La Week 15 di NFL 2020 si chiude con la terza sconfitta consecutiva di Pittsburgh. Questa volta, gli Steelers cedono il passo ai rivali dei Bengals, che vincono con il punteggio di 17-27. Cincinnati scende in campo con molta più determinazione, rispetto agli avversari, e merita il successo finale. Si tratta, inoltre, di una vittoria, che interrompe un lungo ciclo negativo. I Bengals, infatti, non riuscivano a battere gli Steelers, al Paul Brown Stadium, dalla Week 2 della stagione 2013.

Steelers-Bengals: che succede a Pittsburgh?

In tre settimane, Pittsburgh è passata dall’essere imbattuta a essere una delle teste di serie, con il peggiore rendimento. Dopo la sconfitta contro il Football Team, che ha interrotto una potenziale stagione senza sconfitte, è arrivata anche quella contro i Bills. La sfida di Cincinnati avrebbe dovuto riscattare gli ultimi insuccessi. Invece, i Bengals hanno mostrato più convinzione e messo in campo un squadra meglio organizzata, rispetto agli Steelers.

Ora, per Pittsburgh, è il momento di invertire il trend negativo. All’orizzonte ci sono due sfide non facili, contro Colts e Browns, entrambe in ottima forma, dove gli Steelers dovranno dimostrare di essere tornati la corazzata di inizio stagione.

Steelers-Bengals 17-27

Gli Steelers, già qualificati ai playoff, sono reduci da due sconfitte consecutive, contro Washington e Buffalo. Per ritrovare sicurezza, in vista della post season, Pittsburgh ha bisogno di ritornare a vincere. Cincinnati, invece, è già da parecchio esclusa dalla corsa alla prossima fase. Senza Joe Burrow e dopo le deludenti prestazioni del reparto offensivo, Zac Taylor si affida al quarterback Ryan Finley, per ridare vigore all’attacco.

Steelers-Bengals, Zac Taylor si affida a Ryan Finley

Un pessimo inizio

Il primo tempo della gara è a senso unico. Gli Steelers sbagliano troppo in attacco, concedendo tre fumble, nella prima metà di gara, e dimostrando di non essere in partita. Cincinnati ne approfitta e, dopo essere passata in vantaggio con un field gol, aumenta il distacco. Nel secondo quarto, i due touchdown di Giovani Bernard fissano il risultato sullo 0-17, con Pittsburgh che rimane a secco di punti.

Arriva la reazione

Al rientro dalla pausa, gli ospiti cominciano a far vedere buon football e provano ad accorciare le distanze, grazie al touchdown di Diontae Johnson e a un field gol. I Bengals, però, non intendono sciupare il buon lavoro fatto, nella prima metà di gara. La squadra di casa contrattacca immediatamente e allunga nuovamente il distacco grazie al rushing touchdown di Finley.

Sul 10-24, Pittsburgh cerca l’ultimo tentativo di rimonta. Benny Snell segna il touchdown del 17-24, poi Cincinnati riesce a disinnescare gli ultimi tentativi di rimonta avversari. negli ultimi secondi, Randy Bullock segna il calcio piazzato, che fissa il punteggio finale sul 17-27 e da ai Bengals la certezza della vittoria.

Leggi anche: NFL, le partite della Week 15.

Leggi anche: NFL, Week 15 – Chargers-Raiders.

Leggi anche: NFL, Week 15 – Bills-Broncos e Panthers-Packers.

Leggi anche: Quindicesima settimana di NFL.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20