fbpx

Superbike, Montmelo: assolo di Bautista in gara 1

Date:

Il rosso della Ducati è il colore che domina gara 1 del mondiale Superbike in una Montmelo insolitamente fredda. Alvaro Bautista comanda le operazioni dall’inizio alla fine una corsa dove la frase chiave è la gestione delle gomme. Una gestione che fa una vittima illustre come Toprak Razgatlioglu, oggi giù dal podio. Rea coglie la piazza d’onore, con Garrett Gerloff che ritrova il podio dopo oltre un anno. Benino gli italiani.

Superbike, Montmelo: cosa succede in gara 1?

Il poleman Iker Lecuona viene bruciato al via dalle due Kawasaki ma soprattutto da Bautista e da Razgatlioglu, partiti dalla seconda e dalla terza fila. Sono loro due a contendersi la prima posizione a suon di giri veloci, con differenze dell’ordine dei centesimi. Rea, invece, è in affanno nelle prime curve, chiudendo il primo giro in settima posizione. La sua Kawa non appare a posto di ciclistica: impiega tre giri per superare Axel Bassani, tanto competitivo quanto coriaceo. A difendere l’onore dei “Verdi” ci pensa Lowes, che però perde la terza posizione superato da Lecuona. Gli ultimi quattro-cinque giri rivoluzionano la classifica, complice la pista catalana che stressa molto sia le gomme anteriori che quelle posteriori. E Toprak paga il dazio più caro, precipitando da secondo a quinto in sole due tornate. Rea riprende vigore e risale pian pianino verso la seconda posizione. Gerloff conquista il podio superando il caposquadra Razgatlioglu, e tenta di rubare a Rea la seconda piazza. L’unico che sembra non soffrire di queste problematiche è proprio Bautista, che taglia il traguardo con oltre dieci secondi di vantaggio.


Superbike, Montmelo: sorpresa Iker Lecuona in Superpole


Italiani bene, ma non benissimo

Rinaldi al via è nei primi cinque, ma sbaglia la prima curva e slitta nono. Il riminese gestisce bene le sue coperture e risale al quarto posto. Axel Bassani arretra fino all’ottava posizione, dopo aver lottato come un leone contro Lowes, Rea e Andrea Locatelli, che chiude nono. Eugene Laverty completa la top ten, a lungo contesa dal suo compagno di team Loris Baz e da Xavi Vierge. Roberto Tamburini è l’ultimo italiano a vedere il traguardo, in un’onestissima 13esima posizione. Luca Bernardi è toccato al via da Michael Van Den Mark, e non completa nemmeno il primo giro. L’episodio è sotto la lente d’ingrandimento dei commissari: l’olandese di BMW è a rischio sanzione. A proposito di BMW: Scott Redding è out, per una caduta in curva 1.

Commenti
Please follow and like us:
Tweet 20
fb-share-icon20
Riccardo Trullo
Aspirante giornalista sportivo e membro orgoglioso della famiglia Periodicodaily. La mia specialità è il motorsport, in particolare la MotoGP ed il panorama americano di NASCAR, IndyCar, IMSA. Non disdegno la F1, campionato che seguo da una vita. E già che ci sono, butto un occhio nel settore delle auto di serie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related

Addio a Davide Rebellin, l’ex corridore muore travolto da un camion

È un giorno triste per il ciclismo che dice...

Cosa sono le Hypercar di Le Mans?

La gara di resistenza di 24 ore che si...

Logan Sargeant rivela la scelta del numero di F1

Nel 2014 la F1 ha modificato le regole relative...

DATE E AREA DI GARA CONFERMATE PER LA 37ª COPPA AMERICA

L'area di regata sia per la Challenger Selection Series...