Confermato il piano del Commissioner Adam Silver, con ripartenza al Disney World di Orlando, Florida, con 22 squadre a giocarsi i 16 posti playoff

Data e modalità della ripartenza

La NBA riparte da Orlando. Dopo il lungo stop causato dall’emergenza Covid 19 (che negli USA ha finora causato 109.000 decessi e quasi 2.000.000 di contagiati) la National Basketball Association approva con larga maggioranza (29 voti favorevoli su 30, contrari solo i Portland Trail Blazers) il piano del Commissioner Adam Silver

Piano che consiste nel lasciar ripartire solo 22 delle 30 franchigie NBA, che giocheranno le ultime 88 sfide della stagione regolare ad Orlando, Florida, sul parquet del Disney World. Così facendo, le squadre NBA potranno superare quota 70 partite stagionali, assicurandosi gli introiti dei diritti TV locali

Al termine della prima fase, saranno 14 squadre ad accedere ai playoff, 7 per ogni conference, mentre l’ultimo posto verrà stabilito da due spareggi tra 8° e 9° di est e ovest. A partire dal 30 giugno prenderanno il via i training camp, mentre il 7 luglio tutti i giocatori e gli staff delle franchigie dovranno recarsi ad Orlando

Tutte le partite si disputeranno all’Espn Wide World of Sports Complex, dotato di 3 arene, cose che permetterà di giocare anche 6 gare in una giornata, tutte rigorosamente a porte chiuse, e con test sanitari prima di ogni partita

Restano tagliati fuori, tra gli altri, gli Atlanta Hawks di Vince Carter. L’ex Toronto e Dallas, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Sidney 2000, sarà quindi costretto al ritiro (a 43 anni) senza poter rimettere piede sul parquet

Squadre coinvolte, Draft e Free Agency

A giocarsi il titolo saranno quindi Bucks, Raptors, Celtics, Heat, Pacers, Sixers, Nets, Magic e Wizards a Est, e Lakers, Clippers, Nuggets, Jazz, Thunder, Rockets, Mavs, Grizzlies, Blazers, Pelicans, Kings, Spurs e Suns a Ovest. Già in post season invece Warriors e Wolves a Ovest, e Hornets, Bulls, Knicks, Pistons, Hawks e Cavs a Est

Rinviato anche il Draft NBA. Previsto inizialmente il 25 giugno, sarà spostato al 15 ottobre, con la lottery fissata per il 25 agosto. Tra i giocatori inseriti nel Draft anche l’italiano Niccolò Mannion, classe 2001, nelle ultime due stagioni agli Arizona Wildcats

Spostata in avanti anche la data della Free Agency, che partirà il 18 ottobre, con alcuni nomi importanti come Danilo Gallinari, Marco Belinelli, Anthony Davis, Montrezl Harrel, Serge Ibaka, DeMar DeRozan, Gordon Hayward, Andre Drummond e Draymond Green

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20