stata determinante per il futuro del “Martillo”, rivelandosi un vero “buco nell’acqua”:

“Volevo vedere se riuscivo a ritrovare le motivazioni giuste e il feeling con la moto. Ma questo non è avvenuto. Dopo l’incidente a Montmelò e la caduta di Assen, la salita è diventata troppo alta; non ho più trovato la motivazione e la pazienza giusta per riuscire a scalare questa montagna. Mi sono reso conto che non era più possibile vincere”.

Nonostante l’addio, Jorge non è mai sceso da quel sogno “a due ruote”, un sogno che dura ormai da ben 33 anni. La tentazione di tornare in sella è sempre lì, costante. Il segnale di un possibile rientro in pista Lorenzo lo ha dato già pochi mesi fa, alla vigilia del via ufficiale all’inizio della stagione 2020. Il 30 gennaio scorso la Yamaha ha annunciato il ritorno di Lorenzo nel team Monster Energy Yamaha, al fianco di Rossi e Vinales come test rider ufficiale.

Leggi anche MotoGp 2020: Alex e Marc Marquez futuri compagni di squadra nel team Repsol Honda?

La Carriera

Gli inizi

Nato a Palma di Maiorca il 4 maggio del 1987 in Spagna, Jorge Lorenzo Guerrero muove i primi passi in sella a una minimoto da cross all’età di soli 4 anni. È il 1991, quando comincia il suo primo campionato di minicross. Negli anni, Jorge partecipa a diverse competizioni: “Copa Aprilia” 50 e 125cc ed alcune wild card nel Campionato Italiano 125.

Gli anni in 125 e 250 e i primi titoli

Nei primi anni Jorge partecipa a diverse competizioni: “Copa Aprilia” 50 e 125cc ed alcune wild card nel Campionato Italiano 125.

Nel 2002 approda nella Classe 125 del Motomondiale in sella ad una Derbi, dove resterà anche negli anni 2003 e 2004. Conquista la prima vittoria in carriera nel 2003 in Brasile, sul circuito di Jacarapaguà. Nel 2005 passa nella classe 250 dove conquista il primo titolo iridato nel 2006 e confermandosi Campione del Mondo anche l’anno successivo. Questi sono gli anni in cui Lorenzo comincia a delineare il suo caratteristico stile di guida, tanto deciso ed efficace, da guadagnarsi il soprannome di “Martillo y Mantequilla” .

Gli anni in MotoGp

Nel 2008 arriva finalmente in MotoGP, al fianco di mostri sacri come Valentino Rossi, Casey Stoner e Nicky Hayden. Ottiene la sua prima vittoria in nella Classe Regina in Portogallo, chiudendo la sua stagione d’esordio con 190 punti e un quarto posto assoluto, aggiudicandosi il titolo di ‘rookie of the year’. Il 2010 è l’anno del “Por Fuera”: il 10 ottobre Lorenzo diventa per la prima volta campione del mondo di MotoGP con tre Gran Premi d’anticipo rispetto alla fine del campionato. Il bis arriva nel 2012, dove Lorenzo conquista il suo secondo titolo mondiale in categoria, in sella alla Yamaha. È il primo spagnolo a vincere due volte il mondiale in questa classe.

Dopo i due Mondiali consecutivi vinti da Marc Marquez, nel 2015 arriva l’ultimo trionfo, forse il più caratterizzato da polemiche. Durante il testa a testa con Valentino Rossi, Lorenzo si aggiudica il quinto titolo nell’ultima gara del mondiale a Valencia, complice l’incidente in Malesia tra Marquez e il Dottore, decretando, di fatto, la sconfitta di quest’ultimo.

L’8 novembre Lorenzo riesce così a vincere indisturbato la gara e conquista il quinto titolo iridato della sua carriera, con 330 punti, appena 5 lunghezze in più rispetto a Rossi. Dopo il terzo posto nel 2016, arriva il difficile biennio in Ducati, prima dell’ultima complicatissima stagione da pilota con la Honda.

L’addio alle corse e il ritorno al fianco di Rossi

Lo scorso novembre Jorge Lorenzo ha definitivamente messo la parola fine alla sua carriera da pilota professionista nella classe regina, o quasi. Sì, perché “El Por Fuera” ha annunciato lo scorso 30 gennaio il suo rientro in pista per affiancare Rossi e Vinales nel team ufficiale Yamaha.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20