post krasnodar

Ieri 28 Ottobre 2020 nello Stadio Krasnodar alle ore 21:00 si è disputata la partita Krasnodar-Chelsea di Champions League, vinta dai Blues con un poker iniziato nel primo tempo e concluso nel secondo tempo. Il Krasnodar aveva iniziato bene per la prima mezz’ora impensierendo e creando confusione negli Inglesi, ma poi si sono completamente arresi nella seconda frazione. Nel post Krasnodar-Chelsea si è parlato di tutti gli aspetti che hanno funzionato e di quello che non lo hanno fatto.

Leggi anche: Krasnodar-Chelsea 0-4: i Blues vincono in goleada

Post Krasnodar-Chelsea: le dichiarazioni di Murad Musaev

L’allenatore del Krasnodar Murad Musaev dopo la partita persa contro il Chelsea che li ha travolti ha rilasciato delle dichiarazioni nel post Krasnodar-Chelsea. Musaev ha detto: “Siamo stati abbastanza disciplinati nel primo tempo e non abbiamo avuto molte occasioni, ma due-tre possibilità di segnare, mentre abbiamo avuto un avversario che ha segnato il primo gol sfruttando le nostre debolezze, e gli altri gol sono derivati da tutto quello che è accaduto in campo nel secondo tempo.

Siamo riusciti ad aumentare il controllo del pallone, ma le occasioni che ci si sono presentate non le abbiamo sfruttate, è stato un nostro errore perché a questi livelli bisogna realizzare ciò che si crea. Sono comunque molto contento per i nostri 65 minuti di buon gioco, perché in campo ho visto una squadra, organizzata, ma che poi è caduta clamorosamente negli ultimi 20 minuti, e questo non doveva succedere”.

Musaev: le sue dichiarazioni sugli infortunati

Alla domanda sulla pressione della sua squadra Musaev risponde: “Prima di tutto Olson e Berg erano appena guariti e non potevano essere disponibili al cento per cento. Ci vorrebbe più aggressività e più spinta ed essere compatti, ma sono stato contento perché abbiamo dato tutto quello che potevamo dare, senza risparmiarci”.

Musaev: le sue dichiarazioni su Berg

Su Berg Musaev ha dichiarato: “Ha subito un duro colpo, ora dovremmo capire se è una cosa grave o meno, sono sicuro che alla fine del primo tempo avevamo tutta la forza per pareggiare, ma è difficile dire che non meritiamo il punteggio in classifica, e non possiamo dire che è immeritato perché il nostro gioco è stato quasi nullo. Ora che ci abbiamo cosparso di ceneri la testa, dobbiamo ripartire e pensare che ci sono altre partite che proveremo a vincere per ottenere il massimo dei risultati”.

Musaev: le sue dichiarazioni su Safonov

Alla domanda su che cosa non ha funzionato Musaev ha risposto: “Le partite si vincono tutti insieme, non voglio parlare di giocatori specifici ma Safonov ci ha aiutato molte volte, ogni portiere ha un periodo buono o meno buono, e si può sbagliare per poter migliorare sempre di più, e domani con la testa fredda analizzeremo tutti gli errori commessi ieri”.

Alla domanda su come la preparazione influisce sulla partita vera e propria Musaev dichiara: “E’ molto difficile prepararsi completamente nelle attuali condizioni dove in due o tre giorni devi far assimilare tutte le teorie e soprattutto la tattica, perché dobbiamo migliorare nel palleggio e nel possesso palla, e anche il fatto che non abbiamo opportunità di rotazione visto che giocano sempre gli stessi giocatori è un limite, poi come abbiamo detto prima c’erano giocatori che rientravano dopo la malattia e non erano pronti, e non avrebbero giocato nella loro posizione e formazione, quindi la tattica serve anche a questo e va studiata a fondo per poterla avere nella testa e sulle gambe”.

Post Krasnodar-Chelsea: le dichiarazioni di Frank Lampard su Ziyech

L’allenatore del Chelsea Frank Lampard dopo la vittoria roboante contro il Krasnodar in Champions ha rilasciato delle dichiarazioni nel post Krasnodar-Chelsea. Lampard su Ziyech ha detto: “Hakim Ziyech ha lavorato molto duramente per essere in forma ed ero molto entusiasta di avere la sua qualità nella squadra”. Ha portato molta qualità e calma quando era in campo e ha ottenuto un gol meritato. La sua prestazione è stata molto, molto buona se si considera che non ha iniziato una partita da marzo, quando è finito il campionato olandese.

È stato frustrante per lui e per noi il suo infortunio ha significato che non ha potuto iniziare, ma quello che ho visto in allenamento e quello che sapevo che stavamo firmando è un giocatore di immensa qualità con personalità per ricevere la palla e trovare assist e gol. Ne abbiamo visti molti scorci oggi e migliorerà. L’abbiamo portato qui per fare un lavoro, forse la gente se n’è scordata un po’ perché lo abbiamo ingaggiato a gennaio e gli è mancato l’inizio della stagione, ma stasera ha dimostrato di essere qui”.

Lampard: le sue dichiarazioni su Hudson-Odoi

Su Hudson-Odoi ha dichiarato: “Callum meritava una possibilità di giocare. Si è allenato molto bene di recente, abbiamo concorrenza in quelle aree e siamo anche nel bel mezzo di un periodo di partite molto intenso. Abbiamo bisogno di input da tutti i giocatori in attacco, e oggi lo abbiamo avuto: Callum che ha segnato, Hakim, Christian che ha segnato. Sono rimasto molto soddisfatto di quelle parti del nostro gioco. L’obiettivo sarà positivo per la sua fiducia. C’erano cose che mi piacevano nel suo gioco: la voglia di correre dietro la difesa, a volte uno contro uno non è andato a suo modo ma quando giochi in Champions e ottieni quel gol, conosco la sensazione di fiducia che può dargli”.

Lampard: le sue dichiarazioni su Rudiger e Jorginho

Su Rudiger Lampard ha detto: “Sono molto soddisfatto della prestazione di Rudiger e Zouma. Possono prendersi il merito della porta inviolata tra gli altri giocatori. Non avevo dubbi su Toni. La sua preparazione e professionalità sono state chiare da quando sono qui, sicuramente nelle ultime settimane, e sono stato contento dei livelli di concentrazione degli ultimi cinque per avere una reale voglia di mantenere la porta inviolata”.

Su Jorginho Lampard dice: “Jorginho ha avuto un tasso di rigori incredibilmente riuscito nella sua carriera, in particolare al Chelsea. La mia sensazione è che quando prendi tanti rigori quanti ne prende lui, ci possono essere periodi in cui ne perdi uno, a volte ne perdi uno o due, l’ha sperimentato da giocatore, ma non ho problemi con il suo stile di prenderli. So che Timo è molto capace di prendere i rigori come abbiamo visto, abbiamo altri giocatori che possono, quindi parlerò con i giocatori in seguito per vedere come andiamo avanti, ma abbiamo buoni giocatori nel club”.

Lampard: le sue dichiarazioni su Abramovich

Alla domanda su Abramovich che era presente allo stadio con 11.000 tifosi Lampard ha risposto:”Sapevo che era alla partita e questo ci rende tutti felici. Sento sempre il sostegno del proprietario, che sia alle partite o meno. Averlo qui è un bel bonus per me e per la squadra, e ovviamente gli siamo molto rispettosi. Non sono riuscito a vederlo, quando sono uscito per il riscaldamento non c’era, ma sono molto contento che abbiamo fatto una buona prestazione con quattro gol e porta inviolata nel suo paese. Spero che lo abbia reso felice”.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20