fbpx
Ottobre21 , 2021

Superbike Barcellona: Sykes distrugge tutti in Superpole

Related

Zenit-Juventus 0-1: Kulusevski avvicina i bianconeri agli ottavi

La truppa di Massimiliano Allegri mette a segno il...

La Lazio ha il re del centrocampo: Milinkovic

Milinkovic-Savic negli ultimi anni è diventato uno dei giocatori...

Sergio Garcia non ci sarà a Misano

Il Gran Premio di MotoGP di Misano è ormai...

Mainz 05 vs Augsburg: pronostico e possibili formazioni

Due squadre della Bundesliga posizionate nella metà inferiore della...

Share

Tra i due litiganti, il terzo gode. Con uno stratosferico 1’40″4, Tom Sykes firma la sua 51esima superpole in carriera, in occasione del round del mondiale Superbike a Barcellona. L’iridato 2013 rifila quasi tre decimi ai due pretendenti al titolo mondiale, Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea, che lo accompagneranno in prima fila per gara 1 di oggi. Scott Redding resuscita la Ducati con il quarto tempo, e apre la seconda fila assieme ad Andrea Locatelli e Leon Haslam. Quest’ultimo salva la giornata della Honda, visto che Alvaro Bautista è solo 16esimo. Michael Ruben Rinaldi, Michael Van Den Mark e Garrett Gerloff chiudono la top ten.


SBK: il resoconto delle prove libere a Barcellona


Superbike Barcellona: cosa avviene in Superpole?

La tanto temuta pioggia non è arrivata. Il sole splende al Montmelo, e già al primo turno i tempi sono buoni. Nel primo run Sykes prenota già la prima posizione, rifilando più di due decimi alla concorrenza. La sua BMW fa la differenza dal secondo settore in poi, cosa che impedisce alla concorrenza di scavalcarlo. Razgatlioglu è davanti a Rea, con una sorta di marcamento “a uomo” in ottica mondiale. Il secondo run non cambia di molto le cose. I tempi si abbassano sul 40″4, mostrando una pista assai veloce. Redding è il primo ad attaccare, ma Toprak e Rea lo battono subito. Sykes è l’ultimo ad uscire, quando mancano 3 minuti alla conclusione. Ma al campione del mondo 2013 basta un solo giro veloce per riprendersi la superpole, dando quasi tre decimi all’attuale leader della classifica iridata. Haslam salva la reputazione della Honda pur con una sessione non perfetta: al primo run passa sul verde all’ultima curva, ed il giro è cancellato. Bautista, invece, non cava un ragno dal buco, e vede la top ten con il binocolo. Meno male che a novembre la storia finirà, e potrà salire su una Ducati…a proposito di Ducati, Axel Bassani fa trottare ancora la propria Panigale indipendente con un’ottima 11esima posizione. Ottimo anche Samuele Cavalieri, 14esimo con la sua Ducati Barni. Appuntamento a oggi pomeriggio, con la prima delle tre gare in programma.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
spot_img
Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20