Marcelo resterà un giocatore del Real Madrid. Decisiva anche la volontà di Carlo Ancelotti. L’esterno brasiliano è in scadenza di contratto nel giugno 2022. Preoccupato dalle numerose voci di mercato, il brasiliano ha contattato dalla dirigenza del Madrid che lo ha rassicurato sulla sua permanenza. Con Ancelotti ha disputato una stagione da record nel 2014/15 giocando ben 53 partite.

Marcelo non si tocca: Il Real Madrid ringrazia


La gratitudine e la stima nei suoi confronti è tale e rimarrà tale. Quasi tre decenni trascorsi nei “Blancos”, protagonista del ciclo imperiale delle quattro Champions in cinque anni, un cammino iniziato nel 2006 quando Pedja Mijatovic chiuse la trattativa con la Fluminense per il “successore di Roberto Carlos”. Quindici anni, 528 partite giocate. Ad un titolo, per divenire il giocatore più vincente della storia del Real Madrid. Una possibilità che non verrà preclusa e che, come dovrebbe essere confermato, l’addio di Ramos, proseguirà ancora con la fascia di capitano. Il percorso di un giocatore di tale spessore impone al Club la libertà sulle sue eventuali scelte future. La sua volontà sembra chiara: proseguire a Madrid. La città ringrazia sa che può contare su di lui. Smentite voci su possibile cessione. Marcelo avrà la possibilità di vincere ancora, entrando a far parte della storia dei “Blancos”.


Real Madrid: ritorno di fiamma per Ancelotti


La permanenza non garantisce un posto da titolare

La gratitudine non corrisponde ad un utilizzo indiscusso del difensore. La fascia sinistra è occupata da Ferland Mendy, nazionale francese, ed il reparto difensivo punta su Miguel Gutiérrez Ortega, giovane centrale con buone capacità di palleggio ed impostazione, cresciuto nelle giovanili dei “Blancos”, sul quale si edificheranno la basi del futuro. Tatticamente il suo ruolo è quello di terzino sinistro di una difesa a 4, ma può adattarsi bene anche alla posizione di centrale mancino di una linea difensiva a 3.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20