La sfida di domenica sera, tra Pordenone e Ascoli, profuma, indubbiamente, di alta classifica. Sono quattro i punti di distacco, che separano le due squadre, nella classifica della Serie B, ma la distanza potrebbe ridursi, notevolmente, in caso di vittoria dei bianconeri. Una vittoria che, certamente, non sarà semplice ottenere.

PORDENONE

Il Pordenone, rivelazione assoluta di questo campionato, è, infatti ancora imbattuto nelle gare casalinghe, disputate alla Dacia Arena. La squadra di mister Tesser si presenta, alla sfida, forte della vittoria esterna ottenuta, nell’ultimo match di campionato, contro il Cosenza. Vittoria che ha lanciato i friulani al secondo posto, in solitaria, dietro alla capolista Benevento. Le statistiche parlano chiaro; in casa, il Pordenone ha collezionato 6 vittorie e 2 pareggi, mettendo a segno 13 reti e subendone soltanto 2.

ASCOLI

Anche l’Ascoli è reduce da una vittoria, nell’ultima giornata di campionato. La squadra di Zanetti ha sconfitto, per 1-0, il Cittadella, contendente diretta dei bianconeri in zona playoff. Per i marchigiani inizia, con domenica, una serie con avversarie dirette per ottenere la promozione. Dopo la trasferta a Udine, l’Ascoli dovrà, infatti, vedersela con il Pisa e con la capolista Benevento. La compagine di Zanetti non ha un buon score sulle partite esterne. I bianconeri hanno ottenuto soltanto una vittoria fuori casa, contro i 2 pareggi e le 5 sconfitte rimediati nelle altre trasferte. Quella contro il Pordenone, si prospetta una partita da non sbagliare, per non rischiare di perdere punti preziosi in classifica e arrivare con entusiasmo alle altre due sfide contro le rivali.

EX DELLA PARTITA

Sono ben tre i giocatori del Pordenone ad aver indossato la divisa bianconera, dell’Ascoli, e che domenica sfideranno la loro ex squadra.

Il terzino destro Alberto Almici ha giocato 66 partite, con i marchigiani, durante le stagioni 2015-2017, realizzando anche 5 assist. Anche il suo compagno di reparto, Alberto Barison, difensore centrale dei neroverdi, ha vestito la casacca dell’Ascoli. Il centrale, con il Picchio, ha collezionato 5 spezzoni di partita, in campionato, e 2 presenze in Coppa Italia, nella stagione 2014/2015. L’ultimo ex giocatore è l’attaccante Gaetano Monachello, che, nella stagione 2017/2018, mise a segno 7 reti in 23 presenze, rendendosi grande protagonista della salvezza dei bianconeri.

Un altro ex della partita, è l’allenatore Attilio Tesser, che ha allenato l’Ascoli nella stagione 2006/2007, per le prime 11 giornate. Tesser è stato, poi, esonerato a causa degli scarsi risultati ottenuti, durante l’avvio di stagione (4 pareggi e 7 sconfitte, nessuna vittoria)

Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.