Mandatory Credit: Photo by SANTI OTERO/EPA-EFE/Shutterstock (10361988b) Italian rider Giacomo Nizzolo of Team Dimension Data wears the overall leader's cyclamen jersey during the second stage of the Vuelta a Burgos cycling race over 155km from Gumien de Izan to Lerma, Spain, 14 August 2019. Vuelta a Burgos cycling race, Lerma, Spain - 14 Aug 2019

Giacomo Nizzolo conquista il titolo di campione italiano di ciclismo su strada 2020 bissando il successo del 2016 al termine di una spettacolare volata. Il corridore bresciano della Ntt ha preceduto sul traguardo Davide Ballerini e Sonny Corbelli. Nulla da fare per il grande favorito, Vincenzo Nibali, che chiude fuori dai primi dieci.

LA CORSA

La tappa che regala a Nizzolo il titolo tricolore si snoda su un percorso di 254 km da Bassano del Grappa a Cittadella. Il ritmo è forsennato fin dall’inizio al punto che già nella prima ora di gara la velocità si aggira intorno ai 46km orari. Sulla prima salita della Rosina ci sono circa 26 corridori, ma la rapidità è tale fare subito selezione. Al penultimo passaggio che anticipa la salita della Tisa, rimangono in due, Fausto Masnada e Giulio Ciccone.

Presto si scatena la bagarre: ci provano il campione in carica Davide Formolo, Daniel Oss, Vincenzo Nibali, Sonny Colbrelli e Diego Ulissi. A questi si aggiungono Andrea Bagioli, Giacomo Nizzolo, Davide Ballerini, Alessandro De Marchi e Andrea Vendrame: Ciccone e Masnada vengono risucchiati. A circa 14km dal traguardo prova l’attacco De Marchi ma la sua azione è subito braccata dagli altri inseguitori. Tenta, poco dopo, anche Diego Ulissi, ma nulla da fare.

A un kilometro dal traguardo, Vincenzo Nibali prova l’affondo decisivo ma non guadagna neanche un metro perché l’arrivo verrà deciso in volata. Corbelli tenta di sorprendere tutti ma viene ripreso da Ballerini che sembra poter vincere, quando viene beffato da Nizzolo, abilissimo a farsi largo alzando cosi le braccia al cielo. Ballerini e Corbelli completano il podio. Chiudono tra i primi dieci, Vendrame, Sbaragli, Ulissi, De Marchi, Bagioli, Garavaglia e Formolo

Parigi Nizza 2020: Nizzolo batte Ackermann e Stuyven

Al termine della gara, Nizzolo è il ritratto della felicità: “Spesso le volate sono caotiche, non era facile impostarla. Sono arrivato in ritardo, ma volevo vincere. Mi piaceva questo percorso: sono veramente felice di aver coronato la gara con questa vittoria. Battistella? È straordinario, ha sempre ascoltato quello che gli chiedevo di fare. L’abbiamo gestita bene. Dedico questa vittoria soprattutto a me stesso, e a tutte le persone che mi sono state vicine”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20