Buongiorno a tutti gli appassionati di NASCAR, a cui proponiamo le ultime notizie ed i rumors che sono circolati in questa settimana. Abbiamo un bel po’ di carne da mettere al fuoco, perciò bando alle ciance e mettiamoci al lavoro!

Intanto, mettiamo qui sotto il link della cronaca della gara di Bristol, per chi se la fosse persa.


NASCAR Bristol night race: Harvick-Busch, che battaglia!

NASCAR ultime notizie e rumors: a cominciare da…

A cominciare da quella che possiamo definire la bomba dell’anno!

Ci abbiamo girato attorno per qualche settimana, ma adesso è ufficiale. Denny Hamlin diventa un team owner della Cup Series. Il pilota attualmente alla Joe Gibbs Racing fonderà una propria organizzazione, che avrà in Michael Jordan un socio d’eccezione. La leggenda dell’NBA sarà azionista di minoranza della squadra, il cui nome e numero di gara non sono ancora resi noti.

Il pilota di questa nuova operazione sarà Bubba Wallace, che lascerà il Richard Petty Motorsports a fine stagione. Il team Gibbs fornirà il supporto tecnico, e di conseguenza il costruttore a cui saranno affiliati sarà Toyota. Il team acquisirà l’officina e la franchigia del Germain Racing.

La NASCAR ha emesso un comunicato ufficiale in cui si dichiara entusiasta di questo nuovo ingresso. Questo vuol dire che, ai loro occhi, non si tratta di un quinto team JGR, a dispetto della proprietà di Hamlin.

Silly Season

Con Bubba Wallace sistemato nel nuovo team Hamlin/Jordan, restano altre pedine da sistemare nel mercato piloti forse più interessante dell’ultimo decennio. Vediamo gli ultimi aggiornamenti da questo fronte.

Cominciamo con le notizie ufficiali. Ross Chastain correrà nella Cup a tempo pieno nel 2021, con il Chip Ganassi Racing. Il pilota della Florida salirà sulla Chevrolet numero 42 che attualmente è affidata a Matt Kenseth. Come vi dicevamo due settimane fa, Kenseth non è stato confermato, e probabilmente si ritirerà definitivamente.

Nel caso vi stiate chiedendo cosa c’entri il cocomero, vi basta sapere che la famiglia di Chastain coltiva angurie nel sud della Florida.

Con Chastain sistemato in Ganassi, rimangono ancora dei nomi liberi da piazzare. Gente come Erik Jones, Daniel Suarez, Ty Dillon devono trovare un volante per il 2021. Suarez ha annunciato la separazione con il Gaunt Brothers Racing, e si ritiene sia un candidato papabile per prendere il posto di Wallace sulla numero 43. Ma anche Dillon è un pretendente serio, essendo che la scuderia che porta il nome di Richard Petty è affiliata al Richard Childress Racing, di proprietà del nonno di Dillon. Jones, reduce da un ottimo terzo posto alla Briston Night Race, si pensa possa rimpiazzare Jimmie Johnson sulla Chevrolet numero 48, ma per lui c’è anche l’opzione del JTG Daugherty, al posto di Ryan Preece.

Un altro possibile free agent è Matt DiBenedetto. Il californiano è attualmente al Wood Brothers Racing, con il quale ha raggiunto i Playoff per la prima volta in carriera. Ma non ha in mano un contratto rinnovato. Secondo le ultime voci, il Team Penske, di cui il Wood Brothers è una formazione satellite, deciderà i piani per la Ford 21 entro fine mese. Le opzioni possibili sono due: confermare DiBenedetto o sostituirlo con Austin Cindric. Cindric, campione della regular reason nella XFinity Series, è anche il figlio di Tim Cindric, che dal 2000 ricopre il ruolo di presidente del Team Penske.

Brennan Poole a piedi

Pagare denaro, vedere cammello. E’ una regola che, purtroppo, vale anche nella NASCAR.

Ne sa qualcosa Brennan Poole, che nel weekend di Bristol si è visto recapitare un’amara sorpresa. Infatti, il suo team Rick Ware Racing lo ha appiedato per fare posto all’esperto JJ Yeley. La ragione sta nella mancanza di sponsor da parte del giovane texano, che si è ritrovato nell’impossibilità di finanziare la sua presenza per la gara di sabato.

