Oggi 13 Maggio compie 34 anni Nino Schurter, il mountain Biker Svizzero.

La sua specialità è il cross country.

In carriera ha inoltre vinto un argento e un bronzo olimpici (nel 2012 e 2008 rispettivamente).

Inoltre quattro titoli mondiali di staffetta a squadre, sei coppe del mondo, il titolo ai Giochi europei 2015 e sette titoli nazionali di specialità.

Si è laureato campione olimpico nel 2016 a Rio de Janeiro.

E per otto volte campione del mondo Elite, nel 2009, 2012, 2013, 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019.

Vince la Coppa del Mondo UCI nel 2010, 2012, 2013, 2015, 2017, 2018 e 2019.

Si aggiungono al suo palmares la medaglia d’argento olimpica 2012 e la medaglia di bronzo alle Olimpiadi del 2008.

Infine ha vinto il Campionato Nazionale Svizzero di mountain bike di fondo nel 2012, 2013, 2014, 2015.

Dal 2006 gareggia per il team Scott-SRAM MTB Racing.

Leggi anche: Ciclismo, rinviati gli Europei di Trento.

La Carriera di Nino Schurter

Nato e cresciuto a Tersnaus, già nelle categorie giovanili si mette in evidenza nel mountain biking, e in particolare nella specialità del cross country.

Nel 2004 a Les Gets si laurea campione del mondo tra gli Juniors.

Mentre nel 2006 a Rotorua e nel 2008 a Commezzadura è inserito nella categoria Under 23 (nel 2007 vince invece la medaglia d’argento).

Nino Schurter vince la Coppa del Mondo nella stafetta

Nella stagione 2006 e nel 2007 è anche campione del mondo con il quartetto svizzero del staffetta a squadre.

Nel 2008, ancora ventiduenne e ancora iscritto alla categoria Under-23, partecipa alla gara di cross country (open) dei Giochi olimpici di Pechino.

A Pechino vincerà la medaglia di Bronzo.

L’anno successivo, al primo anno nella categoria Elite, vince il suo primo titolo mondiale a Canberra.

Precedendo il quattro volte iridato e olimpionico in carica Julien Absalon.

Diventa così il secondo biker della storia a vincere il titolo iridato in tutte e tre le categorie agonistiche, dopo lo stesso Absalon.

Nino Schurter vince la prima Coppa del Mondo

Nell’aprile del 2010 vince la sua prima prova di Coppa del mondo in Inghilterra a Dalby Forest.

Seguita dalla vittoria nella tappa della Val di Sole, e al termine delle sei tappe del circuito può festeggiare la vittoria della sua prima Coppa.

Nell’estate del 2012 partecipa ai Giochi olimpici di Londra, dove vince la medaglia d’argento alle spalle di Jaroslav Kulhavý.

Meno di un mese dopo a Saalfelden si laurea per la seconda volta campione del mondo Elite.

Si ripete poi anche nel 2013 a Pietermaritzburg e nel 2015 a Vallnord.

Nelle stesse stagioni (2012, 2013 e 2015) conquista anche la classifica di Coppa del mondo.

Nel mese di Aprile del 2014 viene tesserato per la Orica-GreenEDGE, squadra professionistica di ciclismo su strada.

Con la quale corre il Giro di Romandia, il Gran Premio del Canton Argovia e il Giro di Svizzera: sono queste le sue uniche apparizioni su strada.

Leggi anche: Calendario Nazionale Ciclismo, le probabili nuove date.

Nino Schurter partecipa alle Olimpiadi di Rio

Nel luglio 2016 a Nové Město na Moravě vince il suo quinto titolo mondiale nel cross country Elite.

Solo un mese dopo partecipa per la terza volta alla gara di cross country dei Giochi olimpici, a Rio de Janeiro.

Questa volta riesce a imporsi in solitaria e a conquistare la medaglia d’oro, una delle tre vinte dal suo paese in quei Giochi.

2017: la Stagione perfetta di Nino Schurter

Nel marzo 2017, Schurter ha vinto per la prima volta l’Absa Cape Epic, la otto giorni della corsa a tappe sudafricana.

Insiema al compagno di squadra Scott-Sram Matthias Stirnemann hanno vinto otto minuti prima rispetto ai favoriti Christoph Sauser e Jaroslav Kulhavy.

Schurter ha vinto anche la Cape Epic in SudAfrica e vince il sesto titolo Mondiale.

Ha vinto tutti e sei i turni della Coppa del Mondo e ha realizzato come prima persona una stagione perfetta.

Così come il suo sesto campionato del mondo.

Dopo il 2017 continua a gareggiare per il team Scott-SRAM MTB Racing.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20