fbpx
Ottobre19 , 2021

Quell’interesse di Nico Hulkenberg per la IndyCar

Related

Venezia-Fiorentina- 1-0: i lagunari battono i viola

Oggi 18 Ottobre 2021 nello Stadio Pierluigi Penzo alle...

Lecce vs Perugia: in tv e formazioni

Lecce vs Perugia è una delle partite della nona...

Lazio – Olympique Marsiglia: in tv e formazioni

Lazio - Olympique Marsiglia è una delle partite in...

Pisa vs Pordenone (probabili formazioni e Tv)

Gara valida per la nona giornata della Serie B...

Honda e KTM su Quartararo: una bomba che infiamma la MotoGP

Non si ferma mai il mercato piloti. Ad accendere...

Share

Nico Hulkenberg potrebbe provare una IndyCar. Lo riporta il sito tedesco Motorsport Total, il quale ha appurato che l’attuale tester Aston Martin (e Mercedes) ha parlato con Ed Carpenter per un ipotetico test. Niente di ufficiale, ancora, ma sembra che l’ex pilota Renault, Williams e Force India abbia interesse ad assaggiare la serie americana.

Nico Hulkenberg in IndyCar sulle orme di Grosjean?

A Motorsport Total, Ed Carpenter ha confermato l’interesse di Hulkenberg nei confronti della massima serie americana. “Ho parlato con Nico diverse volte nell’ultimo anno e mezzo“, ha detto il pilota e team owner. “Penso che sia decisamente interessato a venire qui per provare la IndyCar almeno in un test. Ma questo non funziona solo perché vuoi farlo“. Carpenter sostiene che le buone prestazioni di Romain Grosjean possa spingere altri piloti usciti dal giro della F1 a tentare la sorte nella categoria USA, anche se la cosa non va data per scontata. Hulkenberg è senza un volante dal 2019, quando la Renault (oggi Alpine) lo ha sostituito con Esteban Ocon. C’è poi un dettaglio interessante: uno degli sponsor del team è la Sonax, una compagnia tedesca di prodotti per la pulizia dell’auto. Lo sponsor tedesco può spingere per un pilota tedesco? Carpenter lo esclude, perché il contratto è con la filiale americana, e non con la sede centrale in Germania. Tra l’altro, la filiale USA della Sonax è di proprietà di Tony George, patrigno di Carpenter ed ex capo della IndyCar.

I movimenti di mercato

Per il 2022, Ed Carpenter si sta muovendo per definire la sua lineup. Rinus Veekay è di fatto confermato, considerando le sue performance e la sua giovane età, che lo rendono buono per un progetto a lungo termine. Ed vorrebbe un secondo pilota full time, e Conor Daly è in cima alla lista. C’è il problema della sponsorizzazione: il team spera di finalizzare qualcosa con la US Air Force, ma essendo un ente governativo, i tempi di risposta sono lunghi. Carpenter continuerà a correre solo sugli ovali, e potrebbe farlo con una terza vettura. In quel caso, gli servirebbe un altro pilota per far girare la macchina sugli stradali. Hulkenberg potrebbe candidarsi per quel ruolo, se deciderà di provare, altrimenti si andrà a guardare nomi già editi come quello di Oliver Askew. Il pilota della Florida se l’è cavata molto bene a Road America, dove ha sostituito l’infortunato VeeKay.


IndyCar: la Silly Season di mezza estate


Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20