Poole è incluso nella entry list della gara di questa settimana a Las Vegas, ma il fattaccio di Bristol rappresenta un pessimo segnale. La NASCAR Cup Series è un grosso impegno a livello economico, e senza uno sponsor che ti aiuti è difficile prendere parte allo show. Brennan ha un passato con Ganassi nella XFinity Series, con cui ha corso nel 2016…prima di essere appiedato a favore di Ross Chastain. Poole ha anche tentato una causa legale nei confronti della squadra, ma senza successo.

Non è proprio fortunato con i team…

E’ nata una stella

Il weekendi di Bristol ha consacrato una giovane promessa dello sport, Sam Mayer. Il 17enne del Wisconsin è stato un vero e proprio rullo compressione nel corso del weekend sul mezzo miglio del Tennessee: Ha vinto la gara della ARCA Menard’s Series, classe riservata agli esordienti, ed ha bissato il successo nella NASCAR Truck Series, a cui ha partecipato con il GMS Racing. Quest’ultima vittoria ha un significato pesante, perché in quella occasione Mayer ha battuto piloti molto più navigati di lui, e che stanno lottando per il titolo di categoria!

Tutte queste prestazioni non passano di certo inosservate. Dale Earnhardt jr. è rimasto così colpito da mettere il giovane Mayer sotto contratto per il suo team, il JR Motorsports. Mayer farà il debutto nella XFinity Series nella seconda metà del 2021, appena avrà compiuto 18 anni. Nel 2022 farà l’intera stagione, dove sarà chiamato a mostrare tutto il suo talento.

Le ultime notizie e i rumors sulle piste NASCAR

Concludiamo la nostra panoramica parlando dei circuiti, dove ci sono voci molto interessanti.

La prima riguarda il Bristol Motor Speedway, la quale potrebbe andare…di terra. Secondo quanto riportato da Adam Stern, la NASCAR sta discutendo con la Speedway Motorsports, proprietaria del circuito, per allestire un tratto sterrato per potervi correre con una delle tre serie nazionali. In pratica, si vuole aggiungere un secondo evento su un “dirt track”, assieme al tradizionale appuntamento della Truck Series all’Eldora Speedway, per dare più spettacolo ed attirare il pubblico. Non si conoscono altri dettagli dell’operazione, anche perché siamo ancora ai colloqui preliminari.

Non sarebbe la prima volta che Bristol si converte alla terra: già nel 2001 avevano organizzato una cosa simile per la World of Outlaws, il massimo campionato americano di Sprint car.

La seconda notizia sul settore circuiti riguarda la All-Star Race. Quest’anno, la pandemia ha stravolto il calendario, costringendo la gara spettacolo di metà stagione a lasciare il tradizionale palco del Charlotte Motor Speedway. La All Star ha corso quest’anno sul mezzo miglio di Bristol, con un evento che si è dimostrato un grande successo (anche perché si è avuta la possibilità di ospitare il pubblico).

La NASCAR ora sta pensando di trasferire la All Star Race in maniera definitiva, e sta cercando una nuova locazione. Il Texas Motor Speedway è candidato ad essere la nuova casa della corsa spettacolo. Ma ad una condizione: dovrà rinunciare ad una delle due gare titolate in calendario. In caso di conferma, la All Star Race 2021 non si terrà a metà maggio, prima della Coca Cola 600, ma più avanti. Probabilmente, si terrà in piena estate.

Dicevamo, il Texas Motor Speedway ospiterà la All Star Race ma rinuncerà ad una delle due gare in calendario iridato. Ed a prenderne il posto sarà il Circuit Of The Americas. La struttura alle porte di Austin, progettata da Tavo Hellmund con la consulenza dl Hermann Tilke e del campione del mondo 500 Kevin Schwantz, si prepara ad ospitare per la prima volta la Cup Series. A dispetto della giovane “età” (è nato nel 2012), il COTA sta diventando un riferimento nel motorsport statunitense: è la sede del GP USA di F1 e MotoGP, ed organizza gare per la IMSA, la IndyCar e la World Challenge Americas. La NASCAR è la ciliegina sulla torta di un circuito che ha convinto tutti.

Il Circuit Of The Americas ha dato la possibilità ai pilloti Haas di Formula 1, Romain Grosjean e Kevin Magnussen, di provare la NASCAR.

E questa era l’ultima delle notizie e dei rumors della settimana della NASCAR. Grazie per averci seguito, ed arrivederci alle prossime edizioni.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20