Roberto Mancini, l’allenatore dalla forte empatia, possiamo annoverarlo tra i grandi numeri 10 del calcio italiano. Un talento puro, con incredibili colpi da autentico fuoriclasse. Da calciatore si può affermare che abbia vinto quasi tutto indossando la casacca sampdoriana prima e quella laziale successivamente. Da allenatore fino ad oggi è stato un po’ altalenante, facendosi comunque notare conquistando la premier inglese con il Manchester City. In Italia invece è riuscito ad ottenere successi allenando l’Inter e qualcosa con la Lazio. Da sottolineare una breve esperienza turca e russa non troppo esaltante.

Mancini: cosa dice la sua carta natale?

Nasce a Jesi il 27/11/64. Il Sole in Sagittario è duramente afflitto da Saturno e Marte. L’astrologia ci insegna che quando ci sono questi aspetti, il rapporto col padre è complicato. Possono verificarsi due condizioni: un padre assente oppure nella maggioranza dei casi, un padre responsabile, freddo e distaccato sentimentalmente. Nel caso di Mancini, il padre è sempre stato presente per cui lo immaginiamo con carattere schivo, di poche parole e lontanissimo dal concetto di amorevole. Caratterialmente “il Mancio” sembra aver subito questa assenza di empatia ed affetto paterno. Infatti, il suo atteggiamento assomiglia molto a quelle persone consapevoli che non esiste successo tanto grande da meritarsi un “bravo Roberto”.

Inno alla vita e alla speranza: grazie Luis Enrique

I tanti pianeti nella vergine confermano la sua propensione all’ordine e alla pulizia, nonché la sua particolare attenzione al capello ed al suo modo di vestire. A proposito di look e dei suoi pianeti in vergine, forse non tutti sanno della sua passione per la moda! Addirittura era lui stesso che disegnava le divise della Sampdoria. I valori vergine confermano anche la sua grande umiltà, attenzione ai particolari e una leggera e velata difficoltà di fondo nel riconoscersi uomo di talento.

Roberto Mancini e il suo europeo

È sempre difficile prevedere qualcosa quando si parla di sport collettivi, perché i grafici da osservare sarebbero troppi! Dovremmo considerare tutti i grafici di nascita dei calciatori, nonché quello del presidente della federazione italiana lega calcio. Insomma, teoricamente è possibile, ma in pratica la questione si fa più complessa. Quello che però possiamo dire è che l’immagine del CT della nazionale ne uscirà vincente e questo grazie ad un bellissimo aspetto che Giove di transito lancia a Venere. E’ possibile sbilanciarci sulla possibilità di un riconoscimento, Plutone è in sestile verso il punto più alto dell’oroscopo che corrisponde alla carriera, Nettuno in transito nella prima casa è in buon aspetto al Nettuno natale.

Mi mancano altri elementi per fare previsioni più accurate, ma il terzo posto è altamente raggiungibile, nella speranza che magari la Luna con il suo veloce passo giornaliero possa dare qualche colpo decisivo. Se dovesse arrivare in finale l’11 luglio, Roberto Mancini e l’empatia troveranno la luna in trigono perfetto al suo Sole, vuoi vedere che

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20