Oggi 26 Maggio compie 63 anni Roberto Ravaglia, l’ex pilota automobilistico Italiano.

Soprannominato “Il Doge” e Principe del Turismo, ha iniziato con i Kart, per poi passare alla Formula 3.

 Attualmente gestisce il Team Italy-Spain.

Leggi anche: Julián Leal: il pilota colombiano che ama l’Italia.

La Carriera di Roberto Ravaglia

Roberto Ravaglia inizia la carriera di pilota con i kart, ma visto le sue scarse disponibilità economiche non potrà passare alle formule minori.

Nel 1980, Ravaglia stava studiando ingegneria meccanica a Padova.

Ma il settimanale Autosprint, ricevuta in regalo dalla FIAT una vettura di Formula Fiat Abarth, indice una selezione tra giovani piloti per assegnare la vettura.

E garantisce la partecipazione al campionato, la scelta finale del caporedattore Marco Magri, che era anche pilota di vetture Turismo, cadrà proprio su Ravaglia.

Roberto finisce il campionato in quarta posizione e ottiene i giri più veloci in gara.

Per questo motivo riceverà la chiamata di Pino Trivellato per disputare il Campionato italiano di Formula 3 dell’anno seguente, in cui vincerà la sua prima gara automobilistica.

Le poche disponibilità economiche non gli permettono di continuare a correre con le “ruote scoperte”.

E così deciderà nel 1984 di accettare l’offerta della BMW per correre nei Campionati Turismo e nelle gare di durata.

Con la BMW correrà praticamente per tutta la carriera agonistica vincendo 1 campionato mondiale (1987), 2 europei (1986, 1988).

Tre italiani (1990, 1991, 1993), 1 tedesco (1989), 2 volte la 24 Ore del Nürburgring (1989, 1995) e 3 quella di Spa (1985, 1988, 1994).

Attualmente è proprietario di una concessionaria BMW e gestisce il Team Italy-Spain.

Con cui ha vinto 1 Campionato europeo superturismo nel 2001 (con Peter Kox) e 1 italiano nel 2005 (con Alex Zanardi) entrambi con BMW.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20