La Juve batte in rimonta il Milan e vede ormai vicinissimo il traguardo dell’ottavo scudetto consecutivo. Se il Genova dovesse vincere stasera a Napoli, i bianconeri, infatti, si laureebbero campioni d’Italia con sette giornate d’anticipo, cosa mai accaduta nella storia del campionato italiano.

Vittoria sofferta quella sui rossoneri, che comandano il gioco e trovano il vantaggio nel finale di primo tempo con Piatek. Nella ripresa, però, la Juve reagisce alla grande pareggiando con Dybala su calcio di rigore. Poi, a sei minuti dal termine, trova il goal vittoria grazie ad un diagonale di Kean.

La Partita:

Ancora indisponibili Cuadrado, Barzagli, Douglas Costa e Ronaldo, Allegri decide di schierare un 3-4-1-2 con Bernardeschi a supporto delle punte Mandzukic e Dybala. A centrocampo, Emre Can e Bentancur, con Alex Sandro e Spinazzola nel ruolo di esterni. In difesa, davanti a Szczesny, ci sono Bonucci, Rugani e De Sciglio

4-3-3 per il Milan di Gattuso: Reina in porta, Musacchio e Romagnoli centrali, mentre Calabria e Rodriguez sono i terzini. A centrocampo, Bakayoko, Kessie’ e Calhanoglu. In avanti, Piatek, Borini e Suso.

Primo tempo:

Parte forte il Milan. Già dopo due minuti, Piatek non trova la porta di un soffio da ottima posizione. Al 14′, Bernardeschi serve in profondità Dybala, colto però in fuorigioco. Al 24′, Emre Can subisce una distorsione alla caviglia e viene sostituito da Khedira. Un minuto dopo, Bakayoko calcia a colpo sicuro in area bianconera ma trova l’opposizione di un suo compagno. Al 35′, i rossoneri protestano per un evidente fallo di mano di Alex Sandro. L’arbitro dopo aver consultato il VAR lascia proseguire. Al 40′, il Milan passa: Bakayoko sfrutta un errato disimpegno di Bonucci a Bentancur per servire Piatek, che di piatto infila Szczesny in uscita. Sul finale di tempo, una spettacolare rovesciata di Mandzukic costringe Reina alla deviazione in corner.

Secondo tempo:

L’inizio ripresa è ancora favorevole al Diavolo che confezione due buone occasioni con Piatek e Borini. A sorpresa, la Juve pareggia: Dybala viene steso in area da Musacchio costringendo l’arbitro a concedere il rigore. Dal dischetto il numero 10 argentino spiazza Reina. Allegri decide di inserire Pjanic per Spinazzola e Kean per Dybala. Ed è un’altra Juve. Al 67′, Musacchio si oppone a Bentancur. Al 71′, Kean calcia alto da buona posizione. Al 79′, Alex Sandro, di testa, non trova la porta per un niente. Ci prova anche Bernardeschi ma senza fortuna. All’84’, però, Kean non sbaglia finalizzando con un diagonale un pregevole assist di Pjanic. Nei quattro minuti di recupero, i rossoneri vanno all’assalto ma la difesa bianconera non concede spazi.

Il Tabellino:

JUVENTUS (3-4-1-2): Szczesny, De Sciglio, Rugani, Bonucci, Alex Sandro, Bernardeschi, Emre Can (25′ pt Khedira ), Bentancur, Spinazzola (61’st Pjanic ), Dybala (66’st Kean ), Mandzukic. A disp: Pinsoglio, Del Favero, Chiellini, Matuidi, Cancelo, Pjanic, Kean, Khedira , Nicolussi. All. Massimiliano Allegri

MILAN (4-3-3): Reina, Calabria (40’st Cutrone), Musacchio, Romagnoli, Rodriguez, Kessie ‘, Bakayoko, Calhanoglu, Suso (76’st Castillejo ), Piatek, Borini. A disp : Soncin, Mauri, Bertolacci, Zapata, Abate, Biglia, Strinic, Caldara, Laxalt. All. Gennaro Gattuso

Marcatori: 39’pt, Piatek (M), 60’st, rig. Dybala (J), 84’st, Kean (J)

Arbitro : Micheal Fabbri

Angoli: 5-8

Recuperi: 4’pt, 4’st

Note: 40.057 spettatori

Ammoniti: Bernardeschi, Musacchio, Calhanoglu, Mandzukic

Please follow and like us:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.