“Abbiamo fatto una chiacchierata di due ore che ha riguardato 11 anni di storia e assieme abbiamo capito che era il momento giusto per intraprendere strade diverse”. Queste le parole del presidente Andrea Agnelli, nella conferenza stampa tenuta qualche giorno fa, per la quale affronta diverse tematiche a supporto delle ultime scelte, tra le quali il congedo del direttore sportivo Fabio Paratici.

Calciomercato: cosa farà Fabio Paratici?

Momenti caldi per le panchine della massima serie. Un valzer iniziato già da tempo. Cambiano allenatori, staff medico e spesso anche la dirigenza. Fabio Paratici è pronto a ripartire dal Tottenham. Il club londinese è alla ricerca di un direttore sportivo che prenda le redini lasciate vacanti da una figura di riferimento dal lontano 2008, anno dell’addio di Damien Comolli, al quale affidare il nuovo progetto. Nelle ultime ore i contatti tra le parti sono stati serratissimi e il presidente degli “Spurs” Daniel Levy si è convinto a ripartire dal dirigente piacentino. I termini dell’accordo sembrano siano già stilati, sembra quasi fatta. D’altronde non è un segreto, dopo la qualificazione in Europa Conference League strappata all’ultima giornata, per gli “Spurs” cadranno molte teste.

Cosa succederà ora?

A farne le spese, in primis, sarà l’allenatore Ryan Mason, assunto come traghettatore dopo il fallimento di Mourinho. Non a caso in queste ore viene associato al trasferimento del DS anche quello di Antonio Conte tecnico ex Inter. Tuttavia l’approdo al Tottenham di Fabio Paratici non è al momento legato in alcun modo ad un possibile ingaggio del tecnico leccese come successore di José Mourinho. Troppa la distanza sull’ingaggio, altrettanti i dubbi sulla competitività della rosa a disposizione. Tuttavia, secondo quanto riporta il Daily Maily, il dirigente piacentino lavora già al mercato del Tottenham. Non a caso, avrebbe compilato una lista da presentare al club londinese. Ovviamente nelle sue scelte vi è una corsia preferenziale in Serie A. Gli “Spurs” potrebbero tornare a bussare alle porte dell’Inter per qualche pezzo pregiato. L’idea è uno per reparto.

Gli orientamenti di mercato: Conte, Skriniar, Eriksen e Perisic

L’accostamento di mister Conte, in primo luogo viene associato prevalentemente agli orientamenti di mercato. Suo e indiscutibile il merito di aver valorizzato giocatori divenute pedine fondamentali di un percorso incredibile tra le file nerazzurre. Skriniar, obbiettivo nel reparto difensivo, oltre che emblema di compattezza e solidità, chiave del tricolore anticipato. L’ integrazione e l’impiego di Eriksen, altra scommessa vinta, potrebbe favorire il possibile ritorno del centrocampista in Premier. Notevole attenzione per l’esterno offensivo Ivan Perisic, fondamentale il suo ausilio nei momenti di non possesso e nelle ripartenze. Sicuramente il DS ha le idee chiare. Eventuali plusvalenze inciderebbero ad ammorbidire le difficoltà economiche dell’Inter. Non da escludere scenari che riportano ad un ingaggio sempre più distante proprio ad Antonio Conte, grande motivatore e tecnico vincente. Le divergenze però, oltre economiche, vertono su imprescindibili garanzie di un progetto. Le scelte di mercato menzionate sarebbero sicuramente un buon inizio.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20