nascar 2020 kansas

Un altro grande spettacolo quello che la NASCAR ci regala nel 2020 al Kansas Speedway. In un giorno di gara insolito (si corre il giovedì sera), le stock car americane sono protagoniste di un altro finale da cardiopalma. Con un sorpasso a 13 giri dalla fine, Denny Hamlin strappa il primato a Kevin Harvick, e resiste ad un Brad Keselowski in rimonta nelle ultimissime fasi. E’ il quinto trionfo stagionale per Hamlin, ormai sempre più favorito per la vittoria finale.

Martin Truex jr finisce quarto, davanti al già citato Harvick. Erik Jones, Aric Almirola, Cole Custer, Alex Bowman, Kurt Busch e William Byron completano la top ten.

La gara conta 22 cambi di leader e 11 caution, per 47 giri.

NASCAR 2020 Kansas, la cronaca

Kevin Harvick parte dalla pole ma già dal via deve cedere la prima posizione a Joey Logano. Il campione 2018 comanda il gruppo fino alla competition caution del giro 26. Durante le soste ai box, Logano deve scontare una penalità per una gomma incontrollata, e riparte dal fondo. Truex è il nuovo leader durante il restart, giusto il tempo di farsi passare da Kyle Busch. Il campione in carica si aggiudica la Stage 1.

Durante l’intervallo, Hamlin prende la testa per la prima volta grazie al giro dei pit stop. Al restart, il numero 11 mantiene la posizione fino al giro 98, quando Truex lo passa all’interno. Al giro 100 sventola la prima, vera, bandiera gialla della serata: Bubba Wallace va in testacoda sul rettilineo principale.

Tutti i piloti di testa rientrano ai box. Keselowski cambia solo due gomme e balza al comando al successivo restart. Innesca una battaglia di ben cinque giri con Truex, per tenere il piazzamento conquistato al pit. Ma alla fine, si deve arrendere al maggiore grip dell’avversario. Poi, un altra caution volge a favore di Brad: Chris Buescher si gira nel rettilineo opposto. Al restart, Keselowski è dietro a Ryan Blaney, lo supera all’ultima tornata vincendo la Stage 2 in maniera spettacolare.

La Stage 3 è quella che regala le emozioni più forti. Nella girandola delle soste Hamlin cambia due gomme anziché quattro, e riparte davanti a tutti al giro 167. Tempo quattro tornate ed avviene il primo, vero incidente di gara. Matt Kenseth si scontra con Bubba Wallace, ritirando fuori la bandiera gialla.

Hamlin resta in pista mentre tutti gli altri rientrano. Riparte in testa al giro 176, ma la ripresa dura poco. Logano, infatti, rimane piantato al restart a causa d una foratura. Il risultato è una carambola che coinvolge lui, Jimmie Johnson, Matt DiBenedetto, Clint Bowyer, ed il vincitore del Texas Austin Dillon.

Si riparte al giro 182. Chase Elliott ha replicato la strategia di Hamlin, ed è rimasto in pista con lui. Il pilota Hendrick è il più lesto alla bandiera verde, ma Denny si riprende subito la posizione. Giusto il tempo di vedere un altro incidente che interrompe le operazioni.

Christopher Bell taglia la strada a Ryan Newman, che per evitarlo innesca la carambola tra loro due e l’incolpevole Ryan Preece. Che picchia talmente duro da veder decollare la sua Chevrolet numero 37.

La gravità dell’incidente, fortunatamente senza conseguenze, spinge la direzione gara ad esporre la bandiera rossa.

Si riparte al giro 187. Truex brucia Hamlin al restart, ma la storia dura poco. Newman infatti, fora e sbatte ancora al giro 195. Tutti rientrano tranne Byron, che riparte davanti a tutti al giro 200. William è bravo a respingere gli attacchi di Keselowski, primo dei piloti usciti dal pit.

Alla tornata numero 235, è il turno di Corey LaJoie innescare la undicesima ed ultima caution della nottata. Byron rientra insieme agli altri e cambia due gomme per rimanere in testa al gruppo. Al restart, Alex Bowman passa Byron, il quale deve cedere alla rimonta di Hamlin e di Harvick. A 20 giri dalla fine Kevin prende la leadership, ma dopo sette tornate un forte sovrasterzo apre un varco per Hamlin. Al vincitore della Daytona 500 non resta che proteggersi dagli attacchi di un Keselowski in rimonta per chiudere la partita.

La gara del Kansas finisce male per Kyle Busch, alle prese con una stagione NASCAR 2020 da dimenticare. L’impatto con il muro che lo estromette a 40 giri dal termine è solo l’ultima di una serie di sfortune che lo perseguitano. E soprattutto, allungano il suo digiuno di vittorie.

Box Score

Gara: https://www.jayski.com/wp-content/uploads/sites/31/2020/7/23/2020-19cup-results.pdf

Campionato: https://www.jayski.com/wp-content/uploads/sites/31/2020/7/23/2020-19cup-points.pdf

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20