Kyle Trask

Per diversi anni resta nell’ombra, ma, quando ha l’occasione di diventare titolare e provare a fare la differenza non la spreca. Kyle Trask esplode definitivamente nella stagione 2020, quando è uno dei possibili candidati per la vittoria dell’Heisman Trophy. Dopo un finale di stagione particolarmente amaro, il quarterback dei Florida Gators proverà a cercare il riscatto in National Football League.

Chi è Kyle Trask?

Kyle Trask nasce a Manvel, in Texas, ed è lì che comincia a costruirsi la strada che porta al draft 2021. Ricopre prettamente il ruolo di riserva del quarterback titolare, ma quando ha l’occasione di scendere in campo mostra buone qualità, soprattutto dal punto di vista della precisione nei lanci. Tuttavia, non è uno dei quarterback più quotati della sua classe e riceve poche offerte dalle università. La grande occasione si presenta in seguito alla chiamata della University of Florida, una realtà in cui il quarterback di Manvel potrebbe cominciare a farsi notare anche in NFL.

Durante la prime stagioni, anche a causa di diversi infortuni, Trask non scende mai in campo. Colleziona qualche presenza con i Gators nella stagione 2018 e, nel 2019, arriva l’occasione di poter guidare l’attacco. Il quarterback titolare, Feleipe Franks, si infortuna e Trask prende il suo posto. Il numero 11 gioca una buona stagione e, nella gara vinta per 56-0 contro Vanderbilt, diventa il quarterback dei Gators a lanciare più yard in una singola partita dai tempi di Tim Tebow. Alla sua ultima stagione, Trask continua a infrangere record personali e si guadagna la nomina tra i candidati per l’Heisman Trophy. Nel finale di campionato, però, arrivano le deludenti sconfitte contro LSU, Alabama e Oklahoma e anche l’Heisman, vinto da DeVonta Smith, gli sfugge di mano. Ora, il quarterback dei Gators si prepara per entrare nella NFL.

Buona qualità, ma parecchio su cui lavorare

Nel biennio 2019-2020, in cui ha le maggiori chance di giocare, Kyle Trask registra ottimi numeri. Il primo anno, il quarterback dei Gators tocca quota 2.941 yard, trova 25 touchdown e la sua media di lanci completati è del 66,9%. Nel 2020, con una media del 68,9%, raggiunge le 4.283 yard e manda i suoi compagni a segno per 43 volte.

Le due qualità di Trask che maggiormente saltano all’occhio sono un ottimo braccio e la precisione nei lanci. Il ragazzo di Manvel ha, però, ancora diversi aspetti su cui lavorare, prima di potersi affermare in NFL. Su tutti, c’è la mobilità. Trask, infatti, non è propenso alle corse fuori dalla tasca, una qualità che spicca parecchio nei quarterback di nuova generazione, come Lamar Jackson, Deshaun Watson o di altri prospetti del draft del calibro di Trevor Lawrence o Justin Fields. Per questo, Trask potrebbe entrare in NFL come riserva di un quarterback già esperto, sotto la cui ala avrebbe l’occasione di crescere e migliorarsi notevolmente.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20